Home Cani I cani si riconoscono in base alla razza: cosa dice la ricerca

I cani si riconoscono in base alla razza: cosa dice la ricerca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:34
CONDIVIDI

Fieri proprietari di razze canine pregiate vi sarà capitato di chiedervi se fido è in grado di distinguere un altro esemplare appartenente alla stessa identica specie. Il responso arriva da una ricerca condotta negli Stati Uniti

Due cani della stessa razza
Chissà quante volte vi siete domandati se i cani si riconoscono in base alla loro razza (Foto Unsplash)

Lo studio intitolato Visual discrimination of species in dogs condotto negli Stati Uniti non è stato effettuato per rispondere alla dettagliata domanda se un cane è in grado di riconoscerne un altro appartenente alla stessa razza. L’obbiettivo della ricerca era di carattere più generale e mirava a scoprire quali animali il cane sapeva distinguere visivamente e se era in grado di saper differenziare fra uomo e animale.

Gli illuminanti risultati emersi hanno provato che il cane è perfettamente capace di identificare un suo simile senza però definire se si tratti di un meticcio o un esemplare con qualsiasi pedigree, compreso il suo. I soggetti sottoposti allo studio hanno inoltre saputo individuare con facilità altri mammiferi come il cavallo, pecore e conigli. Oltre naturalmente al suo fedele compagno di vita, l’uomo.

Potrebbe interessarti anche: Come comunicano i cani tra di loro? Un linguaggio da scoprire

I cani si riconoscono in base alla razza: il riconoscimento visivo

Due cani uguali
I cani non solo riconoscono i loro simili ma anche l’uomo e altri mammiferi (Foto Unsplash)

I nove esemplari di cane di razza diverse che hanno partecipato alla ricerca sono stati sottoposti alla visione di un campione di fotografie in sequenza appartenenti al regno animale e umano. Ogni volta che gli interessati riconoscevano un suo simile venivano premiati ed incoraggiati con il così detto rinforzo positivo, una ricompensa in cibo. Anche i cavalli sono fisionomisti e anche loro riescono a riconoscere le persone con il solo ausilio proprio di una foto.

Una volta compreso il meccanismo, il 100% del campione ha saputo identificare in autonomia un suo conspecifico. Purtroppo non sono stare rivelate le modalità attraverso le quali i nove amici a quattro zampe comunicavano il riconoscimento visivo ai ricercatori. Sarebbe stato un altro dato interessante da approfondire.

Un affare di famiglia

Cuccioli che giocano
Le prime esperienze scambiate con mamma e fratelli lasciano un ricordo emotivo nel cane adulto (Foto Unspalsh)

E allora fido come stabilisce le sue preferenze allo sgambatoio o per strada? Una volta stabilito che la distinzione non riguarda la razza, l’apparente attrattiva di un cane verso un altro potrebbe avere un carattere di tipo emotivo. 

Se fra la moltitudine delle 400 razze canine ufficialmente riconosciute dalla Fédération cynologique internationale non sa distinguere differenze fisiche specifiche, possiede però un ricordo degli esemplari con cui è stato inizialmente allevato. Alcune caratteristiche di mamma, fratelli e sorelle, tutti dalle sembianze similari, possono essere così riconosciute in altri conspecifici.

L’unione provocata dalle prime esperienze vissute insieme lascia una memoria emotiva all’interno del cane adulto. Se siete curiosi, sempre l’FCI ha suddiviso le razze canine in 10 gruppi facili e inutili da identificare, anche per chi è alle prime armi.

Potrebbe anche interessarti: Educare un cane appena adottato: le mosse e i consigli giusti da seguire

I cani si riconoscono in base alla razza: e un meticcio come fa?

Coppia di cani meticci
Al contrario i meticci si identificano fra loro per via della taglia e il colore (Foto Unspalsh)

Se i cani di razza possono essere indirizzati e colpiti da specifici particolari come la forma del muso, la conformazione delle orecchielunghezza e fattezze della coda o ancora le caratteristiche del manto un cane meticcio da che cosa sarà attratto?

Bisogna anche sottolineare che a volte le differenze fra le diverse razze sono minime. Sicuramente il colore e la taglia saranno criteri validi per incentivare una preferenza fra bastardini. Di certo meno specifici, ma altrettanto efficaci. Un esemplare bianco di stazza media sarà quindi più portato ad avvicinarsi ad un altro con le stesse caratteristiche.

C.F