Home Cani Storie sui cani: alcuni miti e stranezze

Storie sui cani: alcuni miti e stranezze

CONDIVIDI
cane che non abbaia
Basenji

Alcune stranezze sui cani

Ci sono molti luoghi comuni riguardo ai nostri compagni a 4zampe. Leggende, miti o storie straordinarie. Cani che percorrono migliaia di chilometri per tornare a casa, che aspettano per anni il ritorno dell’amato padrone. Leggende sulle razze oppure sui poteri extrasensoriali degli animali. Eppure, basta poco per meravigliarsi. E’ sufficiente osservare i comportamenti di questa specie che continuano ad affascinare come ad esempio la gerarchia nel branco e i ruoli che ogni cane riveste al suo interno. La natura stessa del cane è una leggenda, una favola che continua a stupirci. Ecco allora alcuni cose su alcuni cani perlopiù sconosciute.

Il cane che non sa abbaiare

Il cane abbaia per comunicare. Si tratta di uno dei canali che la specie usa come linguaggio associato al canale uditivo-olfattivo o visivo-corporeo, ovvero attraverso il movimento.

Tuttavia, esiste una razza di cane che non abbaia. Si tratta del Basenji. Una razza originaria dell’Africa, molto elegante, usata anticamente per la caccia e per sradicare i piccoli roditori nei villaggi. In realtà, il Basenji  è un cane estremamente silenzioso che emette un suono diverso che viene chiamato yodel. 

Ti potrebbe interessare–> Le razze di cani che abbaiano di meno

Kublai Khan e suoi 5 000 mastini tibetani

cani da guardia
Mastino tibetano

Nel XIII secolo, l’imperatore mongolo Kublai Khan possedeva ben 5mila mastini tibetani che usava per la caccia e per la guerra. Nella storia non è mai stato eguagliato un numero così grande di animali che appartenessero ad una sola persona. Il canile di Kublai Khan secondo le leggende doveva essere di dimensioni notevoli per poter contenere i migliaia di mastini tibetani, una delle razze più grandi al mondo. Al di là dell’utilizzo dell’imperatore e della sua stazza imponente, il mastino tibetano è un cane dall’indole docile e gentile.

I dalmati nascono bianchi senza macchie

cuccioli dalmata
Dalmata

Una delle razze più amate al mondo che deve parte della sua notorietà allo straordinario capolavoro di Walt Disney.  Il Dalmata, originario della Jugoslavia è particolarissimo e si distingue per il suo manto bianco con macchie nere. Tuttavia, quello che non viene mai detto è che il dalmata nasce tutto bianco. Ovvero i cuccioli appena nati non hanno macchie sul manto. In realtà, la pigmentazione della pelle è già predisposta ma alla nascita è nascosta dalla peluria. Mano a mano che crescono, la pigmentazione appare sul pelo.

C.D.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI