Home Cani Salute dei Cani Forasacco nel cane: come riconoscerlo, i sintomi e i rimedi

Forasacco nel cane: come riconoscerlo, i sintomi e i rimedi

CONDIVIDI

Il forasacco è un pericolo per il cane, diffuso soprattutto nei mesi più caldi: come riconoserlo, quali sono i sintomi e quali i rimedi più efficaci?

forasacco cane rimedi sintomi

Tra tutti i pericoli che il cane può correre nei mesi più caldi dell’anno, il forasacco è uno di quelli più temuti: si tratta dell’arista delle spighe di diverse piante graminacee, che finchè sono verdi non causano problemi ma diventano pericolose per i nostri amici a quattro zampe quando si seccano.

Il forasacco è un problema soprattutto per i cani a pelo lungo ed è importante imparare a riconoscerlo: in questo articolo scoprirai cosa sono i forasacchi, come evitarli, i sintomi e i rimedi.

Cane e forasacchi: cosa sono e perchè sono pericolosi?

forasacchi nel cane

Forasacchi, come riconoscerli?

I forasacchi sono delle piccole spighe che appartengono ad alcune specie di graminacee e che, quando si seccano, diventano pericolose per i cani.
Con una caratteristica forma a lancia, rivestite da una zigrinatura fitta e particolarmente ispida, sono molto diffuse nei mesi caldi dell’anno (da aprile ad ottobre).

I forasacchi si trovano non soltanto in campagna, ma anche in città e ce ne sono a decine su ogni spiga. Sono facili da incontrare perchè si depositano soprattutto ai lati delle strade e lungo i marciapiedi.

Perchè il forasacco è pericoloso?

Il forasacco nel cane rappresenta un potenziale pericolo in quanto si attacca al pelo dell’animale e poi si sposta grazie ai movimenti del nostro amico a quattro zampe, fino a conficcarsi nella cute. Una volta conficcati, iniziano ad avanzare nei tessuti dove possono causare problemi di salute anche gravi.

Se il forasacco causa un’infezione, infatti, il cane manifesterà problemi di arrossamento, fuoriuscita di pus, comparsa di edema e gonfiore accompagnato da dolore nella parte interessata.

Forasacchi: zone a rischio e sintomi

forasacchi

Forasacco nel cane, le zone più a rischio

I forasacchi tendono a penetrare più facilmente in alcune aree del corpo del cane, che vanno controllate minuziosamente dopo la passeggiata: solitamente, le parti più colpite sono le orecchie, il naso, la bocca, le zampe (anche gli spazi tra le dita e i cuscinetti), la zona ascellare, l’inguine, i genitali e la zona perineale.

Sintomi del forasacco

I forasacchi possono causare infezioni, come abbiamo già accennato in precedenza. Ma ci sono anche altri sintomi da osservare con attenzione per individuare eventuali forasacchi nel cane:

– Se il cane aspira un forasacco mentre annusa in giro, inizierà a starnutire violentemente anche 10/15 volte di seguito e potrebbe presentare sangue dal naso.
– Se il forasacco colpisce un orecchio del cane, l’animale inizierà a scuotere ripetutamente la testa e a grattarsi come accade nel caso di altre malattie delle orecchie canine.
– Le zampe sono uno dei posti in cui è più comune trovare un forasacco, se ciò accade, il cane inizia a leccarsi la zampa e a zoppicare a causa del dolore.
– Quando il cane mangia inavvertitamente un forasacco, inizia a tossire e può espellere sangue dalla bocca.
– Capita raramente, ma se il forasacco entra nell’occhio del cane la parte di gonfierà e l’animale inizierà a lacrimare copiosamente.

Rimedi e prevenzione contro il forasacco

vet

Come intervenire se c’è un forasacco nel cane?

Il rimedio più indicato in caso di forasacchi è l’estrazione del corpo estraneo con una pinzetta pulita: un po’ come si fa per zecche e pulci, questa operazione va effettuata con molta delicatezza e mano ferma, per evitare che il forasacco si spezzi e resti in parte conficcato nella cute.

Se il forasacco è già penetrato nel tessuto, l’unica cosa da fare è portare immediatamente il cane dal veterinario che potrà intervenire con una pinza speciale o, nei casi più gravi, con un intervento in anestesia.

Forasacchi e prevenzione

La cosa migliore per evitare i forasacchi, proprio come accade nel caso dei parassiti del cane, è la prevenzione: nei mesi primaverili ed estivi, evitiamo di far entrare il cane nell’erba troppo alta o nei prati in cui l’erba è stata tagliata ma non raccolta.

Inoltre, ispezioniamo attentamente il cane dopo ogni passeggiata e se necessario passiamo con cura la spazzola o il pettine su tutto il pelo: in questo articolo, potrete consultare tutti i suggerimenti in una vera e propria guida alla scelta della spazzola per cani.

Infine, facciamo attenzione a tenere sempre il cane pulito anche tra un bagno e l’altro, in modo tale da poter individuare tempestivamente eventuali corpi estranei ed estrarli prima che possano diventare pericolosi.

C.B.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI