Home Cronaca Simona non si dà pace: “Vogliono togliermi il mio maialino Elvis”

Simona non si dà pace: “Vogliono togliermi il mio maialino Elvis”

CONDIVIDI
Elvis
Elvis con Alessandro Lupi

Ci sono animali non propriamente domestici, che però convivono più o meno tranquillamente con gli uomini. E’ il caso del maialino Elvis, la cui storia ricorda un po’ quella di “Babe, il maialino coraggioso”. Questo maiale è solo decisamente più grande, anche se anche lui – come Babe – è legatissimo alla sua padrona, Simona. Nei giorni scorsi, una storia di convivenza simile era emersa nel casertano: qui una donna è stata denunciata per aver ‘adottato’ una volpe. Elvis e Simona vivono invece in simbiosi a Torino, nell’appartamento della donna. Qualcosa però non va, poiché esiste un regolamento comunale, approvato nel 1926, in pieno fascismo, che lo vieta. “Signora, Elvis non può vivere in casa”, si è così sentita dire Simona, OSS all’ospedale Regina Margherita.

La donna, che ha adottato il maialino da un allevamento di Rovigo quando era destinato al macello, non si dà per vinta. Simona infatti aveva deciso di portarsi Elvis a casa e di farlo “convivere” coi suoi tre figli, come un qualunque animale domestico. Ora il maialino rischia lo sfratto per mano del personale dell’Asl. Per tale ragione è nata una petizione che chiede che Elvis resti lì dove (si può firmare qui). Inoltre è stato anche convocato un consiglio di circoscrizione per discutere l’accaduto. A volerlo, il consigliere Alessandro Lupi, che spiega: “Quando la politica sta seppur faticosamente e tardivamente prendendo atto dell’importanza degli animali da compagnia, arrivi il burocrate di turno ad ostacolare questo lento processo”.

Il sostegno alla battaglia di Simona

Insomma, il sostegno alla battaglia di Simona passa dalla politica e dal web, coinvolgendo soprattutto semplici cittadini, che su Facebook si mostrano sconcertati da quello che rischia Elvis. La donna ha intanto rivelato in un’intervista a ‘La Stampa’: “Ogni volta che sentivamo suonare alla porta, temevamo fosse qualcuno che volesse sequestrare Elvis. No capiamo: i tempi cambiano e lui non dà fastidio a nessuno. Non sporca in casa e fuori ci preoccupiamo di pulire”.  Lei non intende demordere: “Mai e poi mai faremo portare Elvis in allevamento”. In questi giorni, è previsto un incontro tra i padroni di Elvis e i veterinari dell’Asl. Un incontro rispetto al quale Simona si è mostrata convinta e determinata.

 

GM