Home Cani Salute dei Cani Cura del pelo del Bovaro delle Fiandre dalla spazzola al bagno

Cura del pelo del Bovaro delle Fiandre dalla spazzola al bagno

Cosa è importante conoscere sulla cura del pelo del Bovaro delle Fiandre? Tutto quello che bisogna sapere dalla spazzola al bagno.

Bovari delle Fiandre
(Foto AdobeStock)

Un cane bello è anche un cane pulito: per questo è assolutamente importante sapere come e quanto usare la spazzola, quante volte fargli il bagnetto e conoscere i segreti della sua toelettatura. Ecco quindi tutto quello che c’è da sapere sulla cura del pelo del Bovaro delle Fiandre e sulla sua pulizia, che ovviamente dipende dal suo specifico tipo di pelo: quali sono i segreti sul suo manto e sulla sua igiene personale.

Il pelo del Bovaro delle Fiandre: caratteristiche generali

La prima cosa che notiamo in un cane è probabilmente proprio il suo manto e, in questo caso, difficilmente riusciremo a dimenticarlo. Si tratta infatti di un pelo molto folto e, sebbene dia l’idea di essere morbido, non lo è affatto.

Alimentazione del Bovaro delle Fiandre
(Foto AdobeStock)

Al tatto infatti appare molto ruvido e poco soffice, merito forse del suo sottopelo che, se da una parte lo rende praticamente impermeabile, dall’altra lo indurisce a contatto con la mano. Proprio grazie a questo doppio strato, il Bovaro delle Fiandre presenta un’ottima resistenza ai cambiamenti climatici, soprattutto in caso di basse temperature.

Per quanto riguarda il colore invece la gamma di colori è piuttosto limitata: infatti ci si muove dal grigio fino al fulvo, ma può anche essere del tutto scuro o nero.

Cura del pelo del Bovaro delle Fiandre: quanto e come spazzolarlo

Proprio per la sua specifica ruvidità e durezza, questo manto non andrebbe quasi mai spazzolato o lavato, perché ciò non lo renderebbe affatto più morbido. E neppure usare prodotti districanti può essere una buona soluzione.

Bovaro delle Fiandre
(Foto AdobeStock)

Tuttavia non significa che bisogna trascurarlo: procuriamoci una di quelle spazzole, molto facili da trovare in commercio, che hanno i denti in ferro. Grazie a questo specifico strumento infatti sarà più facile eliminare il sottopelo e favorire la rigenerazione del manto stesso.

Dato che i denti di ferro della spazzola sono piuttosto duri, non bisogna essere troppo ‘energici’ nelle spazzolate ma sempre avere delicatezza: il cane deve rilassarsi e vivere il momento della toelettatura come un relax.

Potrebbe interessarti anche: Cosa mangia un Bovaro delle Fiandre: cibi, dosi e rischi

Cura del pelo del Bovaro delle Fiandre: e il bagnetto?

In realtà non vi sono indicazioni precise sulla periodicità del bagnetto al Bovaro delle Fiandre: alcuni padroni sostengono che non bisognerebbe mai fare il bagno a questo esemplare più di una o due volte all’anno.

Alimentazione del Bovaro delle Fiandre
(Foto AdobeStock)

Potrebbe interessarti anche: Scopri il carattere del cane suddiviso per razze canine: tutti gli esemplari a confronto

Per sicurezza è sempre meglio chiedere al nostro veterinario di fiducia, ma anche regolarci in base alle ‘necessità’: se il cane si è sporcato e il manto inizia ad avere un odore diverso dal solito, forse è il caso di lavarlo con acqua tiepida e prodotti adatti al suo tipo di pelo.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio D’Agostino