Home Curiosita Animali e droghe: gli effetti degli stupefacenti e i rischi

Animali e droghe: gli effetti degli stupefacenti e i rischi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:38
CONDIVIDI

Quali sono gli effetti delle droghe sugli animali e i rischi per la loro salute? Tutto quello che c’è da sapere sulle conseguenze degli stupefacenti.

Animali e droghe
Animali e droghe: tutti gli effetti degli stupefacenti (Foto Pixabay)

Se pensiamo che può essere divertente far provare delle droghe, anche leggere, al nostro cane o vedere le reazioni del gatto che ha annusato, magari anche per sbaglio, della polvere bianca, non facciamolo! Alcuni padroni incoscienti e senza cervello lo fanno solo per vedere le reazioni dei loro amici a quattro zampe: infatti ridono al vederli barcollare in uno stato di semi-confusione. Quali sono gli effetti sulla loro salute e che rischi corrono? Come possiamo accorgerci che gli animali hanno assunto droghe? Tutto quello che c’è da sapere sull’uso di somministrare droghe ai nostri amici animali.

Animali e droghe: le sostanze allucinogene in natura

Cannabis
Cannabis: gli effetti di erbe ed erba gatta (Foto Pixabay)

Potrebbe capitare che il nostro cane o il nostro gatto si trovino a contatto con delle sostanze allucinogene: sia che siamo noi stessi a fargliene provare sia che si trovino per sbaglio ad ingerirne una dose più o meno importante. In natura esistono erbe e piante dagli effetti allucinogeni, che agiscono direttamente sulla mente dei quadrupedi. Anni fa un episodio nei sobborghi di San Francisco in California ha messo in luce l’assunzione di alcuni funghi allucinogeni sui coyote della zona.

I funghi della famiglia Amanita muscaria hanno un effetto simile ad una ubriacatura; i fiori di papavero hanno un effetto rilassante, simile a quello degli antidolorifici. L’effetto di questi ultimi fanno correre in cerchio gli animali che li assaggiano, in particolare i wallaby, per poi farli svenire. In alcuni casi sono addirittura dei pesci palla a rendere euforici e dinamici i delfini che vi entrano in contatto.

Insomma la natura è piena di sorprese e spesso gli animali sono attirati inconsapevolmente da tali sostanze, magari attirati dal gusto dolce e zuccherino delle stesse.

Erba gatta: gli effetti sugli altri animali

Border Collie
Cosa succede se il cane mangia l’erba gatta (Foto Pixabay)

Gli animali sono tra gli esseri più curiosi in natura: possono essere attirati da odori e dal gusto di particolari sostanze e spesso se ne avvicinano proprio quando non ci facciamo caso. Sappiamo dell’effetto dell’erba gatta sui nostri amici felini, ma quali sono i suoi effetti su tigri, leoni, leopardi, linci e sullo stesso cane? La stessa pianta, allo stato selvatico, non ha alcun effetto rilassante, anzi i suoi effetti sono molto negativi. Gli effetti della marijuana ad esempio comportano un indebolimento generale dei muscoli della testa, inducendo spesso episodi di vomito soffocante. Solo il veterinario può decidere se e in quali dosi tali sostanze possono avere un effetto benefico sulla loro salute.

Le ricerche scientifiche sugli animali drogati

delfini
Come si drogano i delfini in in natura (Foto Pixabay)

Nel corso degli ultimi 30 anni la scienza ha dimostrato come anche gli animali facciano ricorso a specifiche droghe anche solo con l’intento di ‘sballarsi’ e divertirsi. Lo stesso gatto in casa è dipendente dalla catnip: essa genera nel felino uno stato di leggera euforia, molto simile a quella che ha l’alcol sugli animali. In sostanza ha un effetto rilassante, tanto da essere appunto utilizzata per calmare il gatto di casa quando è troppo agitato.

I cani in Australia invece sono spesso vittime di intossicazione da rospo delle canne. Questo anfibio secerne una sostanza chimica tossica, e la usa come arma di difesa contro i predatori. Ma il suo gusto attirerebbe i cani che la leccano: questa sostanza ha un effetto molto simile a quello delle droghe sintetiche e genera dipendenza. Spesso i cani vanno in overdose, mentre quelli più furbi leccano la sostanza laterale che ha effetti meno pesanti sul loro stato psico-fisico.

I cavalli invece sembrano essere attirati dalla sostanza prodotta dalla Phyllomedusa sauvagii, una rana esotica tossica, che induce nell’animale uno stato di profonda euforia. Spesso il ‘drogarsi’ non è un’operazione del singolo, bensì collettiva: pensiamo ai delfini che, dopo aver assaggiato il pesce palla, si passano lo stesso tra di loro appunto per farlo assaggiare a tutti. Infine il lemure del Madagascar sembra il più ingegnoso di tutti: cattura millepiedi urticanti e ne consuma piccole parti per ottenere un effetto da ubriacatura.

LEGGI ANCHE:

FRANCESCA CIARDIELLO

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI