Home Gatti Alimentazione Gatti Alimentazione dell’Orientale Shorthair: cibo, dosi, frequenza dei pasti

Alimentazione dell’Orientale Shorthair: cibo, dosi, frequenza dei pasti

Scopriamo qual è l’alimentazione ideale per l’Orientale Shorthair, in modo che il micio si mantenga forte, energico e in salute.

alimentazione orientale shorthair
(Foto Adobe Stock)

Pianificare una dieta equilibrata, nutriente e sana per il nostro amico a quattro zampe è il primo modo per garantire benessere e serenità al gatto. Ti stai chiedendo in cosa consista la perfetta alimentazione dell’Orientale Shorthair? In questo articolo vediamo tutto quello che c’è da sapere a riguardo, da dosi e momenti della giornata in cui somministrare la pappa, ai cibi più gustosi e genuini per il pelosetto.

Alimentazione ideale dell’Orientale Shorthair: cibo e frequenza dei pasti

Per pianificare la perfetta alimentazione dell’Orentale Shorthair, è essenziale sapere quanto e quando dare da mangiare al gatto.

gatto orientale
(Foto Pixabay)

Il miglior consiglio è quello di individuare le dosi ideali per il micio con l’aiuto del veterinario, che valuterà la razione giornaliera sulla base di parametri come età, stato di salute e stile di vita dell’animale.

In generale, per sapere quanti grammi di crocchette somministrare al pelosetto bisognerebbe moltiplicare 40 per ogni kg di peso corporeo del quattro zampe.

Una volta ottenuta la cifra, basterà dividerla per 3, ottenendo anche la quantità di cibo umido consigliata.

Gli esperti consigliano di dare da mangiare al gatto due volte al giorno: una al mattino e una alla sera. In alternativa, potrai suddividere la dose quotidiana di pappa per il micio, somministrandogli piccoli spuntini nel corso della giornata.

Potrebbe interessarti anche: Dieta BARF per il gatto: cos’è, quali cibi, i pro e i contro per il micio

Cosa dare da mangiare all’Orientale Shorthair

Infine, non ci resta che scoprire quali cibi non possono mancare nell’alimentazione ideale dell’Orientale Shorthair.

oriental longhair
(Foto Pixabay)

Trattandosi di un carnivoro obbligato, questo micio dovrebbe assumere principalmente proteine di origine animale.

In particolare, la dieta del quattro zampe dovrebbe essere basata sull’apporto di carne, tra cui pollo, manzo, tacchino e agnello.

Meno frequentemente potremo dar da mangiare al pelosetto anche del pesce, come platessa, alici e salmone.

Questi alimenti, infatti, contengono Omega 3 e Omega 6, essenziali per la salute e il benessere del micio. Non solo: da essi il gatto trae nutrienti essenziali che il suo organismo non è in grado di sintetizzare da sé.

A seconda delle tue esigenze, potrai scegliere per il tuo Orientale Shorthair un’alimentazione casalinga o basata sulla somministrazione di cibi industriali.

Potrebbe interessarti anche: Meglio l’acqua da bottiglia o da rubinetto per il gatto?

Nel primo caso, spetterà a te selezionare e cucinare i pasti per il gatto. I vantaggi di questo piano alimentare rappresentati dalla freschezza e qualità del cibo.

In ogni caso, si tratta di un’operazione più impegnativa e che, se non effettuata con l’aiuto di un veterinario, potrebbe provocare delle carenze nutrizionali nell’animale.

A questo proposito, è importante conoscere tutto sulla salute dell’Orientale Shorthair.

Per farlo, consulta questo articolo dove troverai tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

In alternativa, troverai sugli scaffali di supermercati e negozi specializzati degli alimenti già pronti, contenenti tutte le sostanze nutritive essenziali per il benessere del tuo Orientale Shortair.

Naturalmente, è bene leggere la tabella nutrizionale riportata sul retro della confezione, per verificare la qualità e la composizione degli alimenti prescelti.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Laura Bellucci