Home Ricette per animali Fegato di pollo per il cane: ricette per cani anemici

Fegato di pollo per il cane: ricette per cani anemici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:15
CONDIVIDI

Il fegato di pollo al cane fa bene? In che misura è bene utilizzarlo? Scopri le gustosissime ricette a base di fegato di pollo.

cibo per cani
Fegato di pollo o anche chiamato comunemente “fegatini”.(Foto AdobeStock)

Il fegato di pollo, è un alimento di origine animale che rientra nel gruppo delle frattaglie, è anche chiamato comunemente “fegatini”, presente in uno dei tagli maggiormente utilizzato in Italia, ossia quinto quarto dell’animale, da cui si ricavano anche: coratella, trippa, cotiche, cuore, cervello, milza, lingua, nervetti ecc.

Il fegato di pollo contiene proteine ad alto valore biologico, minerali e vitamine specifici. Ha un apporto energetico medio, fornito prevalentemente dalle proteine, seguire dai lipidi e infine da pochi carboidrati. Non contiene fibre, lattosio, glutine ed istamina, ma è ricco invece di tutte le vitamine solubili del gruppo B e una forte concentrazione di: ferro, zinco, fosforo, selenio, potassio, rame e molibdeno.

Queste tutte le caratteristiche di questo alimento di origine animale, ma come pasto del nostro animale domestico è indicato? Il fegato di pollo al cane fa bene?

Fegato di pollo al cane, fa bene?

Fegato di pollo per il cane.
Fegato di pollo per il cane.(Foto AdobeStock)

Nonostante le caratteristiche nutritive di questo alimento, è lecito domandarsi se il fegato di pollo al cane, fa bene. Per quanto riguarda il fabbisogno giornaliero di vitamine A, le vitamine B, il ferro, il rame, lo zinco, alcuni acidi grassi e altre vitamine, questo alimento soddisfa in pieno le necessità dell’animale.

È preferibile infatti somministrare al cane il fegato disidratato, magari come spuntino, al posto di biscotti o snack pieni di conservanti, ma ciò non toglie che non è tanto la modalità di come viene offerto al cane ma la quantità. Esagerare con il fegato può far male, questo per quanto riguarda il fegato fresco, crudo o cotto che sia, quanto con i prodotti a base di fegato, come i paté.

Fegato di pollo al cane: quanto e quando

fegato di pollo
Le dosi giuste di fegato di pollo da dare al cane.(Foto AdobeStock)

Il fegato di pollo è particolarmente adatto per i cuccioli, per le cagnoline in gravidanza e durante l’allattamento, ma anche per cani sportivi.  Tuttavia come per tutti gli alimenti l’esagerazione non fa bene a nulla e lo stesso discorso vale per il fegato di pollo al cane.

La spiegazione di questa sua tossicità è dovuta al fatto che nel fegato è presente la Vitamina A e l’uso quotidiano di fegato potrebbe portare ad un eccesso di questa vitamina. La vitamina A ha una funzione attiva nella differenziazione cellulare che diventa troppo attiva se ne abbiamo troppa.

Essa stimola la crescita e la differenziazione cellulare, inducendo il cane ha problemi muscolari, tende a perdere il pelo per turnover troppo alto nei follicoli piliferi, e si muove male, ha continui dolori articolari dovuti alla proliferazione ossea stimolata dalle vitamine.

Quindi bisogna eccedere con il fegato di pollo al cane solo in caso di carenza di vitamina A nel cane, in entrambi i casi non bisogna mai arrivare ad un punto estremo. Se ciò dovesse verificarsi bisognerà rivolgersi ad un veterinario, il quale dopo le dovute analisi al cane, prescriverà una dieta adeguate per l’animale.

In ogni caso meglio prevenire evitando del tutto di arrivare ad una situazione preoccupante, dosando bene la quantità di fegato di pollo al cane, rispettando il grammo giornaliero per ogni chilogrammo di peso corporeo dell’animale domestico. Questo perché, come abbiamo potuto leggere, troppo fegato di pollo al cane può diventare un alimento tossico.

Potrebbe interessarti anche:Ghiacciolo melone e fragole per cani: 2 fresche ricette

Ricette a base di fegato di pollo

biscotti al fegato di pollo
Ricetta biscottini di fegato di pollo.(Foto AdobeStock)

Biscottini di fegato di pollo

Ingredienti:

  • 250gr fegato di pollo;
  • 2 tazze di farina d’avena;
  • 1 tazza di farina;
  • 2 uova;
  • 2 cucchiai di olio di cocco.

Procedimento

Prima di procedere con la preparazione della ricetta, bisognerà preriscaldare il forno al massimo della potenza. Dopodiché procedere con lo sminuzzare il fegato di pollo e mescolarlo insieme agli altri ingredienti (farina d’avena, farina, uova, olio di cocco).

Ottenuto un impasto omogeneo, procedere con le formine prescelte e posizionare i biscottini sulla teglia foderato di carta forno. Cuocere il tutto per circa 20 minuti o fino a quando non vi sembrano cotti, alla temperatura di 200°. È chiaro che laddove dovesse essere tanta la porzione è possibile conservare il tutto in frigo o nel congelatore.

Fegatini di pollo e verdure

Ingredienti:

  • 250gr di fegato di pollo;
  • 30 gr. di riso integrale;
  • 2 patate dolci;
  • 2 zucchine;
  • 1 cucchiaio di olio d’oliva.

Procedimento

Sminuzzare i fegatini in pezzetti non molto piccoli, da parte lessare il riso integrale e aggiungere le patate e le zucchine tagliate a pezzi. Cuocere i fegatini in un cucchiaio d’olio e due dita di acqua. A cottura quasi terminata aggiungere le verdure e il riso e mescolare il tutto. Lasciare raffreddare e poi servire al cane.

Biscottini di fegato di pollo e barbabietola

  • 250 gr di farina integrale;
  • 50 gr di barbabietola precotta;
  • 50 gr di fegato di pollo;
  • 1 uovo;
  • 1 cucchiaio di olio per il cane ;
  • bastoncini di trippa o cotenna essiccati.

Procedimento

Per iniziare bisogna preriscaldare il forno a 180° per poi trovarlo pronto a temperatura, una vota conclusa la preparazione dei biscotti. Iniziare la ricetta partendo dal cuocere il fegato di pollo in un pentolino con mezzo bicchiere di acqua.

Una volta cotto lasciare raffreddare e successivamente frullare insieme alla barbabietola precotta fino a farla diventare una bella purea. Un suggerimento aggiungere l’olio e l’uovo mentre il tutto sta frullando. Foderare una teglia con carta da forno e infornare il tutto per 20 minuti a 180°. Servire i biscotti una volta freddi al cane.

Potrebbe interessarti anche:Dieta BARF: ecco in cosa consiste e quando è consigliata

Raffaella Lauretta