Home Curiosita Il gatto è egoista? La risposta arriva da uno studio americano

Il gatto è egoista? La risposta arriva da uno studio americano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43
CONDIVIDI

I suoi atteggiamenti spingono la maggior parte delle persone a reputare il gatto come un animale egoista. Ma vediamo cosa dicono gli scienziati

gatto egoista
Gatto (Foto Pixabay)

Esistono molti miti sui gatti: sono noncuranti, arroganti, opportunisti, amanti più del cibo rispetto a chi glielo procura.
E tutti questi luoghi comuni hanno la stessa matrice di fondo: L’egoismo dei gatti.

Molti rivedono nell’atteggiamento schivo e disinteressato dei gatti, una mancanza di affetto nei confronti degli esseri umani e una propensione a concentrarsi solo sui loro interessi.
Questo aspetto ha incuriosito anche alcune etologhe americane che hanno deciso di approfondire la questione.

Il gatto è egoista: la scienza lo mette alla prova

micio
Gatto (Foto Pixabay)

Lo studio condotto da tre ricercatrici americane ha deciso di mettere alla prova alcuni gatti per valutarne il comportamento.
Le studiose dell’università dell’Oregon e di Monmouth hanno quindi effettuato un esperimento i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista Behavioral Processes.

Il team di ricerca, guidato dalla etologa Kristyn Vitale, ha deciso di eseguire la ricerca sulla base delle reazioni dei mici a determinati stimoli. Il campione da analizzare era rappresentato da due gruppi di felini, ognuno composto da 19 gatti, di cui le ricercatrici avrebbero valutato le reazioni. In particolare, uno dei due gruppi era formato solo da gatti domestici, l’altro invece era composto solo da mici che alloggiavano in rifugi.

Prima di dare il via all’esperimento, entrambi i gruppi di micini sono stati tenuti in isolamento per un tempo pari a due ore e mezza. In seguito hanno posto i gatti a contatto con diversi stimoli che facevano capo a quattro sfere: il cibo, il gioco, gli odori e l’interazione con le persone.

Per ogni categoria sono stati scelti tre diversi incentivi e ne sono stati valutati gli effetti sugli esemplari. Nello specifico, le ricercatrici hanno valutato “il grado di preferenza” dello stimolo da parte del gatto. Tale preferenza veniva valutata in funzione di quale stimolo veniva scelto per primo dal gatto e a quanto tempo gli dedicava.

Lo studio ha così mostrato che lo stimolo preferito dal gatto era l’interazione con le persone. Il loro amato cibo si è piazzato solo al secondo posto.
Più del 50% dei felini, infatti, ha cercato come primo stimolo il contatto con l’essere umano a cui ha dedicato il 65% del suo tempo. Questo atteggiamento è stato riscontrato in entrambi i gruppi, concludendo che sia i gatti dei rifugi sia quelli domestici preferivano le attenzioni degli umani ai giochi o al cibo.

Quindi chi ha sempre sostenuto questa tesi sarà costretto a ravvedersi, per chi già invece aveva intuito l’indole criptica del gatto ha avuto la sua conferma.
Ergo il problema non sta nel non potere addomesticare animali come i gatti ma nell‘imparare a comunicare con loro e a saper interpretare i loro atteggiamenti.

Potrebbe interessarti anche:

M. L.