Home Cani Come comunicano i cani tra di loro? Un linguaggio da scoprire

Come comunicano i cani tra di loro? Un linguaggio da scoprire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:37
CONDIVIDI

Come comunicano i cani tra loro? Un linguaggio basato su vista, udito, olfatto e tanto altro. Vediamo in cosa consiste il loro modo di esprimersi.

cani comunicano
Cani che comunicano. (Foto AdobeStock)

Apparentemente può sembrare che i cani abbiano un linguaggio semplice e invece parliamo di una comunicazione al quanto complessa e modi diversi di esprimere i loro bisogni e le loro intenzioni ad altri individui.

Ragion per cui è molto facile che l’animale venga frainteso davanti alle sue richieste. D’altronde è impossibile ignorare il suo linguaggio, in quanto il cane è un animale che necessita, come del resto l’uomo, di comunicare i suoi bisogni e le sue intenzioni, come anche le sue emozioni e le sue paure.

Potrebbe interessarti anche:

Come comunicano i cani tra loro

Cani al parco (Foto Pxhere)
Come comunicano i cani tra loro. (Foto Pxhere)

Quando parliamo di linguaggio ci viene alla mente prima di tutto, quello che noi uomini utilizziamo per comunicare con altri dello stesso genere o anche con i nostri animali domestici. Si tratta di una semplice comunicazione che consiste in un’azione in cui un emittente trasmette informazioni a un destinatario, con l’intenzione che, successivamente, quel destinatario fornisca una risposta.

Ma come comunicano i cani tra loro? Bene, per quanto riguarda i cani, questi non hanno modo di utilizzare parole come noi, ma si trasmettono reciprocamente informazioni attraverso la vista del cane, l’udito e l’olfatto. Il linguaggio canino che un cane adulto esprime lo impara da cucciolo, durante la fase di socializzazione.

Anche se i cuccioli istintivamente sanno già come comunicare i loro bisogni, è l’interazione con altri cani durante questa fase che consentirà loro di svolgere un apprendimento che determinerà il loro linguaggio da adulti. Fondamentalmente i cani utilizzano tre canali per comunicare tra loro e con l’uomo, questi sono: la comunicazione visiva, uditiva e olfattiva.

Potrebbe interessarti anche: Non tutte le persone capiscono il linguaggio dei cani

Comunicazione visiva del cane

razze di cani più intelligenti
Comunicazione visiva del cane.(Foto AdobeStock)

Per comunicazione visiva del cane intendiamo tutti quei gesti che l’animale fa gesti, posture o movimenti del corpo per esprimere le sue emozioni o intenzioni. Fra i segnali principali è possibile distinguere i seguenti atteggiamenti a seconda dello stato d’animo dell’animale:

  • attento: quando il cane porge la sua attenzione su qualcosa ha gli occhi bene aperti, le orecchie dritte in avanti e il corpo leggermente inclinato verso l’oggetto dell’attenzione e lentamente muove la coda;
  • gioco: quando il cane ha intenzione di invitare un altro cane a giocare ha le orecchie alte, le pupille dilatate, la bocca aperta e qualche volta mette fuori la lingua. Tutto questo spesso è accompagnato dall’abbaiare del cane, finti attacchi non aggressivi e continue corse come per fuggire in cui inizia a correre verso qualsiasi direzione;
  • offensivo: quando il cane è in fase di attacco per paura o aggressività, si pone con corpo rigido e inclinato verso avanti, le orecchie e coda alte, pupille dilatate, naso rugoso e denti in bella mostra;
  • difensivo: quando il cane si sente insicuro o ha paura per difendersi si mette sulla difensiva, mettendo il corpo leggermente inclinato verso il basso e indietro, le gambe leggermente indietro con la coda tra di loro, le orecchie poste indietro, pupille dilatate, naso rugoso e bocca aperta a mostrare i denti;
  • postura sottomessa: il cane si pone sulla schiena esponendo il suo stomaco e la sua gola, getta indietro le orecchie e preme contro il cranio, evita il contatto visivo e nasconde la coda tra le gambe;
  • rilassato: il corpo è rilassato insieme alla coda, orecchie erette e bocca aperta;
  • paura: tutto il corpo inclinato verso il basso e con tono muscolare rigido, la coda tra le zampe, le orecchie contro il cranio, la testa piegata e in casa di forte paura, il cane può urinare involontariamente.

Potrebbe interessarti anche: I cani ridono e sorridono: perché lo fanno e cosa significa nel linguaggio canino

Comunicazione uditiva

Il cane che ubbidisce al padrone (Foto Pixabay)
Comunicazione uditiva.(Foto Pixabay)

I cani hanno diverse vocalizzazioni che possono utilizzare per comunicare, lo stesso suono però può essere utilizzato in diverse occasioni e infatti per poter interpretare il suo significato, dobbiamo comprendere contemporaneamente il suo linguaggio del corpo. È possibile fra i vari suoni distinguere i principali come:

  • ululato: è un comportamento istintivo, che nei lupi serve a localizzare i membri del gruppo, il riconoscimento individuale e il coordinamento nella caccia e nei cani, potrebbe verificarsi anche in queste circostanze, se per esempio si è perso, o ti sei allontanato troppo da esso, può ululare per localizzarti;
  • lamento: quando hanno forti dolori o hanno paura. Un esempio fra tutti e quando gli viene calpestata la  coda, è naturale che urli e se ne vada rapidamente;
  • pianto: piangono quando vogliono che tu ti prenda cura di loro o li protegga, quando vogliono del cibo o se hanno paura e vogliono che tu stia al loro fianco;
  • sospiro: i sospiri del cane possono essere dovuti a stress, tensione o rassegnazione;
  • ansimo: il cane ansima quando è stanco o fa molto caldo, ed è normale per l’animale aprire la bocca e iniziare ad ansimare, poiché si tratta di un meccanismo che gli consente di regolare la temperatura corporea.

Comunicazione olfattiva

cane annusa cane
Cane annusa un altro cane (Foto Pixabay)

La comunicazione olfattiva per noi umani è quella più difficile da comprendere e interpretare, in quanto è una caratteristica prettamente canina. I cani attraverso l’olfatto riescono a risalire al sesso, all’età, patologia, stato riproduttivo e stato sociale.

Tutto questo diventa possibile grazie ai feromoni, sostanze chimiche volatili prodotte in ghiandole che si trovano in diverse zone del corpo come il viso, perianale, urogenitale, piede e della mammella. Questo modo di comunicare può essere diretto quando un cane si avvicina all’altro per annusarlo e indiretto quando il cane utilizza l’olfatto per tracciare informazione dall’urina o la saliva lasciata da un altro cane.

Potrebbe interessarti anche: Olfatto: perché il cane annusa ovunque?

Raffaella Lauretta