Home Cani L’alito cattivo nel cane: cosa può rappresentare?

L’alito cattivo nel cane: cosa può rappresentare?

CONDIVIDI

alito cane

Accade spesso che il nostro adorabile compagno a 4zampe ha un alito cattivo al quale non diamo molta importanza. In realtà si tratta di una patologia denominata “alitosi” provocata da batteri presenti nella bocca, nei polmoni e nell’intestino dell’animale.

Oltre allo sgradevole effetto, l’alitosi potrebbe indicare non solo la necessità di un’igiene più accurata, ma anche problemi più gravi legati al fegato, ai reni o al tratto gastrointestinale.

Anche se nella maggior parte dei casi, l’alito cattivo è provocato da malattie gengivali o ai denti, soprattutto negli esemplari di piccola taglia nei quali è più facile lo sviluppo della placca e del tartaro, conviene sempre avere un occhio di riguardo all’insorgere di questo fenomeno e scartare ipotesi di patologie più serie.

Il veterinario potrà effettuare una diagnosi con una serie di esami di laboratorio, per cui conviene effettuare un controllo nel caso in cui improvvisamente l’alito del cane si fa cattivo, se l’alito ha un odore dolce che potrebbe essere indicativo di un problema di diabete. Anche nel caso in cui l’alito odora di urina, vi potrebbe essere una malattia renale oppure se il cattivo odore è accompagnato da altri segnali come vomito, mancanza di appetito, cornee e gengive giallastre, che potrebbero ricollegare l’alitosi ad un problema epatico.

Per trattare l’alitosi, nel caso in cui sia provocata dalla placca, sarà sufficiente una pulizia dei denti più accurata (clicca qui) e il cambio regime alimentare. Laddove il problema risale ad altre patologie, gastrointestinali, epatiche o polmonari, in base alla diagnosi, il veterinario stabilirà la cura più adeguata per curare l’animale.

Come sempre, la prevenzione, soprattutto negli esemplari più anziani, potrà aiutare a contenere l’insorgenza dell’alito cattivo: è bene sottoporre l’animale a visite veterinarie regolari, dare un alimentazione corretta al cane (le crocchette in tal senso aiutano a mantenere puliti i denti), spazzolare i denti anche una volta al giorno, lasciare a portata del cane dei giocattoli o delle ossa che lo aiutano a tenere puliti i denti, come anche degli snack per l’alito cattivo che si trovano in commercio.