Home Gatti Distributore automatico di crocchette per gatti: cos’è e quando serve davvero

Distributore automatico di crocchette per gatti: cos’è e quando serve davvero

Il distributore automatico di crocchette per gatti è uno strumento pensato per facilitare la vita col proprio felino. Ma quando acquistarlo?

Distributore automatico di crocchette per gatti
(Foto Adobe Stock)

Avere con sé un animale domestico richiede tempo, cura ed impegno; insomma, adottarne uno non significa solo godere dell’amore e dell’affetto incondizionato che sanno donarci, ma anche assumersi determinate responsabilità. Per fortuna, in commercio esistono alcuni strumenti pronti a facilitarci la vita, come il distributore automatico di crocchette per gatti. Scopriamo insieme come funziona.

Che cos’è un distributore automatico di crocchette per gatti

Il distributore automatico di crocchette per gatti è un dispositivo che consente l’erogazione automatica di una determinata quantità di cibo, nella ciotola, che costituisce un tutt’uno con il marchingegno.

Ciotole cani con dispenser
(Foto Adobe Stock)

La quantità del cibo, contenuta nel serbatoio del distributore automatico, è variabile, a seconda delle dimensioni del dispositivo.

In commercio sono disponibili diverse tipologie di modelli: si parte dai più semplici e meno costosi, che prevedono l’erogazione automatica delle crocchette nella ciotola ogni qual volta questa sia svuotata dall’animale.

Modelli meno economici invece consentono la programmazione sia degli orari di erogazione, sia della quantità di cibo da elargire.

Potrebbe interessarti anche: Alimentazione del gatto: la dieta ideale, cibi sconsigliati, tutti i consigli

Quando acquistarne uno

Indubbiamente il distributore automatico di crocchette per gatti costituisce una grande comodità: ma quando acquistarne uno? E quando fare affidamento su di esso?

Responsabilità cat sitter (Foto Adobe Stock)
(Foto Adobe Stock)

Partiamo dall’assunto che si tratta di un oggetto che potrebbe tornare utile a qualsiasi proprietario di un felino. La ragione è anche piuttosto semplice: il gatto, per natura, tende a fare più pasti al giorno. Piccoli spuntini sempre freschi, ai suoi orari prestabiliti.

Come ben sapranno i fortunati compagni umani del piccolo felino, quest’ultimo è un animale notturno, che proprio nelle prime ore del giorno ama sbizzarrirsi; e dopo un grande movimento, vuoi che non venga fame al nostro prode a quattro zampe?

D’altronde sono pochi i fortunati a non essere turbati nel sonno dal proprio gatto, che ad ore poco opportune (almeno secondo il nostro modo di vedere le cose) pretende di essere alimentato.

Un distributore automatico di crocchette, senza dubbio, aiuterebbe a dormire di più; programmando il dispositivo all’ora prestabilita, il gatto, di notte, non avrebbe più bisogno di svegliarvi per fare il suo spuntino.

Potrebbe interessarti anche: Responsabilità cat sitter: cosa stabilisce la legge

L’apparecchio potrebbe tornare utile anche a chi è spesso assente per diverse ore del giorno: il dispenser automatico di crocchette assicurerebbe al felino di non dovervi attendere per mangiare, e dunque modificare le sue abitudini alimentari.

Attenzione tuttavia: in questi casi è bene affidarsi ad un modello di dispenser più avanzato, che ci permetta di programmare non solo gli orari di erogazione delle crocchette, ma anche la quantità da elargire di volta in volta: il rischio è quello che il piccolo felino possa superare le dosi giornaliere consigliate, incorrendo nel pericolo dell’obesità.

Al di là di tale aspetto, affatto non trascurabile, la questione va ponderata anche da un diverso punto di vista. Non possiamo limitarci a pensare che il gatto abbia bisogno solo ed esclusivamente di mangiare; vi sono altri aspetti che vanno considerati, fisiologici in senso stretto e non.

Una lettiera non si pulisce da sola, ad esempio; senza contare che l’animale potrebbe soffrire particolarmente la solitudine, specie se in casa non ha la compagnia di un altro animale. Inoltre, si consideri che i dispenser, per quanto affidabili, rimangono pur sempre dei dispositivi, suscettibili di malfunzionamento.

Insomma, specie laddove la nostra assenza si prolunghi per un paio di giorni, non possiamo di certo affidarci ad un distributore automatico di crocchette, che costituisce uno strumento utilissimo, ma pur sempre di ausilio all’attività di un cat sitter.

A. S.