Home Cavalli Salute dei Cavalli Obesità del cavallo: cause, consigli e rimedi per la sua dieta

Obesità del cavallo: cause, consigli e rimedi per la sua dieta

Cavallo in sovrappeso? Scopri tutto quello che c’è da sapere sull’obesità del cavallo e come risolverla a partire dall’alimentazione.

Obesità del cavallo
Obesità del cavallo: segnali, rimedi e consigli (Foto Pixabay)

Siamo abituati a vedere immagini di cavalli sempre in forma, eleganti e liberi che sembrano così leggeri da spiccare il volo, eppure l’obesità equina è un problema che si sta diffondendo a macchia d’olio. Sebbene dunque nel mondo delle fiabe non esistano cavalli obesi, nella realtà è probabile che questo elegante animale abbia problemi col suo peso. Ma cosa si può fare per far fronte all’obesità del cavallo? Di certo tutto parte dall’alimentazione, ma non solo: infatti è altrettanto importante l’attività fisica e altre piccole regole da seguire per il benessere dell’animale.

Obesità del cavallo: un problema diffuso

cavalli
Cavalli: il problema del loro peso nel mondo (Foto Pixabay)

L’immagine del cavallo agile e scattante potrebbe essere messa in crisi dal dilagare di un problema riscontrato principalmente negli USA e poi nel resto del mondo. Il cavallo può avere problemi col suo peso, sia quando è troppo magro sia quando è in sovrappeso. Quindi l’immaginario collettivo dovrà ricredersi sulla figura dell’animale sportivo e dalla folta criniera. Proprio in America è partita una ricerca sui cavalli obesi e il risultato complessivo nel mondo è stato alquanto sconfortante. Pare infatti che in Inghilterra, quasi la metà (e oltre) dei cavalli sia in sovrappeso.

Si tratta ormai di un problema riconosciuto a livello mondiale, che comporta una serie di altre problematiche che influiscono sul corretto funzionamento dell’intero organismo equino. Un peso eccessivo infatti grava sul sistema scheletrico del cavallo, può limitare le sue prestazioni riproduttive e atletiche (Leggi qui:Il cavallo non cammina: si blocca e torna indietro: vizio o  difesa). Inoltre il problema dell’obesità può condurre ad altre patologie più o meno gravi: laminite, artrosi, intolleranza al calore, coliche e perfino problemi di natura cardiaca.

Obesità equina: i segnali da riconoscere

Cavallo obeso
Cavallo obeso: i segnali e i consigli degli esperti (Foto Pixabay)

La difficoltà nell’affrontare l’argomento, e risolverlo, sta anche nella incapacità degli allevatori di riconoscere i primi segnali di questo problema. E’ altrettanto vero che, negli anni, si è diffusa l’immagine di un cavallo ‘ben piazzato’ e non troppo magro: non a caso le recenti competizioni sono state vinte da esemplari con un peso ben superiore alla norma. La colpa solitamente è attribuibile ad una cattiva alimentazione, ma anche al metabolismo dell’animale: la lentezza dell’intero meccanismo porta inevitabilmente ad ingrassare.

Solo di fronte al problema i proprietari e gli allevatori si sono resi conto che prevenire il problema è di certo meglio che curarlo. E’ necessario monitorare il peso del cavallo o del pony molto prima che possa presentarsi il pericolo. Di conseguenza viene messo in discussione l’intera gestione del cavallo, a partire naturalmente dalla sua alimentazione. Quindi è necessaria un’educazione dell’allevatore, prima ancora che del cavallo: nel paragrafo seguente ecco tutti i rimedi per affrontare l’obesità del cavallo.

I rimedi all’obesità del cavallo

Cavallo
Cavallo: come curare la sua alimentazione (Foto Pixabay)

Gli studi dell’americano Pat Harris hanno dimostrato che l’obesità nei cavalli può essere un problema non solo difficile da riconoscere ma anche da gestire. I programmi per il ‘dimagrimento’ del cavallo sono piuttosto complicati da mettere in atto e comprendono una dieta più salutare ma anche tanto esercizio fisico.

I cavalli devono assumere un corretto apporto di proteine, vitamine e minerali: bisogna inoltre considerare che i cavalli mangiano a più riprese durante la giornata e sarebbe un errore farli restare senza foraggio. Quindi nella loro dieta non dovranno mai mancare fieno e carote, ma ci sono alcuni accorgimenti da seguire per evitare un apporto superiore e non necessario di energie.

Ad esempio, quando gli diamo del fieno, conviene bagnarlo prima nell’acqua al fine di ridurre il contenuto di zuccheri e l’amido. Possiamo anche utilizzare delle piccole reti per dargliene in quantità moderate. Se abbiamo dubbi a riguardo basterà rivolgersi ad uno specialista, l’ippiatra, della cura del cavallo: costui vi saprà consigliare la dieta più adatta.

Cibo e stagioni: come gestirlo in base al periodo

Il cavallo ha bisogno di grassi in quantità diverse a seconda dei periodi e delle stagioni: durante la stagione estiva ha bisogno di accumulare grasso per poi smaltirlo in inverno. E’ consigliabile dunque evitare di nutrirlo in inverno come nel resto dell’anno. Quando fa più freddo bisognerà evitare di dargli troppo cibo e troppe volte al giorno. In particolare, se si ha a che fare con un cavallo già in sovrappeso, è bene eliminare dalla sua dieta cereali e mangimi: possiamo provare a sostituirli con del fieno e qualche carota. E, anche se nei film sembra la loro ricompensa preferita, bisogna assolutamente eliminare le zollette di zucchero!

LEGGI ANCHE:

F.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI