Home Gatti Il cervello dei gatti si sta rimpicciolendo: uno studio svela perché

Il cervello dei gatti si sta rimpicciolendo: uno studio svela perché

Una recente ricerca scientifica ha messo in luce che il cervello dei gatti si sta rimpicciolendo: scopriamo il motivo di questo fenomeno.

Cervello gatti rimpicciolendo
(Foto Canva)

Il cervello dei gatti si sta rimpicciolendo, e la colpa è solo nostra. A sostenerlo è uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Royal Society Open Science. Scopriamo di più su questo fenomeno e capiamo perché i membri della nostra specie ne hanno la responsabilità.

Il cervello dei gatti si sta rimpicciolendo

Come sono cambiati i nostri amati amici a quattro zampe, nel corso del processo di addomesticamento?

micio bianco cieco negozio
Gatto bianco (Foto Pixabay)

Una interessante ricerca ha svelato che il cervello dei gatti di oggi si è progressivamente rimpicciolito nel corso del tempo del 25% rispetto a quello dei quattro zampe di un tempo.

Gli scienziati hanno esaminato il cranio dei mici moderni, mettendo a confronto le sue dimensioni con quelle dei felini selvatici vissuti 10.000 anni fa.

In particolare, il confronto è avvenuto con il gatto selvatico europeo (Felis silvestris) e quello africano (Felis lybica), che è ritenuto l’antenato vivente più vicino ai felini domestici moderni.

Perché le dimensioni del cervello del gatto si sono ristrette? A quanto pare, c’è il nostro zampino in questo cambiamento.

Potrebbe interessarti anche: Quanto sono intelligenti i gatti? Ecco cosa ci dice la scienza a riguardo

Perché è tutta colpa nostra?

Attenzione: in primo luogo è bene precisare che un cervello più piccolo non rende il quattro zampe più stupido.

Perché i gatti hanno momenti di follia
(Foto Adobe Stock)

Infatti, la grandezza di questo organo non è direttamente proporzionale all’intelligenza.

Questo processo si è verificato nel corso dell’addomesticamento dei mici, e deriva da una serie di cambiamenti che l’aver accolto questo animale presso i propri insediamenti ha comportato nel suo stile di vita e nelle sue abitudini.

Potrebbe interessarti anche: I gatti sono in grado di chiedere aiuto: lo svela la scienza

Tra le principali differenze tra mici domestici e selvatici, del resto, c’è il loro atteggiamento nei confronti dell’essere umano. Non è un mistero che i primi siano maggiormente mansueti.

Proprio questo atteggiamento più placido e ben disposto nei nostri confronti potrebbe essere alla base della riduzione delle dimensioni del cervello.

Tra gli altri fattori, potrebbero esserci la riduzione di emozioni come stress, eccitabilità e paura.

Al nostro fianco, infatti, i mici hanno ricevuto maggior sicurezza e protezione, che ha fatto sì che riuscissero a evitare gli attacchi dei predatori.