🐱 Erba gatta: quale effetto ha sul gatto? A che serve e quando darla a micio

Foto dell'autore

By Ilaria Grimaldi

Curiosita, Gatti

Erba gatta, conosciuta come una pianta afrodisiaca per il peloso domestico, può avere tanti effetti sul comportamento del tuo felino. Scopriamoli qui e vediamo quando la si può dare.

Il felino e l'erba gatta
Micio nascosto nell’erba (Canva – amoreaquattrozampe.it)

Ci sono alcune cose, nella realtà che circonda un micio, che riescono ad attirarlo di continuo e che hanno effetti talmente potenti e benefici, da modificare il suo comportamento in casa. Vediamo, in questo articolo, cosa può fare l’erba gatta sul peloso domestico e quando è il caso di fornirla a lui.

Erba gatta: gli effetti sul gatto domestico

Si tratta di una pianta molto famosa per via degli effetti rilassanti o eccitanti che ha sul felino. Ormai venduta in piccoli vasi, la si trova in natura, ed attira molto la curiosità e i sensi del micio. Leggiamo meglio qui di seguito.

L'erba gatta per micio
Pet esplora la natura (Unsplash – amoreaquattrozampe.it)

Quando parliamo di erba gatto ci riferiamo ad una piccola pianta aromatica appartenente alla famiglia delle Lamiaceae. Si chiama così proprio per il suo effetto su questo animale, capace di cambiare all’improvviso il suo comportamento.

L’erba gatta, dunque, produce in tutti i gatti degli effetti eccitanti o rilassanti, a seconda dei bisogni del pet domestico. Questa ha delle foglie superiori verdi, mentre quelle inferiori sono di colore grigio biancastro.

Se si posiziona un piccolo vaso di questa piantina magica, il micio sarà subito attratto dall’erba: lo attira il suo odore intenso e l’olio essenziale contenuto, il nepetalattone, dall’effetto davvero irresistibile per tutti i felini.

In pratica, si può dire che l’erba gatta ha degli effetti sul micio simili a quelli delle sostanze allucinogene ed ogni reazione in lui dipende dall’impatto dell’aroma su alcuni suoi organi.

Obiettivi terapeutici e comportamentali

Sappiamo che esistono 5 piante con effetti allucinogeni per il gatto e l’erba gatta rientra tra queste. Infatti, questa erba viene usata con fini terapeutici o comportamentali per il micio.

Le sue foglie favoriscono la digestione delle piccole prede e anche l’espulsione di possibili parassiti gastrointestinali, anche se molti pets ingeriscono l’erba per un comportamento innato.

Procura un grande piacere e stimola i sensi del peloso, a causa delle sostanze ipnotiche in essa contenute.

Davanti all’erba gatta, il gatto si strofina il muso e la mordicchia, ribaltandosi a terra e rotolandosi, iniziando a fare le fusa e correndo qui e là, in preda agli effetti ipnotici.

Alcuni mici reagiscono in modo attivo e altri in maniera passiva all’erba gatta. I suoi effetti durano intorno ai 10-15 minuti, ma non crea dipendenza. Se usata troppo spesso, però, può causare assuefazione.

L’uso dell’erba gatta per micio: quando darla e gli effetti collaterali

Sono diverse le occasioni in cui offrire l’erba gatta al proprio micio, oltre all’uso che può fare il veterinario di fiducia. Questa piantina può essere utile al micio per avere nuove abitudini, ma attenzione agli effetti collaterali. Continuiamo la lettura qui.

Dare erba gatta al gatto
Esemplare riposa tra le piante (Unsplash – amoreaquattrozampe.it)

Non perdere tutti i video di 🐾 Amore a quattro zampe: li trovi su TIKTOK

Come abbiamo accennato, l’erba gatta non è una droga e non crea una dipendenza nel felino che ne fa uso, ma deve essere tenuta sotto controllo e non bisogna abusarne.

L’erba gatta può essere impiegata per abituarlo alla sua nuova cuccia, così come per imparare ad usare il tiragraffi in casa.

Molto importante nella stimolazione degli esemplari che tendono ad essere più pigri e nell’espulsione dei boli di pelo, in particolare durante la muta stagionale.

Prima di darla al proprio micio è sempre meglio consultarsi con il veterinario, per valutare bene le conseguenze nel soggetto.

Per un gatto che soffre di alcuni disturbi gastrointestinali, poi, sarebbe opportuno risolverli se si ha intenzione di offrire erba gatta, perché potrebbero svilupparsi effetti anomali.

🐾 Vi aspettiamo sul nostro nuovo canale TELEGRAM con tanti consigli e novità

In caso di diarrea, flatulenza o stipsi del gatto, è meglio evitare perché si rischia di aumentare l’acidità gastrica. Gli effetti collaterali sono, quindi, vomito e diarrea, tosse e inappetenza.

Si consiglia di rivolgersi al medico veterinario, qualora si manifestassero sintomi simili nel proprio felino.

Gestione cookie