Home Curiosita Le cose che il gatto odia dell’uomo: prodotti e comportamenti

Le cose che il gatto odia dell’uomo: prodotti e comportamenti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:19
CONDIVIDI

Le cose che il gatto odia dell’uomo: azioni, comportamenti e abitudini del suo amico umano che il felino non riesce a tollerare. Vediamo di cosa si tratta.

le cose che il gatto odia dell'uomo
Tra le cose che il gatto odia dell’uomo, ci sono gli abbracci troppo euforici.(Foto AdobeStock)

La convivenza tra il gatto e l’uomo è la coabitazione fra due essere realmente molto diversi, ma allo stesso tempo il loro modo di fare è al quanto simile. Chiunque abbia la fortuna di vivere con un gatto, conosce gli aspetti più strani di questo animale ma sappiate che anche il vostro animale conosce tanti aspetti di voi e non tutti sono positivi. Infatti le cose che il gatto odia dell’uomo sono diverse.

Le cose che il gatto odia dell’uomo

gatto
Il gatto arrabbiato con l’uomo.(Foto AdobeStock)

Le cose che il gatto odia dell’uomo sono aspetti del suo modo di fare, azioni e abitudini che spesso disturbano il felino. Spesso questi comportamenti l’uomo li assume inconsapevolmente, quindi senza essere a conoscenza del fastidio che possono provocare al gatto.

Quotidianamente l’uomo svolge delle attività in casa come la pulizia o i lavori di ristrutturazione, che al gatto possono provocare fastidio e qualche volta pure allergia. Mentre altre volte anche solo un semplice atteggiamento nei suoi confronti come abbracciarlo all’improvviso o non rispettare la sua igiene sono comportamenti non tollerati dal gatto.

Potrebbe interessarti anche:Olfatto del gatto: tutto quello che c’è da sapere su questo senso

Odori forti

Ogni giorno, in particolare chi in casa ha un animale, è costretto a tenere più pulito l’ambiente che condivide con il proprio amico a quattro zampe. Spesso questa pulizia avviene utilizzando dei prodotti per l’igiene del pavimento che quasi sempre non sono neutri e di conseguenza la profumazione che tante volte ricade sugli agrumi è un odore molto intenso che rientra fra le cose che il gatto odia.

Il felino non ha per niente un buon rapporto con gli agrumi, le arance, i limoni e tutti gli agrumi in generale hanno sicuramente un odore molto forte ed il gatto avendo un olfatto 14 volte superiore al nostro, percepisce questi odori in modo eccessivo fino a disgustarsi. Un odore particolarmente acido che il gatto proprio non tollera che paragona all’urina e questo lo confonde.

Proprio grazie a questa sua riluttanza all’odore degli agrumi spesso questo aroma viene utilizzato per allontanare il gatto da posto a lui proibiti, basterà spruzzare un po’ di succo di agrumi per tenerlo lontano. Questa soluzione può essere effettuata anche con l’utilizzo di altri odori forti che il gatto non tollera, ad esempio: il deodorante, la cipolla, aceto, lavanda, citronella e spezie.

Potrebbe interessarti anche:Perché il gatto odia l’acqua? Sfatiamo miti e leggende sul bagno

Utilizzo dell’acqua

Il rapporto con l ‘acqua che ha il gatto è differente dal nostro, noi viviamo il bagno come un momento di relax dopo una giornata di lavoro, mentre il gatto vive il bagno come un momento di stress dopo una giornata di relax. Ciò ci fa capire che non bisogna insistere nel modo sbagliato con il gatto per farlo entrare in acqua, ma bisognerà che l’animale compia piccoli passi ogni giorno verso la conquista del bagnetto.

Solo nel momento in cui se ne farà una ragione troverà anche piacere nel bagnarsi in particolare in estate. Abituare il micio gradualmente, bagnandolo poco alla volta: inizia dalle zampe e dalla nuca e poi prova a immergerlo in pochissima acqua, lasciando che l’intera testa del gatto stia ben fuori dall’acqua.

D’altronde è una cosa inevitabile, fare il bagno al gatto lo aiuta a liberarsi più delle impurità ma non dimenticare di premiarlo e gratificarlo con il suo cibo preferito, una volta terminata l’impresa.

Rumori

Il gatto a differenza del cane, quasi non si conosce la voce, oltre a qualche miagolio non si sente. Questo animale per natura è molto silenzioso e proprio per questo suo modo di essere non ama percepire rumori intorno a se. Infatti se escludiamo il periodo in cui è in calore o quando è alla ricerca delle nostre coccole, questi felino proprio non lo senti.

Il gatto odia i rumori acuti, forti e ripetitivi, in particolare se viene colto di sorpresa da essi, ecco perché è consigliabile lasciare che il gatto si abitui ai rumori che ci circondano perché se vive in città con noi saranno inevitabili i rumori forti, come i claxon o altri rumori tipici del traffico.

Potrebbe interessarti anche:Fattori di stress nel gatto: 8 cose che non ti aspetti

Dimostrazioni d’affetto

Il gatto, può sembrare distaccato o poco legato alla sua famiglia umana, ma chi lo conosce bene sa come è fatto e sa che questo è solo il suo modo di mostrarsi ma non il suo modo di essere. Infatti il gatto è un animale legato almeno quanto il cane alla propria famiglia, ma ciò che lo differenzia è quel suo atteggiamento predominante anche in fase di coccole.

Questo animale sarà sempre lui a decidere quando e per quanto tempo lasciarsi coccolare. Inoltre non ama per niente ricevere dimostrazioni d’affetto troppo eccessive sia nei gesti che nel tono di voce. Questo è il tuo gatto ma dimostragli amore sempre e comunque perché saprà ricambiartelo.

Scarsa igiene

Il gatto è l’animale più pulito che si possa tenere in casa, se hai tempo per osservarlo, vedrai quanto dura la sua igiene durante un’intera giornata. In effetti, dedicano circa il 15% del loro tempo o quasi la metà delle ore in cui è sveglio. La pulizia regolare che esso stesso fa, non mantiene solo la pelliccia del gatto perfettamente pulita; lo rende anche impermeabile attraverso la distribuzione del sebo dalla pelle sopra il mantello.

Questa pulizia avviene utilizzando la lingua che ha delle papille come delle piccole punte ruvide rivolte verso l’alto. Spesso si puliscono a vicenda. Non lo fanno solo per le ragioni già riportate, ma anche come segno d’affetto oltre che d’igiene. Questa igiene di cui parliamo il gatto la pretende anche dall’uomo infatti la stessa mania di pulizia, il felino la vorrebbe per la sua lettiera.

Il gatto infatti pretende con il suo atteggiamento che questa venga pulita ogni giorno, non ama avere escrementi intorno e non ama nemmeno sentirne l’odore. Lo stesso vale anche per le scodelle, bisogna ricordarsi che il gatto non ama le ciotole in plastica perché questo materiale trattiene gli odori e il gatto non lo tollera.

Gli esperti infatti consigliano ciotole in alluminio sia per il cibo che per l’acqua. Se stai pensando che il gatto è un essere schizzinoso, non ti sbagli affatto, ma è anche tanto amorevole quando vuole.

Potrebbe interessarti anche:I migliori tipi di lettiera per gatto per chi vive in un piccolo appartamento

Raffaella Lauretta