Home Curiosita Come capire se il gatto vuole giocare: cosa dobbiamo sapere

Come capire se il gatto vuole giocare: cosa dobbiamo sapere

Come capire se il gatto vuole giocare con il suo padrone? Ci sono molti segnali da osservare e memorizzare quando si è insieme. Vediamo il modo giusto di interagire con micio.

Come capire se il gatto vuole giocare
(Foto Unsplash)

Il comportamento del proprio felino domestico deve essere sempre interpretato bene, tenendo conto che ogni sua azione è un chiaro messaggio per il suo padrone. Per chi è alle prime esperienze con micio, non sempre è facile intuire le sue intenzioni. Allora, vediamo come capire se il gatto vuole giocare con noi.

Come capire se il gatto vuole giocare: i segnali

Nella convivenza con un micio, è essenziale riuscire a percepire se il peloso si sente a suo agio ed è spesso di buon umore e se, in particolare, ha voglia di un contatto con il padrone, anche nel gioco. Approfondiamo questo tema qui di seguito.

Micio vuole divertirsi
(Foto Pexels)

Il felino è un animale che tiene molto alla sua riservatezza e che non tollera essere infastidito quando è per conto suo, dedito al silenzio e al relax a cui è molto legato.

Avendo questo carattere abbastanza spigoloso, anche se in realtà basta conoscerlo e rispettarlo, un gatto può diventare indisponente se non gli si lascia il suo spazio. Il caro micio fa capire quando vuole restare solo o se ha voglia di compagnia.

Basta relazionarsi nel modo corretto con il peloso, così come con qualsiasi altro animale domestico, realizzando che non è sempre a nostra disposizione e che ha i suoi ritmi e le sue abitudini.

Ma quando micio è in cerca di coccole e abbracci, sa farlo capire molto bene al suo padrone umano, tramite alcuni segnali chiave. Ecco, quindi, come capire se il gatto vuole giocare.

Il linguaggio del corpo del gatto è molto chiaro con noi. Nel momento in cui un peloso così istintivo si rapporta all’essere umano, di sua volontà, significa che ha piacere a trascorrere del tempo insieme, giocare a nascondersi o ad essere rincorso, desideroso di essere stimolato in modi creativi e divertenti.

Come capire se il gatto vuole giocare: avvicinamento lento e consapevole

Il primo segnale che il gatto invia se vuole giocare è proprio il suo avvicinamento, che è graduale. Micio si muove lentamente e ha necessità di capire se anche il suo padrone è predisposto.

Con un fare amichevole e delicato, il peloso si aspetterà una reazione positiva dal suo padrone, di cui può riconoscere il volto. Il suo approccio, così, non è certo difensivo o aggressivo.

Micio si comporterà in base alla risposta fisica del suo umano, alla proposta di un contatto fisico con lui.

Se tutto ciò non si verifica quando il felino è in nostra presenza ma, anzi, mantiene un distacco e sembra voler dominare il suo territorio, c’è un disagio che va approfondito con il veterinario.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto vuole giocare all’alba: i motivi e come farlo smettere

Il felino e l’essere felice: come percepirlo

Benessere e felicità sono i doni che tutti i padroni amanti degli animali vorrebbero fare al proprio felino. Per ottenere questi importanti risultati si deve osservarlo bene nella quotidianità e prendersi cura di lui. Continuiamo a leggere più avanti.

I segnali del felino
(Foto Pixabay)

Appartenente a quella categoria di animali molto abitudinari e bisognosi di tranquillità soprattutto nell’ambiente in cui vive, micio deve essere compreso, in modo tale da evitare di commettere errori che possano disturbarlo.

Lasciare che sia il peloso a compiere il primo passo verso di noi ci aiuterà a conquistare la sua fiducia e a poter agire nel suo interesse, ogni giorno.

Gli eventi improvvisi e stressanti, ad esempio, non sono affatto apprezzati dal peloso, che li vive con fatica e ansia.

Comprensione e socializzazione

Il gatto è insicuro quando occorre affrontare un trasloco, oppure se arriva un nuovo animale in casa, o ancora se fa il suo ingresso un bambino in famiglia.

Per farlo sentire sicuro e dargli benessere psicofisico, bisogna fare in modo di accoglierlo nel miglior modo possibile, che sia un cucciolo o micio adulto con traumi passati alle spalle.

In questo caso, ci si può rivolgere al veterinario esperto del comportamento, per imparare a gestire i momenti più delicati in casa e trovare il giusto approccio con l’animale più agitato.

Il comportamento del gatto adulto è lo specchio delle esperienze che ha vissuto. Facciamolo sentire amato e al centro dei nostri pensieri, evitandogli gelosie e insicurezze.

Ricordiamo che lo strumento più importante per il peloso è la socializzazione: più micio vive tra le persone sin da subito meglio si troverà in qualsiasi contesto sociale.