Home Cavalli Pony Welsh Mountain: specie ornamentale da cortile e da giardino

Pony Welsh Mountain: specie ornamentale da cortile e da giardino

Pony Welsh Mountain: uno degli animali ornamentali e da lavoro più docile ed energico che tutti vorrebbero nel proprio cortile.

pony welsh mountain
Pony Welsh Mountain specie ornamentale. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Tra le specie ornamentali che l’uomo desidera allevare, c’è anche una razza di pony. Si tratta di una razza equina proveniente della Gran Bretagna e più precisamente, dalla regione del Galles.

Scopriamo, quali le caratteristiche per cui è tenuto così tanto in considerazione, da tutti coloro che amano questa tipologia di animale e adorano abbellire il loro giardino con questi pony.

Tuttavia, il pony Welsh Mountain non è solo un animale da esibire ma è anche impiegato per passeggiate e trekking. Conosciamolo meglio.

Caratteristiche del pony Welsh Mountain

Il pony Welsh Mountain è un cavallino robusto e tranquillo, per queste sue caratteristiche è facile da mantenere.

pony welsh mountain
Due Pony Welsh Mountain nel loro habitat. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Spesso è impiegato per le attività sportive, ma anche come cavalli da traino e da sella. Questo pony misura un’altezza di 122, ha l testa piccola e gli occhi invece molto grandi.

Le orecchie a punta molto mobili e piccole. Il collo è lungo e incurvato e le spalle sono inclinate.

Caratterialmente è pacato ed ha un’indole docile, con le persone è dolce, tende ad ubbidire al suo padrone anche se a volte è testardo.

Origini e habitat

Il Welsh Pony è una razza che ha avuto origine nella Gran Bretagna, dal nome si intuisce si tratti del Galles.

pony welsh mountain
Pony Welsh Mountain specie ornamentale. (Foto AdobeStock-Amoreaquattrozampe.it)

Alcuni studiosi, sostengono sia venuti fuori da incroci tra pony del Galles e alcune razze orientali introdotte dai Romani ai tempi dell’occupazione romana in Britannia.

Il pony Welsh, in passato era molto apprezzato come cavallo da traino per carrozze, attualmente invece è considerato un cavallo da sella e tiro leggero, ma anche un saltatore e bravo nel fondo, passeggiate e trekking.

Come la maggior parte dei cavalli in miniatura preferisce una stalla calda dove ripararsi per la notte.

Come rifugio, è possibile utilizzare una casetta da giardino. Se volete considerare una stalla, le misure minime sono di 2m x 2m (è abbastanza spaziosa).

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER 

Cosa mangia il Pony Welsh Mountain

Come tutti i pony, data la stazza, mangia molto meno di un cavallo grande, ma in termini di tipo di cibo, differisce di poco o nulla.

Il pony Welsh Mountain, ha bisogno di un sacco di fieno e / o erba principalmente.

In primavera bruca l’erba dei prati, mentre in inverno passa alla paglia. Generalmente, il pony mangia cereali e mangimi granulati, composti da vari nutrienti.

È possibile fornirgli le carote, di cui è ghiotto e sono utilissime per il mantello e gli zoccoli.  Anche la frutta, soprattutto le mele e l’anguria fanno parte della sua dieta.

Potrebbe interessarti anche:Pony Shetland: specie rara da cortile e da giardino ornamentale

Malattie dei cavalli

Anche il pony Welsh Mountain, come tutti i cavalli può essere colpito da patologie.

Si tratta di malattie comuni che riguardano cavalli e pony e sonoi:

  • Arterite virale equina: questo virus dell’arterite equina (EAV) è altamente contagioso e si diffonde attraverso lo sperma degli stalloni infetti o attraverso le secrezioni respiratorie di qualsiasi cavallo infettato dal virus.
  • Erpesvirus equini (EHV-1 E EHV-4): sono herpesvirus equini strettamente correlati che possono causare malattie respiratorie, aborti e disturbi neurologici.
  • Infezioni da tenia: le tenie sono acari del letame presente nei pascoli. Si tratta di parassiti presenti nell’intestino alla giunzione ileocecale. Vengono trasmesse al cavallo attraverso un ospite intermedio.
  • Infezioni ectoparassiti: gli ectoparassiti sono principalmente mosche, pidocchi, acari, zanzare e zanzare succhiatori di sangue (ceratopogonidi).
  • Influenza equina: questa malattia può essere trasmessa attraverso la contaminazione di attrezzature, indumenti o attraverso l’aria, direttamente da un cavallo all’altro.
  • Nematodi: sono i più presenti e comuni nella popolazione equina. Comprendono una vasta gamma di specie, di cui i piccoli strongili.
  • Virus del Nilo occidentale: una malattia causata da un virus trasportato dagli uccelli migratori e trasmessa ai mammiferi dal morso di varie zanzare.