Home Cronaca Brambilla: “L’animale venga riconosciuto dalla Costituzione” – VIDEO

Brambilla: “L’animale venga riconosciuto dalla Costituzione” – VIDEO

CONDIVIDI

“Il regno animale ha bisogno di essere tutelato perché da poco è diventato una presenza in tutte le leggi europee. Noi vorremmo che l’animale possa entrare a far parte nella nostra Costituzione come essere senziente“, bastano queste parole dell’ex ministro per il turismo nel IV Governo Berlusconi ed ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Michela Vittoria Brambilla, per accendere la discussione nel corso della puntata di 8 e 1/2, trasmissione condotta da Lilli Gruber.

A replicare ci ha pensato lo scrittore Antonio Pennacchi: “L’altro giorno su ‘Repubblica’ Michele Serra scriveva che sono animali pure i cinghiali, io aggiungerei che sono animali pure i topi, le zanzare e anche i bagarozzi. Anche loro hanno diritti o si rivolgono solo ai cani e ai gatti? Perché altrimenti non è un movimento animalista, ma è l’ennesimo partito per fregare i voti”.

Pennacchi ha insistito: “Proponete anche di chiudere tutti gli allevamenti di bestiame? Non facciamo più il parmigiano perché è sfruttamento delle vacche?”. La Brambilla ha replicato: “Chi le sta parlando guida un’associazione animalista da più di trent’anni. Tutte le persone che sono insieme a me hanno in comune il fatto di essere loro stessi degli animalisti militanti. Noi oggi siamo obbligati a fondare un movimento e a portare gente nostra dentro le istituzioni”.

“Lei non fa parte di quell’Italia migliore alla quale noi ci rivolgiamo”, è quindi l’accusa netta dell’ex ministro allo scrittore, che le replica: “Lei d’estate ammazza le zanzare?”. Infine, Antonio Pennacchi ricorda di non essere nemmeno vegetariano e spiega che il suo piatto preferito sono le salsicce con i fagioli in umido.

La Brambilla, la quale in veste di conduttrice di Dalla parte degli animali, su Retequattro, ha mostrato nei giorni scorsi tutto il variegato mondo di animali più o meno domestici che l’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha adottato ad Arcore, di recente ha tenuto a battesimo il suo ‘Movimento Animalista’, fondato proprio insieme all’ex premier.

In occasione della nascita del nuovo movimento politico, peraltro, proprio Berlusconi prese parola, sottolineando: “Un sondaggio su un campione di 2mila persone indica che se alle prossime elezioni si presentasse un movimento per la difesa dei diritti degli animali e dell’ambiente avrebbe il 20%”. L’ex premier aveva poi parlato del suo rapporto con gli animali: “Al mattino passeggio nel parco di Arcore circondato dagli animali, ho pecore e agnelli, sono straordinari, mi seguono quando passeggio in giardino, poi insieme ci sono anche i cani che danno i baci alle caprette. Adesso al mattino vado nel parco di Arcore con un seguito di 13 animali”.