Home Gatti Alimentazione Gatti Arginina nel gatto: che cos’è e perché è fondamentale per il tuo...

Arginina nel gatto: che cos’è e perché è fondamentale per il tuo micio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:49
CONDIVIDI

Spesso sentiamo parlare di arginina nel gatto; ma che cos’è? E perché è così fondamentale per il suo benessere? Scopriamolo insieme!

L'arginina nel gatto (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

Alla base della buona salute del nostro animale domestico c’è sempre un’alimentazione sana ed equilibrata, rispettosa dei suoi bisogni nutrizionali. Ma non sempre è facile trovare il regime alimentare adeguato, soprattutto se non si hanno specifiche competenze in materia. Ad esempio, è poco conosciuta l’arginina nel gatto: che cos’è? E perché è cosi fondamentale per il suo benessere?

Che cos’è l’arginina

Arginina nel gatto (Foto Adobe Stock)
(Foto AdobeStock)

L’arginina è un elemento fondamentale per l’alimentazione di un gatto. Si tratta di un amminoacido essenziale, che consente all’organismo del felino la sintesi proteica, da dove trarre le energie necessarie. La carenza di questo elemento può comportare gravi problemi di salute.

Dove si trova

Arginina nel gatto (Foto Adobe Stock)
 (Foto Adobe Stock)

L’arginina è presente in una grande quantità di alimenti: carni bianche e rosse, pesce, e vari cereali, quali il riso, l’avena, il mais; l’amminoacido è presenta anche nella frutta secca. Dunque, di primo acchito, la sostanza sembrerebbe facilmente integrabile nella dieta del gatto. Ma in realtà non è così.

Il felino è infatti in grado di estrarla a sufficienza solo da determinati alimenti. La carne, nella dieta di un gatto, non deve mai mancare; anzi, deve occupare uno un posto di rilievo, quasi esclusivo. L’arginina si trova, in particolare, nella carne di manzo, pollo, tacchino e coniglio.

Questo non vuol dire che il felino debba mangiare solo ed esclusivamente carne; vi è uno spazio residuale anche per altri alimenti, come pesce, uova e cereali. Oltre ciò, vi sono varie frutta e verdura che il gatto può mangiare; ma alla carne non può proprio rinunciare.

Quando il gatto non assorbe abbastanza arginina

Arginina nel gatto
(Foto Adobe Stock)

Quando il gatto non assorbe sufficiente arginina le ipotesi sono due: o state somministrando al piccolo felino una dieta che non rispettosa dei suoi fabbisogni nutrizionali, oppure il gatto è affetto da una patologia che non gli consente di assorbire correttamente l’amminoacido essenziale.

La carenza di arginina può dar luogo a molteplici sintomi:

  • Vomito
  • Spasmi muscolari
  • Salivazione eccessiva
  • Atassia

Potrebbe interessarti anche: Taurina nel gatto: cos’è e perché è fondamentale per il tuo micio

Come intervenire

gatto sordo
(Foto Adobe Stock)

Se sospettiamo una carenza di arginina nel gatto, è necessario rivolgersi al proprio veterinario di fiducia, per evitare il peggioramento dei sintomi. Il fabbisogno di arginina, se non soddisfatto in tempi brevi, può condurre il felino anche alla morte.

Se la carenza si è manifesta a causa di un regime alimentare non adeguato, il professionista procederà alla modifica degli alimenti che la compongono. Per un determinato periodo di tempo potrebbe essere necessario ricorrere anche ad integratori alimentari per il gatto.

Il disturbo potrebbe essere anche dovuto ad una patologia che non consenta all’animale di assumere sufficiente arginina. Il trattamento terapeutico volto alla cura della malattia potrebbe essere coadiuvato dall’azione degli integratori alimentari, che il gatto potrebbe dover assumere per tutta la vita.

Potrebbe interessarti anche: Dieta del gatto malato: consigli e rischi

Antonio Scaramozza