Home Cavalli Salute dei Cavalli Gonfiore del garretto nel cavallo: cause, sintomi e trattamento

Gonfiore del garretto nel cavallo: cause, sintomi e trattamento

Gonfiore del garretto nel cavallo, una condizione comune nei cavalli intensamente attivi. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

cavallo che scalcia
Gonfiore del garretto nel cavallo. (Foto AdobeStock)

Il garretto collega le ossa della parte inferiore della gamba (l’osso del cannone e le due ossa della stecca a fianco) alla tibia, alla parte superiore della gamba.

Il gonfiore del garretto nel cavallo è una condizione dovuta ad una serie di traumi ai tessuti molli di questa parte del corpo.

Principalmente, si manifesta nei cavalli da corsa di razza standard e in altri cavalli che svolgono un lavoro molto impegnativo dal punto di vista fisico.

Vediamo quali le cause, i sintomi che si possono individuare e il trattamento da eseguire.

Cause del gonfiore del garretto nel cavallo

Le cause che possono determinare la presenza di gonfiore del garretto nel cavallo possono essere:

  • lavoro eccessivo;
  • stile di vita attivo (p. es., cacciare, saltare, trainare carichi pesanti);
  • garretto a falce (garretto irregolarmente angolato);
  • garretto bovino (le gambe puntano verso l’esterno a causa delle ginocchia arretrate irregolarmente).

Si tratta per lo più di condizione che possono portare a un freno a causa dello sforzo sul legamento tarsale plantare.

Sintomi

I segnali che si possono individuare nel cavallo affetto da una condizione di gonfiore del garretto nel cavallo riguardano la zona compromessa.

cavallo gambe
Gambe del cavallo (Foto AdobeStock)

I sintomi possono essere:

  • calore nella zona colpita;
  • gonfiore lungo il garretto;
  • infiammazione del legamento tarsale plantare (lungo il garretto);
  • tallone sollevato sulla gamba colpita;
  • non si muove velocemente o facilmente come prima;
  • quando salta, non raggiunge la sua altezza normale;
  • zoppia nel cavallo (può sembrare che si manifesti all’improvviso).

Se la condizione è presente in modo acuto, il cordolo è doloroso e si manifesterà la zoppia. Se l’infiammazione diventa cronica, la zoppia nel tempo diminuirà.

Un segnale di dolore può essere rappresentato da un cambiamento di comportamento del cavallo. Alcuni cavalli, colpiti da dolore hanno l’istinto di fuggire.

Inoltre, scartano ai salti, rifiutano gli ostacoli, sgroppano mentre prima erano mansueti e diventano irritabili quando vengono montati.

Potrebbe interessarti anche: Problemi comportamentali nel cavallo: i principali disturbi nell’;animale

Diagnosi e trattamento del gonfiore del garretto nel cavallo

Per poter diagnosticare il gonfiore del garretto nel cavallo, il veterinario eseguirà una visita dell’articolazione del garretto del cavallo.

Il dolore al garretto altera il modo in cui il cavallo si mantiene eretto. Tende a spostare il suo peso per ridurre al minimo la pressione sulla zampa dolorante.

Dovrà per questo ricorrere all’utilizzo di ultrasuoni e/o raggi X per ottenere una visione migliore della parte inferiore della gamba.

Una volta stabilita la diagnosi, il veterinario prescriverà il trattamento che per questo tipo di lesione consiste nel riposo, la somministrazione di farmaci antidolorifici e impacchi freddi.

Occorrerà eseguire alla lettera le istruzioni del veterinario, in particolare sul periodo di riposo, rispettandolo prima di ricominciare ad allenare l’animale.

Nel frattempo, il veterinario specializzato, potrà suggerire un programma di esercizi per riabilitare lentamente la gamba una volta che assicurata la guarigione.

I benefici possono durare da settimane a un anno o più, a seconda di quanto sia grave il problema e quanto sia forte il cavallo.