Home Gatti Alimentazione Gatti Il gatto può mangiare lo zenzero? Scopriamo il parere degli esperti

Il gatto può mangiare lo zenzero? Scopriamo il parere degli esperti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00
CONDIVIDI

Ti sei mai chiesto se si può dar da mangiare lo zenzero al gatto? Vediamo quali sono i pro e i contro di questo alimento secondo gli esperti.

il gatto può mangiare lo zenzero
Il gatto può mangiare lo zenzero? (Foto Adobe Stock)

Lo zenzero è una spezia dalle innumerevoli proprietà benefiche: negli esseri umani, infatti, è estremamente di aiuto in caso di nausea e cattiva digestione. Vale lo stesso anche per i nostri amici a quattro zampe? Scopriamo se il gatto può mangiare lo zenzero.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto può mangiare le nocciole? Tutto quello che c’è da sapere su questo frutto

Il gatto può mangiare lo zenzero? Pro e contro

gatto che mangia
Zenzero a Fuffi sì o no? Non sempre questo alimento dalle proprietà benefiche va somministrato al gatto (Foto Adobe Stock)

Se ti stai chiedendo se si può dar da mangiare lo zenzero al gatto, tendenzialmente la risposta è sì. Questa spezia, infatti, non solo è un ottimo rimedio naturale per contrastare numerosi disturbi, come il mal di stomaco nel micio, ma detiene anche svariate proprietà benefiche.

In alcuni casi, tuttavia, il gatto non dovrebbe assumere questo alimento. Infatti, esso potrebbe causare degli effetti collaterali e agire negativamente sulla salute del micio. Scopriamo quando si può far mangiare lo zenzero al gatto, e quando sarebbe meglio evitare.

I benefici dello zenzero

gatto si lecca i baffi
Lo zenzero ha proprietà che riducono il rischio di cancro e di malattie all’apparato cardiocircolatorio (Foto Adobe Stock)

Lo zenzero è una radice ampiamente utilizzata nella medicina tradizionale cinese. Non solo per gli esseri umani, questo alimento rappresenta un toccasana anche per la salute di Fuffi. In particolare, si può dar da mangiare lo zenzero al gatto in caso di disturbi come:

  • Artrite nel gatto
  • Disturbi cardiocircolatori
  • Infiammazioni
  • Problemi di stomaco
  • Diarrea e flatulenza
  • Coliche

Inoltre, questo straordinario alimento possiede proprietà digestive che rafforzano lo stomaco, rendendo più efficiente la funzione gastrica e riducendo il reflusso gastroesofageo. Grazie alle sue sostanze antiossidanti, riduce il rischio di insorgenza di cancro e malattie cardiocircolatorie.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto può mangiare le mandorle? Ecco cosa sapere su questo frutto

Gli effetti collaterali sul micio

gatto mangia
La gatta è incinta? Meglio stare alla larga dallo zenzero: stimola le contrazioni uterine (Foto Adobe Stock)

Non sempre si può dar da mangiare lo zenzero al gatto: in alcuni casi sarebbe meglio evitare. Ad esempio in caso di ulcere e calcoli biliari nel gatto. Questa radice, infatti, aumenta la produzione di bile da parte del fegato.

Assolutamente no a questo alimento anche se il micio è affetto da diabete: esso abbassa la quantità di zuccheri nel sangue. La gatta è incinta? Somministrare lo zenzero all’animale potrebbe aumentare le contrazioni dell’utero.

Infine, è sconsigliato dar da mangiare questa radice a Fuffi in prossimità di interventi chirurgici. Tra i suoi effetti, infatti, c’è quello di fluidificare il sangue. In questo caso la sua assunzione andrebbe sospesa nelle due settimane precedenti all’operazione.

Come dare lo zenzero al gatto?

gatto mangia
Come si può dar da mangiare lo zenzero al gatto? Scegli tra integratori e tè (Pixabay)

Dopo aver concordato con il proprio veterinario che il gatto può mangiare lo zenzero, quali espedienti utilizzare per somministrarglielo? Si potrà optare per appositi integratori per mici, a base di questa sostanza.

Il loro utilizzo è particolarmente consigliato in caso di nausea, gonfiore e gas intestinali, spasmi. In alternativa, si potrà preparare un tè allo zenzero per il micio. Per realizzare la bevanda, occorrerà lasciar macerare due fettine sottili di questa radice in acqua bollente.

Dopodiché, occorrerà rimuoverle e portare il liquido a temperatura ambiente, prima di somministrarlo al gatto tramite una siringa senza ago o un contagocce. In ogni caso, si raccomanda di non superare mai le dosi consigliate, che ammontano a:

  • 1/8 di cucchiaino in polvere fino a 4,5 kg
  • 1/4 di cucchiaino in polvere dai 4,5 ai 9 kg

Laura Bellucci