Home Gatti Differenza tra Snowshoe e Siamese: come distinguere le due razze

Differenza tra Snowshoe e Siamese: come distinguere le due razze

Snowshoe e Siamese appartengono a due razze feline molto simili tra loro: ecco in cosa consiste la differenza tra i due mici.

differenza-snowshoe-persiano-(1)_optimized
(Foto Adobe Stock)

Non sono certo uguali, ma alcune loro caratteristiche sono abbastanza simili da riuscire a confondere un occhio distratto. Scopriamo tutti i segreti per imparare a scovare la differenza tra Siamese e Snowshoe, non prima di aver esaminato tutti gli aspetti che le due razze hanno in comune.

Similarità tra le due razze

Prima di scoprire in cosa consiste la differenza tra questi due gatti, scopriamo tutte le caratteristiche che hanno in comune Snowshoe e Siamese.

snowshoe
Esemplare di Snowshoe (Foto Adobe Stock)

Dal punto di vista fisico, entrambi i felini sono di taglia media, con un peso compreso tra i 3 e i 6 kg.

Quel che non passa inosservato è lo sguardo dei due pelosetti: in entrambi i casi, i loro occhi sono di un colore blu intenso e incredibilmente magnetico.

Anche il mantello di Snowshoe e Siamese e simile, perché presenta sfumature bianche in combinazione con tonalità come daino e cioccolato.

Le due razze sono accomunate anche da alcuni tratti caratteriali. In primo luogo, entrambi i pelosetti sono vispi e curiosi, e tendono ad allontanarsi dal proprio territorio per curiosare in giro.

Per questo, è indispensabile porre in sicurezza qualsiasi ambiente del gatto, per evitare che possa fuggire e mettersi in pericolo.

Chiacchieroni e loquaci, amano relazionarsi con il proprio umano del cuore a suon di miagolii. Grazie al loro carattere dolce e socievole, entrambi i mici sono compatibili con i bambini e con altri quattro zampe, siano essi cani o gatti.

Potrebbe interessarti anche: Differenza tra Siamese e gatto Himalayano: quale scegliere

Differenza tra Snowshoe e Siamese

Non ci resta che scoprire qual è la differenza tra Snowshoe e Siamese.

cura-siamese-(1)_optimized
Esemplare di gatto Siamese (Foto Adobe Stock)

Iniziamo dalle origini dei due pelosetti: il Siamese, come si evince facilmente dal nome, è originario del Regno del Siam, odierna Thailandia.

Lo Snowshoe, invece, ha origini più recenti e proviene dagli Stati Uniti. Questa razza è frutto dell’incrocio tra esemplari diversi, come Sacri di Birmania, American Shorthair bicolori e anche Siamesi.

Sebbene dal punto di vista fisico questi due mici appaiano simili, c’è un tratto caratteristico che può permetterci di distinguerli: il motivo del loro mantello.

Il Siamese, infatti, ha una pelliccia le cui estremità appaiono più scure rispetto al resto del corpo. Tutto merito di un particolare gene termico, che opera questa variazione di colore in zone come coda, orecchie e zampe.

Potrebbe interessarti anche: Adottare un gatto Siamese: carattere, stile di vita e proprietario ideale

Lo Snowshoe, invece, ha dei caratteristici piedini di colore bianco, ai quali deve il suo nome, traducibile dall’inglese come “scarpa di neve”.

Dal punto di vista caratteriale, la differenza principale tra Snowshoe e Siamese riguarda l’indipendenza dei due mici.

Il primo, infatti, è più autonomo e tollera con tranquillità i momenti di assenza del suo proprietario; il secondo, invece, tende a soffrire la solitudine.

Attenzione alla linea del gatto dai piedini innevati: il suo appetito lo predispone al rischio di accumulare peso in eccesso, al contrario del Siamese, che mantiene più facilmente una linea snella e sinuosa.

Tra i due mici hai una predilezione per il pelosetto di origini asiatiche? Allora non perderti questo articolo con tutte le informazioni da conoscere prima di adottare un gatto Siamese.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.