Home Gatti Come costruire una cuccia per il gatto riciclando un vecchio monitor: la...

Come costruire una cuccia per il gatto riciclando un vecchio monitor: la procedura da seguire

Per costruire una cuccia per il gatto si può usare anche il monitor di un vecchio televisore o computer: qual è la procedura da seguire.

Come costruire una cuccia per il gatto riciclando un vecchio monitor
(Foto Adobe Stock)

Il mercato offre diverse soluzioni per assicurarsi i vari accessori per gli animali domestici. Tuttavia si può sempre ricorrere al fai da te. Con una buona dose di manualità e di fantasia è possibile fabbricare diversi oggetti per i nostri amici a quattro zampe. In questo articolo vedremo insieme come costruire una cuccia per il gatto riciclando un vecchio monitor.

Gli accessori fai da te per gli animali domestici

Cuccia, collare, collare elisabettiano per il gatto, trasportino, amaca: il novero degli accessori per il nostro amico a quattro zampe è molto ampio e sempre più in espansione.

Trasportino fai da te per gatti
(Foto Adobe Stock)

Le spese per il loro acquisto indubbiamente si fanno sentire; ma chi ha per passione il fai da te ha un duplice vantaggio.

Da un lato, infatti, può risparmiare qualche soldino fabbricando da sé gli oggetti pensati per il proprio pelosetto; dall’altro può riciclare materiali ormai obsoleti e riposti in un vecchio angolo del ripostiglio. Anche l’ambiente ringrazierà.

Ad esempio, se in casa avete ancora un televisore a tubo catodico o il monitor di un vecchio computer, sappiate che potrete utilizzarlo per costruire una cuccia fai da te per il gatto.

Potrebbe interessarti anche: Collare elisabettiano fai da te per il gatto: la procedura da seguire

Costruire la cuccia per il gatto riciclando un vecchio monitor: come fare

Per quanto la fabbricazione della maggior parte degli accessori degli animali domestici sia alla portata di tutti, è bene avvertire il lettore che vale altrettanto per la procedura in questione.

cuccia fai da te per gatti
(Foto Adobe Stock)

Infatti è necessario avere una buona dimestichezza nel maneggiare gli apparecchi elettrici. In caso contrario meglio ricorrere al mercato, o tutt’al più avvalersi delle prestazioni di un elettricista. Il rischio è quello di prendere una scossa elettrica, poiché il monitor può trattenere carica elettrica per molto tempo.

Non ci sono particolari problematiche invece per ciò che concerne la grandezza dello schermo. Gli esemplari delle varie razze feline hanno una grandezza omogenea, quindi l’accessorio che prepareremo andrà bene per ogni gatto.

Chiaramente occorrerà avere a disposizione un vecchio televisore a tubo catodico, o un vecchio computer che non usiamo più, a partire dai 15 pollici in su.

Potrebbe interessarti anche: Lettiera per il gatto fai da te: tutti i consigli da seguire VIDEO

Occorrerà rimuovere all’interno del monitor ogni elemento tagliente, che possa creare pericolo alla salute del gatto.

Prima di tutto va smontato il monitor, rimuovendo tutte le vite e le linguette di plastiche con cui è fissato il rivestimento esterno. Se si tratta di un computer, va prima tolto il supporto che regge lo schermo. Spesso il tubo catodico è avvolto da un ulteriore involucro, solitamente di metallo; anche quest’ultimo va tolto.

La parte più difficile è la rimozione del tubo catodico. É proprio in questa fase che rischiamo una scossa elettrica. Pertanto occorrerà indossare i guanti da elettricista ed utilizzare un condensatore, al fine di individuare eventuali residui di scarica elettrica.

Accertatici che non v’è alcun pericolo, potremo procedere a togliere il tubo catodico ed ogni altro cavo elettrico.

Non resta che il circuito elettrico, fissato al fondo da alcune viti. Rimuovendo quest’ultime, sarà facile smontare l’ultimo elemento. A questo punto per costruire la cuccia per il gatto basterà rimontare il monitor, privo di ogni altro elemento tagliente, arredato con cuscini e coperte per il nostro amico a quattro zampe.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.

 

 

.