Home Cani Salute dei Cani Ipopituitarismo nel cane: cause, sintomi, diagnosi e cura

Ipopituitarismo nel cane: cause, sintomi, diagnosi e cura

Ipopituitarismo nel cane, un disturbo che ha conseguenze molto gravi nel proprio animale. Vediamo di capirne le cause, i sintomi vari e la cura prevista per fido.

Ipopituitarismo nel cane
(Foto Pixabay)

Esistono delle malattie e dei disturbi che nascono in maniera subdola nell’amico a quattro zampe e che possono essere conseguenze di problemi pregressi di cui non si era a conoscenza. Una condizione critica può essere l’ipopituitarismo nel cane, di cui approfondiamo in questo articolo, leggendo delle sue cause, i diversi sintomi e la sua cura.

Ipopituitarismo nel cane: cause e sintomi tipici

Si tratta di un disturbo complesso che è legato alla ghiandola pituitaria del peloso domestico. Vediamo di capire, insieme, che cos’è precisamente, quali sono le cause scatenanti e i vari sintomi che si manifestano.

Il cane e l'ipopituitarismo
(Foto Pexels)

L’amico a quattro zampe può soffrire, purtroppo, di alcuni disturbi non sempre facili da individuare e che influenzano negativamente la sua vita quotidiana.

Da quando è cucciolo all’età anziana, fido può trovarsi ad affrontare situazioni difficili per la sua salute fisica e psicologica. Una condizione molto negativa e spiacevole può verificarsi se inizia a soffrire di ipopituitarismo. Ma di cosa si tratta?

É un disturbo che dipende dalla produzione di ormoni nel cane. Questo significa una disfunzione della ghiandola pituitaria, che si trova alla base del cervello del cane. Comporta una bassa produzione ormonale, indispensabile nell’animale.

Parliamo di un disturbo che colpisce, di solito, i cani che hanno un’età compresa tra i due e i sei mesi di vita. Sembra che esistano delle razze canine predisposte a questo problema, come lo Spitz, il Pastore tedesco, il Pinscher e il Weimaraner.

Le cause scatenanti dell’ipopituitarismo in fido sono sono diverse. Può esserci una ragione legata all’ormone della crescita oppure per natura congenita o anche un tumore benigno.

I traumi e radioterapia sono altre possibili cause della presenza del disturbo.

I tanti sintomi

L’ipopituitarismo nel cane presenta una varia sintomatologia, a seconda degli ormoni mancanti e dei danni al suo corpo. Per esempio, la mancanza dell’ormone GH può comportare lo sviluppo del nanismo nel cane.

Delle anomalie sessuali possono verificarsi se c’è carenza degli ormoni luteinizzanti. I sintomi tipici del peloso colpito sono i seguenti:

  • Dolore alla testa e problemi alla vista (per causa di un tumore);
  • Alopecia sul tronco dell’animale;
  • Ritardo mentale;
  • Cute ipotonica;
  • Ritardo nella caduta dei denti;
  • Iperpigmentazione cutanea.

Dobbiamo sapere che è in base al deficit ormonale che le conseguenze possono essere più o meno gravi nel proprio cane. In ogni caso, si consiglia di contattare il medico veterinario il prima possibile, notando la comparsa di uno o più sintomi tra quelli elencati.

Potrebbe interessarti anche: L’ipernatriemia nel cane: quando il livello di sodio del sangue di Fido è troppo alto

Fido e il suo disturbo: diagnosi e cura

É fondamentale intervenire presto per poter effettuare la diagnosi precisa della condizione di fido e aiutare l’animale domestico con il trattamento più adeguato a lui. Vediamo quali sono i consigli migliori per agire nel modo corretto e risolvere.

La malattia nel cane
(Foto Unsplash)

Nel caso il cane soffra di ipopituitarismo, è essenziale intervenire nel minor tempo possibile per lasciare al veterinario tutta la tranquillità per effettuare gli esami necessari durante il controllo medico.

Per effettuare una diagnosi corretta, al medico servirà conoscere le sue condizioni di salute attuali ed eventuali malattie pregresse, oltre che sapere della sua crescita e del suo comportamento tipico, insieme ad eventuali traumi vissuti in passato.

Dopo aver ricevuto queste informazioni importanti, verranno effettuati gli esami del sangue e delle urine. Tramite questi esami sarà possibile verificare i seguenti problemi:

  • Linfocitosi (disturbo alle ghiandole linfatiche);
  • Ipoglicemia, cioè il livello basso di zucchero nel sangue;
  • Eosinofilia (aumento dei globuli bianchi);
  • Ipofosfatemia, ovvero la carenza di fosforo.

Il veterinario deciderà per un prelievo mattutino per l’animale, con lo scopo di verificare i livelli di TSH e prolattina, insieme ad altri test di laboratorio per accertarsi del livello degli ormoni nel sangue.

Utile per la diagnosi precisa è il test dinamico, per il controllo dei livelli di ACTH e GH. Attraverso i raggi X, poi, potranno essere individuati una cisti o il cancro nel cane.

Il trattamento previsto per ipopituitarismo nel cane

Per quanto riguarda la cura del disturbo, generalmente verranno somministrati gli integratori dell’ormone della crescita per tre volte a settimana, in un periodo di quattro settimane.

É bene sapere che la cura ormonale verrà sospesa in caso di glucosuria e qualora la glicemia dovesse risultare superiore a 150 mg/dL. Dopò già due mesi dall’inizio del trattamento ormonale, la pelle e il pelo di fido dovrebbero ottenere dei miglioramenti.

Occorre sapere che il tumore della ghiandola pituitaria può essere rimosso con la chirurgia, ma la prognosi a lungo termine non dà buone speranze.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ilaria G