Home Curiosita Norme UE di tutela degli animali da compagnia: cosa stabilisce la Convenzione...

Norme UE di tutela degli animali da compagnia: cosa stabilisce la Convenzione di Strasburgo

Anche l’UE contempla delle norme di tutela per gli animali da compagnia: scopriamo cosa stabilisce la Convenzione di Strasburgo.

Norme UE di tutela degli animali da compagnia
(Foto Adobe Stock)

La protezione ed il benessere degli animali da compagnia sono temi molto caldi nella società odierna. Lo dimostra l’attenzione che il Legislatore pone nell’emanazione di leggi di tutela nei loro confronti. Non solo quello italiano: anche l’UE prevede delle norme di tutela degli animali da compagnia, contenute nella Convenzione di Strasburgo.

Norme UE di tutela degli animali da compagnia

Come noto, l’Unione Europea è un’organizzazione internazionale di carattere sovranazionale, politica ed economica. Di essa fa parte anche l’Italia. Essa si pone come obiettivo quello di promuovere la pace ed i valori che accomunano i Paesi che ne fanno parte, all’interno di uno spazio comune e senza frontiere.

Cane e gatto (Foto Pixabay)
(Foto Pixabay)

L’UE, tuttavia, non si occupa solo di persone; o quantomeno anche il Legislatore europeo ha compreso l’importanza che la questione animale riveste per la cultura delle società dei Paesi moderni (compresi quelli europei).

Pertanto all’art. 13 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea (TFUE) è stabilito che l’Unione e gli Stati membri, debbono tenere conto, nella regolamentazione di settori come la pesca, il trasporto, l’agricoltura, del fatto che gli animali sono esseri senzienti (sull’argomento può interessare la lettura di Gli animali sono esseri senzienti: ecco cosa dice la legge)

Certo, a godere del livello di tutela più alto sono gli animali da compagnia; d’altronde si tratta degli animali che l’essere umano ha scelto di porre accanto a sé, per scopi non utilitaristici.

Potrebbe interessarti anche: Regno Unito riconosce gli animali come esseri senzienti: la legge sul benessere degli animali

La Convenzione di Strasburgo: cosa stabilisce

La disciplina UE in materia di tutela degli animali da compagnia è piuttosto risalente nel tempo, giacché è regolata dalle norme della Convenzione di Strasburgo, del 13 novembre 1987.

cane gatto cani gatti non vanno d'accordo
(Foto Adobe Stock)

Partiamo, prima di tutto, dalla definizione di animale da compagnia; la Convenzione stabilisce che è definibile come tale ogni animale tenuto dall’essere umano presso il suo alloggio domestico, per suo diletto o, per l’appunto, compagnia.

Potrebbe interessarti anche: Quanti animali domestici ci sono in Italia? Un’indagine a rivelare i numeri

Non solo, dunque, cane e gatto; potenzialmente, fermo restando il rispetto delle norme che vietano di detenere alcune specie animali, tutti gli animali possono essere da compagnia.

La Convenzione di Strasburgo ribadisce il divieto di maltrattamento e di abbandono; allo stesso tempo sancisce l’obbligo di provvedere al suo sostentamento, fornirgli un ambiente adeguato in relazione alle sue caratteristiche etologiche, e di provvedere alla sua custodia.

A norma dell’art. 10 della Convenzione, gli interventi chirurgici a scopo estetico, e che non hanno dunque finalità curative, sono tassativamente vietate (salvo le eccezione indicate dalle stesso articolo): tra essi annoveriamo

il taglio della coda;
il taglio delle orecchie;
la recisione delle corde vocali;
l’esportazione delle unghie e dei denti.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Antonio Scaramozza