Home Curiosita Curiosità sul gatto Cymric: origini e aneddoti sulla razza

Curiosità sul gatto Cymric: origini e aneddoti sulla razza

Curiosità sul gatto Cymric: le nozioni, le imperdibili chicche e la vera storia di questa razza dall’aspetto piuttosto buffo.

cymric
(Foto AdobeStock)

Il gatto è un animale domestico molto richiesto, capace di fare una grande compagnia senza richiedere molto impegno per le sue esigenze e cure.

È un animale molto simpatico ed enigmatico sul quale aleggiano tantissimi aneddoti ed interessanti storie.

Nell’articolo di oggi, andremo a scoprire quali di essi riguardano una razza in particolare.

Infatti andremo a raccontarvi quelle che sono le curiosità sul gatto Cymric, le origini e le caratteristiche di questa razza.

Curiostità sul gatto Cymric: lo sapevate che…?

Ecco tutte le singolari curiosità sul gatto Cymric, indiscrezioni che riguardano completamente questa razza di gatto.

cucciolo di cymric
(Foto AdobeStock)

Quando decidi di adottare un gatto e questa scelta ricade su una razza in particolare, è fondamentale che tu conosca le sue origini e soprattutto le curiosità su di essa.

Parliamo, perciò, delle curiosità sul Cymric che circolano tra gli appassionati e non, come ad esempio:

  • il nome del gatto Cymric, deriva dalla parola gaelica utilizzata per dire Galles, ovvero Cymruè e pare che si pronunci “Cumric”;
  • il mantello del Cymric è di media lunghezza, denso e ben imbottito sul corpo principale. Sono riconosciuti tutti i colori ad eccezione di quelli frutto di una evidente ibridazione con altre razze, come i colori Chocolate, Lilac e colorpoint, e uno qualsiasi di questi con il bianco.
  • un’altra curiosità sul gatto Cymric riguarda sempre il mantello del gatto, il quale non si infeltrisce ed è facile da tenere in ordine. Inoltre, grazie ad esso il Cymric non soffre mai il freddo.
  • questo gatto è molto vicino a quello che è il gatto “comune” tranne per quanto riguarda la mancanza della coda;
  • la tipica coda del gatto Cymric, è dovuta a una mutazione genetica dominante avvenuta nell’isola di Man. Vivendo su un’isola, in uno spazio quindi ristretto, la consanguineità tra i soggetti di questa razza è elevata e il gene dominante poté così tramandarsi facilmente;
  • La caratteristica coda, esiste in 4 diverse varianti:
  1. rumpy: soggetti totalmente privi di appendice (coda), con una fossetta alla base della colonna vertebrale a volte ricoperta da un ciuffetto di pelo;
  2. rumpy Riser: soggetti che possiedono un piccolissimo troncone di coda, formato da una a tre vertebre sacrali;
  3. stumpy: soggetti che possiedono un breve moncone di coda formato da una a tre vertebre caudali, della lunghezza massima 3 cm. che non deve essere tuttavia storta o nodosa.
  4. longy o tailed: soggetti che possiedono una coda quasi intera, normale e arricciata.

 Potrebbe interessarti anche: Le razze di gatti più amichevoli: questi mici sono molto affettuosi

Cymric famosi

Il Cymric è una razza di gatto molto popolare e la sua fama la deve principalmente all’aspetto piuttosto buffo della coda mozzata, talvolta anche inesistente.

cymric
(Foto AdobeStock)

La storia della razza Cymric è molto recente ma comunque legata a quella del gatto Manx, come infatti:

  • Il gatto Cymric era associato al gatto Manx, che divenne famoso negli anni ’20 per la mancanza della coda;
  • il gatto Cymric è anche chiamato “Longhaired Manx” o “Manx Longhair”;
  • oggi il Cymric non è riconosciuto come razza a sé da moltissime associazioni che continuano a ritenerlo una semplice mutazione del Manx. Invece la TICA – The International Cat Association lo ha riconosciuto come razza distinta dal Manx e ne ha perfino stilato lo standard.

Potrebbe interessarti anche:Gatti e malattie genetiche: tutte le principali patologie feline

Nomi per il tuo Cymric

Non sai che nome dare al gatto? Hai deciso di accogliere in casa un Cymric e non sai come chiamarlo? Di seguito troverai tutti i migliori consigli e anche alcuni esempi simpatici.

Esistono diversi modi per scegliere il nome giusto da dare al gatto.

L’importante è che si cerchi di chiamare il gatto sempre con lo stesso nome, di dare il nome al micio quanto prima per farlo abituare e premiando l’animale ogni volte che il gatto arriva quando si sente chiamare.

Questi appena citati sono le tecniche di base, in merito invece ai consigli che gli esperti suggeriscono riguardano:

  • la lunghezza: non deve essere né troppo lungo né troppo corto, da poter confondere l’animale;
  • non creare confusione: non dare al gatto un nome che possa interpretare come un comando.

Anche se può sembrare facile, dare il nome al gattino, vi assicuriamo che non lo è affatto. Ciò che invece vi può aiutare è avere il micio tra le braccia, solo in quel momento avrete le idee più chiare.

Magari sarà utile osservare l’animale e captare una caratteristica fisica o comportamentale che può agevolare la scelta. L’importante che vengano rispettati i parametri precedentemente suggeriti.

Ricordiamo che sono solo consigli e non regole, sarete sempre liberi di dare sfogo alla vostra fantasia.

Se poi avete bisogno di qualche suggerimento, di seguito troverete un elenco di nomi per il Cyrmic femmina e maschio.

Cymric femmina:

  • Astra;
  • Athena;
  • Batuffolina;
  • Bea;
  • Brenda;
  • Briciola;
  • Buffy;
  • Bubi;
  • Chantilly;
  • Chelsea;
  • Dea
  • Evita;
  • Ermione
  • Iside;
  • Lilla
  • Lola;
  • Luna;
  • Magda;
  • Micia;
  • Misha
  • Moon;
  • Morgana;
  • Ysolde;
  • Yoyo;
  • Yuki;
  • Yuma;
  • Yumy;
  • Vaniglia;
  • Vela;
  • Vicky;

Cymric maschio:

  • Asso;
  • Asterix;
  • Astro;
  • Cosmo;
  • Ercole;
  • Erik;
  • Eros;
  • Felix;
  • Figaro;
  • Giove
  • Grey;
  • Harry;
  • Jack;
  • Jasper;
  • Julius;
  • Leo;
  • Lucky;
  • Max;
  • Merlino
  • Miao;
  • Micio;
  • Milo;
  • Oliver;
  • Oscar;
  • Pluto;
  • Pongo;
  • Pablo;
  • Pulce;
  • Puma;
  • Romeo;
  • Sonny;
  • Tiger;

Questi alcuni esempi di nomi per il vostro gatto Cymric, a voi la scelta!

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Raffaella Lauretta