Home Curiosita Adottare un Peterbald: i motivi e il padrone ideale per questa razza

Adottare un Peterbald: i motivi e il padrone ideale per questa razza

Adottare un Peterbald, tutto quello che occorre sapere prima di portarlo a casa. I motivi per cui potrebbe essere la razza felina adatta a te.

peterbald
(Foto AdobeStock)

Prima di scegliere quale delle tante razze di gatto sono adatte al tuo carattere e al tuo stile di vita, è fondamentale che tu ti faccia diverse domande in merito a quella che poi sarà la razza che deciderai di accogliere in casa.

Conoscere nel dettaglio, ovvero in modo più approfondito il carattere e lo stile di vita della specie felina che hai scelto ci permetterà di capire quanto possa essere giusta la nostra predilezione e procedere con l’adozione.

In questo articolo cercheremo di capire se adottare un Peterbald sia la scelta giusta in basa alla descrizione del suo carattere e del suo stile di vita.

Adottare un Peterbald: carattere e padrone ideale

Il primo atto d’amore da compiere verso il tuo amico a quattro zampe è quello di imparare a conoscerlo prima di adottarlo.

peterbald cucciolo
(Foto AdobeStock)

Valutare a priori il carattere e le esigenze della razza vuol dire partire con il piede giusto, per iniziare una piacevole convivenza.

Porsi delle domande come: “Andrà d’accordo con tutto i componenti della famiglia, in particolare i bambini?” Sarà compatibile con gli altri animali presenti in casa? Posso lasciarlo da solo mentre sono a lavoro?

Se hai deciso di adottare un Peterbald queste sono le domande che dovrai porti e trovare le risposte. Il nostro compito è quello di aiutarti a trovarle, facendo chiarezza sul carattere e lo stile di vita del Peterbald.

Caratterialmente, possiamo dire che il Peterbald è un gatto molto affettuoso, spesso paragonato al cane, in quanto è capace di seguire ovunque il suo padrone.

Si tratta di un gatto vivace, a tratti irrequieto ma per lo più tranquillo, giocherellone ed estremamente curioso.

Il Peterbald è un abile saltatore, ama osservare tutti dall’alto, arrampicarsi su mobili e mensole. Per questa sua indole curiosa e smaniosa questo gatto risulta essere poco adatto a persone anziane e più adatto invece, a padroni energici con cui poter giocare.

Ciò vuol dire che questo gatto necessita di una maggiore presenza del suo padrone, con il quale ama condividere tempo.

Tuttavia pur essendo un animale socievole, risulta diffidente con gli estranei ma tollerante con gli altri animali di casa.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione del Peterbald: cibi, dosi e frequenza dei pasti

Stile di vita ed esigenze del Peterbald

Conoscere lo stile di vita del gatto Peterbald vuol dire sapere quanto tempo questo gatto richiederà per la sua cura e le attenzioni.

gatto pterbald
(Foto AdobeStock)

Se vuoi affrontare l’adozione di questo gatto con più tranquillità, è opportuno che impari a conoscere come ama trascorrere il tempo il Peterbald e con chi lo ama trascorrere.  

Il Peterbald è in grado anche di adattarsi bene alla vita in appartamento ma necessità di giochi (tiragraffi, qualche giocattolo, mensole alte) che possano tenerlo attivo e occupato, in quanto soffre molto la solitudine.

Il Peterbald, come dicevamo, è un gatto piuttosto curioso e scattante, sente il grande bisogno di scaricare energia giocando e arrampicandosi ovunque.

Ama stare all’aperto anche se rischia di abbronzarsi o bruciarsi se viene esposto troppo tempo al sole.

Sempre a causa di questo suo temperamento e la sua forte curiosità, pur non avendo un’indole vagabonda si ritrova molto spesso fuori casa ad inseguire qualsiasi cosa.

Perciò se stai pensando di adottare un Peterbald ti consigliamo di leggere anche l’articolo “Curiosità sul Peterbald”.

In questo articolo potrai conoscere tante storie su questa razza e trovare qualche suggerimento per il nome da dare al tuo gattino.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ettore D’Andrea