Home Curiosita Come prendersi cura delle uova di un uccello selvatico se le troviamo

Come prendersi cura delle uova di un uccello selvatico se le troviamo

Hai trovato delle uova di uccello e vorresti prendertene cura? Ecco cosa fare e soprattutto cosa non fare per salvaguardarle.

uova uccello selvatico nido
(Foto Pixabay)

Se troviamo le uova di un uccello selvatico, sarebbe meglio lasciare che sia questo animale a curarle. Ma se non c’è alternativa, possiamo essere un aiuto per i futuri uccellini. Se l’uovo che abbiamo trovato è davvero abbandonato, è importante sapere cosa fare e soprattutto cosa evitare.

Uova di uccello: le normative legali

Se possibile, come spesso succede nei casi di animali ritrovati, è meglio lasciar stare le uova. In molti paesi è anche illegale rimuovere le uova di uccelli dal loro habitat originario.

Uova di uccello
(Foto Pexels)

In Italia non è consentito prendere uova, nidi e pulcini neonati se appartenenti alla fauna selvatica, se non in alcuni specifici casi che sono consentiti dalla legge.

Potremmo quindi incorrere in sanzioni (anche pesanti) o addirittura commettere un reato punibile anche con l’arresto e la prigione.

La cosa migliore, in ogni caso, resta rimettere al suo posto l’uovo. Se nelle vicinanze dell’uovo c’è un nido vuoto o con altre uova simili a quello, cerchiamo di rimettere al suo interno l’uovo.

Se non vediamo alcun nido, cerchiamo meglio: non diamo per scontato che l’uovo sia stato davvero abbandonato. Alcuni uccelli nidificano sul terreno, come il piviere.

Se possibile, sarebbe meglio far recuperare l’uovo da un centro specializzato in fauna selvatica. Le persone che ci lavorano sono esperte e sanno prendersi cura degli animali.

Contattiamo il centro più vicino alla nostra zona, o cerchiamo online un ente qualificato per questi casi. Meglio non portare personalmente l’uovo al centro, ma farlo fare agli esperti.

Come prendersi cura delle uova di uccello

Se proprio decidiamo di prenderci cura delle uova (o di un uovo) di un uccello selvatico, la prima cosa da fare è identificare la specie.

nido uccello uova
(Foto Flickr)

Poiché abbiamo bisogno di conoscere il periodo di incubazione, e come nutrire il pulcino appena nascerà, dobbiamo necessariamente conoscere di che uccello è. Ma è piuttosto semplice.

Un ottimo strumento può essere un’incubatrice. Se possibile, acquistiamo un modello elettronico, che abbia un sistema di ventilazione integrato e impostazioni regolabili.

Le uova degli uccelli selvatici non sono tutte ben conosciute, quindi dobbiamo usare quello usato solitamente per l’incubazione delle uova di pollame domestico.

Per installare l’incubatrice, meglio farlo in una zona che non subisca la luce solare direttamente e che non subisca correnti d’aria.

Prima di mettere le uova nell’incubatrice, accendiamola e mettiamo dell’acqua nel serbatoio. Tenerla accesa così per un paio di ore serve a stabilizzare l’atmosfera interna.

Nella cura delle uova di uccelli, la cosa più importante è la perseveranza. I fattori più importanti per avere successo in questa operazione sono:

  • Temperatura;
  • Umidità;
  • Ventilazione;
  • Rotazione.

La temperatura, di certo la cosa più importante per “covare” correttamente le uova, deve restare costante a 38° C per tutto il periodo necessario.

Il serbatoio d’acqua dell’incubatrice deve essere sempre pieno, con un’umidità interna relativa del 60% circa.

Inoltre, dobbiamo permettere una corretta circolazione dell’aria. Infine, ruotiamo almeno tre volte al giorno le uova di mezzo giro, così che la temperatura sia uniforme su tutta la superficie.

Potrebbe interessarti anche: Uova di uccello più comuni: come distinguerle a un primo sguardo

Ultimi consigli utili per la cura delle uova

In ogni momento, laviamo accuratamente le mani prima e dopo aver toccato le uova di uccello.

Uova di uccello più comuni quaglia
(Foto Pexels)

Ricordiamo che c’è una forte possibilità che le uova di uccelli selvatici trovate in natura non si schiudono. Questo è molto probabile.

Se la membrana interna dell’uovo è danneggiata, o se l’incubatrice non funziona nel modo previsto, non ci sarà nulla da fare: l’embrione del pulcino non sopravvivrà.

Se invece la schiusa sarà positiva, ecco che il vero lavoro comincia. Il piccolo neonato va nutrito per circa due settimane dall’alba al tramonto, ogni 15 – 20 minuti.

E l’alimentazione degli uccellini dipende in base alla loro specie: cerchiamo di capire quindi cosa ci serve, così da essere preparati prima della schiusa.

Un altro problema però è che gli uccelli selvatici cresciuti in cattività non riescono di solito a sopravvivere in natura: gli umani non possono insegnare loro come vivere all’aperto.

Ricordiamo che gli animali più adatti a curare le uova di uccello sono proprio gli uccelli selvatici, e non gli esseri umani.

Potrebbe interessarti anche: Le uova di uccello più particolari: le più grandi, piccole, bizzarre e colorate

F. B.