Home Cronaca In sella allo scooter, investe e uccide un cane rischiando anche lui

In sella allo scooter, investe e uccide un cane rischiando anche lui

CONDIVIDI
(immagine di repertorio)

Trova sulla sua strada un cane abbandonato da chissà chi e non riesce a evitarlo, uccidendolo e rischiandolo lui stesso la vita. E’ successo a un barista di Campagna, cittadina di 17mila abitanti in provincia di Salerno, che nell’impatto ha distrutto lo scooter in sella al quale viaggiava, un Yamaha TMax nuovo, acquistato da pochi giorni giorni, ed è finito in ospedale.

Insomma, non proprio una serata memorabile per il barista, che dopo aver chiuso il suo esercizio commerciale, era deciso a provare il potente scooter e si era lanciato in strada a velocità un po’ troppo eccessiva. A un certo punto, gli si è parato davanti il randagio e nonostante la frenata e la sterzata non è riuscito a evitare l’impatto.

La collisione è stata violentissima e il cane è finito sotto le ruote dello scooter, mentre il motociclista è scivolato sull’asfalto, ferendosi le braccia e le gambe. A quel punto, si sono fermati alcuni automobilisti di passaggio, i  quali hanno provveduto a lanciare l’allarme. Nel giro di pochi minuti è arrivato sul posto il personale del Suem 118, che hanno portato il motociclista al pronto soccorso.

Il povero cane, invece, è stato trasportato dal veterinario, dove è morto in serata. Quella dei rischi che corrono i cani a bordo strada è una tematica che si ripropone di anno in anno, soprattutto con l’arrivo dell’estate: la loro salvezza è legata soltanto al buon cuore dei volontari, che si fanno in quattro nel recupero degli sfortunati amici a quattro zampe.

Anche in questi ultimi giorni, tante sono le denunce di investimenti di cani, come quella arrivata da parte di una ragazza marsicana su Facebook: “Erano da poco passate le 17 quando all’altezza del cimitero di Paterno ho visto una ragazza soccorrere un cane, un bracco tedesco di circa due anni con un collare militare al collo. Mi ha spiegato che era stato investito da una macchina bianca, forse un Suv, il cui conducente è fuggito immediatamente”.

Nelle scorse settimane, una tragedia simile era capitata ad un povero cane a Spadafora, in provincia di Messina. Il quattrozampe era stato investito da un’auto mentre stava attraversando la strada, con il conducente che non è riuscito ad evitare l’impatto.

La persona responsabile dell’investimento si è comunque fermata per prestare immediato soccorso al povero animale e chiamare chi di dovere, allo scopo di garantire al cane un servizio migliore, data la gravità del caso. I primi ad arrivare sono stati i Carabinieri che hanno gestito il flusso del traffico, mentre attorno al cane si era formata nel frattempo una folla di curiosi, e non mancava chi quello sfortunato cucciolone lo conosceva e provava sincero affetto per lui.