Home Gatti Alimentazione Gatti Alimentazione del British Shorthair: cibo, dosi e frequenza dei pasti

Alimentazione del British Shorthair: cibo, dosi e frequenza dei pasti

Ti stai chiedendo qual è l’alimentazione ideale del British Shorthair? Scopriamo cosa dare da mangiare a questa razza per mantenerla in salute.

alimentazione british shorthair
(Foto Adobe Stock)

Pianificare un’alimentazione sana, bilanciata e nutriente è il primo e fondamentale passo per fare in modo che la vita del nostro British Shorthair sia lunga e serena. Vediamo insieme i pasti più indicati per questa razza, le quantità e la frequenza con cui dare da mangiare al nostro amico a quattro zampe.

Alimentazione del British Shorthair: dosi e frequenza dei pasti

Ogni quanto si consiglia di somministrare i pasti al proprio micio? Quali sono le quantità ideali? Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’alimentazione perfetta per il British Shorthair.

In generale, per quanto riguarda le dosi, si consiglia di somministrare tra i 100 e i 200 mg di cibo al giorno. La quantità precisa dipende da una serie di fattori correlati a età, sesso, stile di vita e condizioni di salute del micio.

Attenzione a non esagerare! Vista la sua pigrizia e la sua tendenza ad accumulare peso, infatti, il rischio di obesità per il British Shorthair è dietro l’angolo.

Ogni quanto dare da mangiare al gatto? Tendenzialmente, si consiglia di alimentarlo due volte al giorno, una al mattino e una alla sera.

Se il proprio micio soffre di problemi digestivi, tuttavia, si potrà suddividere la sua razione quotidiana in piccoli spuntini, da somministrargli nell’arco della giornata. In questo modo, riuscirà anche a sfruttare meglio le sue energie.

Potrebbe interessarti anche: Quanta acqua deve bere il gatto ogni giorno? Quantità e come regolarsi

Cosa dare da mangiare a questa razza

Quali cibi introdurre e quali evitare nell’alimentazione perfetta per il British Shorthair?

british shorthair
(Foto Pixabay)

Esattamente come tutti gli altri felini, anche gli esemplari di questa razza sono carnivori. Per questo, la dieta ideale deve includere principalmente proteine di origine animale.

Gli altri nutrienti indispensabili per il gatto sono, in minor misura: proteine vegetali, carboidrati e grassi. Infine, è importante che la sua alimentazione sia ricca di sali minerali, vitamine e acqua.

A seconda delle nostre preferenze, potremo scegliere un piano nutrizionale basato su mangimi industriali o su preparazioni casalinghe. In entrambi i casi, sarà fondamentale accertarsi della qualità e della freschezza degli alimenti scelti.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione casalinga del gatto: vantaggi, svantaggi, tabelle e ricette

Se si opta per la prima alternativa, si consiglia di scegliere crocchette di misura speciale, appositamente realizzate per stimolare la masticazione e facilitare la loro assunzione da parte di un micio dalla mascella corta come il British Shorthair.

Infine, per prevenire cardiomiopatia e malattie articolari è indispensabile un apporto di taurina e glucosamina.

Desideri sapere di più sulla salute del tuo amico a quattro zampe? In questo articolo potrai approfondire la questione relativa alle malattie comuni nel British Shorthair.

Laura Bellucci