Home Curiosita Il gatto si avvicina sulla spazzatura: rimedi e consigli utili

Il gatto si avvicina sulla spazzatura: rimedi e consigli utili

Il gatto si avvicina sulla spazzatura, un atteggiamento molto diffuso. Vediamo di capire cosa lo spinge a farlo e come rimediare con alcuni consigli utili e pratici.

Il gatto si avvicina sulla spazzatura
(Foto Unsplash)

Può succedere a tutti di vedere il proprio micio o un gatto selvatico aggirarsi nei pressi della casa, del proprio giardino, a curiosare e sostare in qualche posticino comodo per lui. Il felino è un animale che ama avventurarsi per le strade e avvicinarsi alle case degli umani, in cerca di qualcosa. Spesso, infatti, il peloso lo fa per un motivo preciso. Vediamo, qui, perché il gatto si avvicina sulla spazzatura e come risolvere la situazione.

Il gatto si avvicina sulla spazzatura: la causa

É un comportamento molto comune, in particolare nei mici randagi senza casa. Cosa può spingere il felino ad avvicinarsi alla spazzatura degli umani? Leggiamo, meglio, nell’articolo.

Il peloso si avvicina sulla spazzatura
(Foto Pexels)

Non è una novità, il gatto è un peloso abituato a muoversi ovunque, che adora passeggiare e curiosare per le strade della città, a qualsiasi ora, alla ricerca di un posto dove rifugiarsi e non solo.

Libero di agire come vuole in solitaria, spesso spinto da esigenze importanti, il micio può far visita alle case degli umani e fermarsi lì, alla ricerca di quello che può farlo stare meglio.

Sarà capitato a tutti, almeno una volta, di vedere un gatto che si avvicina sulla spazzatura davanti la propria casa, intento a rovistare dappertutto.

Non si tratta di un comportamento così stravagante poiché, come dobbiamo ricordare, un felino si mette sempre alla ricerca di cibo.

Anche un micio ben nutrito non rinuncerà mai alla ricerca di qualcosa da mangiare, quando è in perlustrazione in un luogo.

Se capita di trovare, al mattino, le buste della spazzatura rovesciate o aperte, con il suo contenuto sparso ovunque, o di vedere proprio l’animale sostare sopra di esse e sbirciare nei vari sacchetti posizionati fuori, succede perché il micio è attirato dall’odore di cibo.

Attirare micio senza saperlo

Il gatto che si avvicina sulla spazzatura sa di avere una buona probabilità di trovare rifiuti appetitosi, come pezzetti di pollo o altra carne gettata da noi. Consapevole di ciò e se ne troverà un po’, il peloso tenderà a tornare più volte.

Eventi del genere possono ripetersi proprio perché noi lasciamo rifiuti alimentari golosi per il felino, senza esserne consapevoli.

Lasciando fuori casa bidoni della spazzatura pieni di resti di cibo o vicino al giardino buste contenenti rimanenze di pasti che si stanno rovinando, attiriamo l’attenzione del micio.

Come si può fare per evitare questo problema quotidiano con il peloso? Continuiamo qui.

Potrebbe interessarti anche: Dove dorme il gatto randagio: cosa è importante sapere

Micio e il suo atteggiamento fuori casa: rimedi e consigli utili

Se un micio randagio visita spesso l’uscio della propria casa alla ricerca di cibo da mangiare, occorre prendere dei provvedimenti e cercare di risolvere la situazione. Ecco come organizzarsi nel miglior modo, con dei rimedi efficaci e qualche consiglio da ricordare.

L'atteggiamento del felino
(Foto Pixabay)

Con la presenza frequente di un felino randagio tra le buste della propria spazzatura, è opportuno rivedere le abitudini circa il modo di trattare i rifiuti.

Bisognerebbe evitare, almeno per un po’, di lasciare l’organico per troppo tempo davanti casa, in modo tale che l’odore non arrivi ad uno o ad altri mici della zona.

Il gatto si avvicina sulla spazzatura: l’utilità dei prodotti casalinghi

Esistono dei rimedi per allontanare i pelosi randagi dalla propria spazzatura, a cominciare dalle bucce di agrumi, vale a dire mandarini, limoni e arance, da spargere intorno al luogo dove sosta più di frequente.

Possiamo anche strofinare le bucce sulle pareti ed eventuali oggetti posizionati fuori casa, per impregnare ancora di più la zona di questo repellente per il felino. Non è apprezzato dall’animale e, se non dovesse funzionare subito, si può riprovare più volte.

Ci sono anche alcune piante repellenti per il gatto, quali il timo e la lavanda. L’odore che emanano queste piante è molto sgradevole per lui e tenderà ad evitare quella zona.

Lo stesso potere hanno il caffè e il pepe. Entrambi i prodotti hanno odori troppo forti per il suo olfatto e provocherebbero un brutto prurito nel gatto se provasse ad annusare.

Un’altra soluzione consiste nel posizionare delle bottiglie di acqua all’ingresso della casa (o del giardino), utili nell’allontanare subito il felino, a causa dei riflessi di cui ha paura.

Grande utilità viene data dalla carta stagnola, capace di allontanarlo anche soltanto alla vista e al rumore fastidioso che produce.