Home Cani Lo Skye terrier: caratterino tutto pepe

Lo Skye terrier: caratterino tutto pepe

CONDIVIDI

Lo Skye Terrier è una varietà di terrier dalla corporatura lunga e bassa, riconosciuto dalla FCI nel gruppo 3 sezione 2. Lo Skye è un’isola scozzese dell’arcipelago delle Ebridi. Le origini della razza non sono chiare perché lo Skye terrier, nel Settecento e nell’Ottocento, veniva indicato con una grande varietà di nomi (Glasgow terrier, Paisley terrier, Fancy skye terrier ecc.), il che ha ingenerato molta confusione. La sua patria è comunque la Scozia e le sue origini sono certamente antichissime.

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE: È un cane lungo due volte la sua altezza, basso sugli arti, con pelo abbondante. La testa è lunga e potente; il cranio alla sua sommità è di larghezza moderata e si restringe gradualmente verso il muso forte. Lo stop è leggero. Gli occhi sono di colore marrone, preferibilmente scuro, di media grandezza e piuttosto vicini tra loro. Le orecchie erette sono elegantemente ricoperte di pelo, non grandi; il loro margine esterno è perpendicolare all’attaccatura, mentre quello interno è obliquo dalla punta verso l’attaccatura; se sono pendenti, il padiglione auricolare è più grande e ricade diritto, piatto e aderente al cranio. Gli arti sono corti, muscolosi e diritti. Pelo: lungo, duro, diritto, piatto, non arricciato. Sottopelo corto, fitto e lanoso. Colore: nero, grigio scuro o chiaro, fulvo, crema, tutti con punte nere. Taglia: maschi 25-26 cm, con una lunghezza di 105 cm dalla punta del naso alla coda; femmine leggermente più piccole, con le stesse proporzioni.

CARATTERE E ATTITUDINI: È il cane di un solo padrone, a cui si lega quasi morbosamente. È invece molto diffidente verso chi non conosce, pur non essendo mordace. Ha un caratterino piuttosto pepato ed è difficile imporsi a lui o costringerlo a stare relegato. È un cane da caccia in tana, anche se oggi è molto più diffuso come animale da compagnia: simpaticissimo, sorprendentemente agile, è capace di tenere il giardino completamente sgombro da animaletti selvatici, roditori e altro. Non è molto diffuso in Italia, ma i soggetti presenti sono di altissimo livello.