Home Cronaca Rottweiler aggredisce bambino a Sassari: il proprietario lo uccide

Rottweiler aggredisce bambino a Sassari: il proprietario lo uccide

CONDIVIDI
rottweiler
(foto pubblico dominio)

Un rottweiler aggredisce un bambino nel passeggino a Sassari: il proprietario reagisce e uccide il suo cane in maniera barbara.

Un drammatico episodio si è consumato alla periferia di Sassari nei giorni scorsi. Un rottweiler è stato ucciso dal suo proprietario che ora rischia davvero grosso. Infatti, l’uomo potrebbe essere incriminato non solo per l’uccisione dell’animale, ma anche per incauta custodia e lesioni. Poco prima che il cane venisse abbattuto, questi aveva morso un bambino per due volte alla gamba. Il cane sarebbe scappato dal cancello di una villetta e si sarebbe avventato su un bambino in passeggino. Il piccolo era portato a passeggio dai genitori. L’episodio è ricostruito dal quotidiano ‘La Nuova Sardegna’.

Leggi anche –> Firenze: bambina di cinque anni morsa al volto da un cane

Animali aggressivi: l’episodio del rottweiler e il dibattito in Italia

La mamma del piccolo ha cercato di difendere il figlio ruotando il passeggino di 180 gradi, ma il rottweiler lo aveva già azzannato. Il bambino è stato morso al polpaccio, quindi suo padre ha infilato un pugno nella bocca del cane, ma il rottweiler aveva nuovamente ferito il piccolo. Quando infine è giunto il proprietario dell’animale si è compiuta la tragedia: questi ha percosso il cane con un bastone per poi stringergli con forza il collare a strozzo, fino a soffocarlo. La dinamica è stata confermata anche da un veterinario della Asl, giunto sul posto insieme agli agenti di Polizia.

Drammatico il racconto della zia del bambino ferito, che se la caverà con dieci giorni di prognosi: “Sabato mio nipotino, che tra l’altro ha problemi di autismo, è stato morso dal cane del vicino, il quale poi lo ha ucciso a bastonate davanti al bambino”. In Italia, il dibattito sulla pericolosità dei cani è riesploso circa un anno fa, legato alla tragica morte di una bambina. Purtroppo però se certe aggressioni sono evitabili con alcune accuratezze, altre non sono prevedibili. Quasi sempre, però, la responsabilità è di chi non è in grado di accudire il suo animale domestico.

Per approfondire, leggi anche –> Pitbull aggressivi: la tragedia di Flero riapre il dibattito

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI