Home Cani Salute dei Cani Tosse nei cani: un campanello d’allarme

Tosse nei cani: un campanello d’allarme

CONDIVIDI

La tosse dei nostro cane può essere sintomatica di alcune patologie. Ecco cosa può dirci e quali sono le cause possibili

Cane affetto da tosse

Talvolta la tosse del nostro amico a quattro zampe può essere un valido aiuto per diagnosticare una patologia e arrestarla in tempo. Ma come riconoscerla? Prima di procedere con una visita dal nostro veterinario di fiducia, è importante annoverare tutte le informazioni utili al medico per curare al meglio il nostro cane. E’ molto utile ricordare quando ci siamo accorti per la prima volta della tosse, con quale intensità e frequenza tossisce, se può essere legata a precisi momenti o ambienti e naturalmente notare quali altri eventuali disturbi affliggono l’animale. Questi sono tutti dettagli fondamentali che costituiranno una anamnesi utile al nostro medico. Il veterinario procederà con la verifica dei parametri e, se lo crederà opportuno, con analisi più dettagliate: dalla visita ai bronchi fino alle analisi del sangue e radiografie dell’apparato cardio- toracico.

Ma quali sono i tipi di tosse? Come negli uomini, ben differente è una tosse secca e stizzosa rispetto a una grassa, che a differenza della prima produce muco. La prima forma di tosse è particolarmente dannosa per il nostro cane in quanto le mucose risultano particolarmente fragili a causa dell’entrata continua di aria.

Varie sono le cause che possono provocare questo fastidio: talvolta anche un collare troppo stretto o l’aria fredda e secca, come quella dei condizionatori, può provocare un’irritazione della laringe. Oltre alle infezioni delle vie respiratorie e i parassiti, anche residui di cibo o aria possono provocare colpi di tosse e stimolarne la continuità. Inoltre è bene ricordare che, come per gli uomini, il fumo e i detersivi molto aggressivi possono irritare la gola. Nei casi più gravi le cause sono da ricercarsi nei tumori e ingrossamento dei linfonodi che impediscono una respirazione regolare.

I casi di tosse grassa, caratterizzata dall’espulsione violenta di espettorato denso e viscoso, possono essere dovuti a patologie dell’apparato respiratorio, quali polmonite e/o edema polmonare. In entrambi i casi è consigliabile una visita immediata dal veterinario, in quanto è bene provvedere subito alla terapia.

LEGGI ANCHE: Come capire se il cane ha i vermi: alcuni rimedi naturali

Terapia e prevenzione

Fondamentale è riconoscere la gravità della tosse: nei casi meno gravi basterà tenere il nostro cane a riposo e in casa, in attesa che le difese immunitarie aumentino. Potrebbe essere utile anche fargli fare un bagno caldo e fargli respirare i vapori che allevierebbero i sintomi. Nei casi di tosse grassa invece meglio ricorrere a medicinali mucolitici, sempre dietro consiglio del veterinario. A seconda dei casi il medico valuterà se necessario somministrare antiinfiammatori, antibiotici o calmanti.

Come per gli uomini, la parola-chiave è prevenzione: oltre ad evitare naturalmente il fumo e i componenti aggressivi che si trovano spesso nei detergenti che usiamo per le pulizie domestiche, uno stile di vita sano ed equilibrato può aiutare ad evitare la tosse. Naturalmente un’alimentazione nutriente e lunghe passeggiate possono solo fare bene. Inoltre, quando il cane non è al massimo della sua forma fisica, è bene evitare luoghi nei quali potrebbe entrare a contatto con altri esemplari: ciò servirà non solo a preservare la salute degli altri cani quando il nostro è affetto, ma anche per evitare di essere contagiato ulteriormente. La tosse può essere indice di un abbassamento delle difese immunitarie, ed è bene evitare che altri agenti esterni possano peggiorare lo stato di salute del nostro cane.

Potrebbe interessarti anche: Rogna sarcoptica nel cane: come riconoscerla, curarla e alcuni rimedi naturali

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News. Se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI.

F.C.