Home Curiosita Dove seppellire il gatto? Cosa dice la legge

Dove seppellire il gatto? Cosa dice la legge

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:05
CONDIVIDI

Purtroppo prima o poi arriva il momento di separarsi per sempre dal proprio animale domestico. Dove seppellire il gatto? Ecco cosa dice la legge.

Dove seppellire il gatto? Cosa dice la legge (Foto Pixabay)
Dove seppellire il gatto? Cosa dice la legge (Foto Pixabay)

Purtroppo i nostri animali domestici hanno una vita molto più corta della nostra, e la morte del nostro gatto è un’eventualità con la quale prima o poi dovremo fare i conti. Il dolore per la loro perdita è immenso, ma oltre ciò, c’è la necessità di pensare agli aspetti pratici e burocratici della questione, ad esempio il luogo di sepoltura del gatto. Ecco cosa dice la legge.

Potrebbe interessarti anche: Esercizi per il gatto anziano: 6 modi per aiutare il tuo micio

Nel giardino

Piante per insetti
Il giardino è un luogo in cui possiamo seppellire il gatto per tenerlo sempre vicino a noi (Foto Unsplash)

Nell’immaginario collettivo forse è il primo posto a cui pensare per una degna sepoltura del nostro amato gatto. In fondo, cosa facciamo di male a seppellirlo nel nostro giardino o in un altro terreno di nostra proprietà? Assolutamente nulla, ma prima vi sono degli aspetti burocratici da affrontare.

Non possiamo infatti seppellire liberamente il gatto nel nostro giardino, senza dei documenti che attestino che non vi è alcun pericolo. Ma quale pericolo può esservi? Quello di contaminazione del terreno, laddove il gatto sia affetto da gravi malattie.

Per questo prima di procedere, dovrete procurarvi il certificato di morte e quello che attesti il buon stato di salute del micio, dove si evidenzi l’assenza di malattie infettive. Per il rilascio di entrambi i documenti potrete rivolgervi al vostro veterinario di fiducia.

Cimitero per animali

gatti famosi tomba Simon
La tomba di un gatto con una corona di fiori (Foto GettyImages)

Nel nostro paese cominciano piano piano a diffondersi anche i cimitero di animali. Purtroppo non sono ancora così radicati sul territorio, quindi non è una soluzione agevole a cui ricorrere. Parliamo di veri e propri cimiteri, con tanto di orari di visita e lapidi dei nostri amati gatti.

Ovviamente i costi sono sopra la media; dunque occorre valutare anche l’aspetto economico. E comunque non vengono meno nemmeno gli adempimenti burocratici. Il rilascio del certificato di morte da richiedere al veterinario e da consegnare al cimitero è un obbligo da adempiere anche se si opta per questo tipo di sepoltura.

Potrebbe interessarti anche: Come aiutare un gatto anziano a vivere al meglio la vecchiaia

Cremare il gatto

gatto morto
La cremazione e i resti nell’urna (Foto iStock)

Per chi non possa o non voglia seppellire il gatto nel giardino o altro terreno di proprietà, e non possa o non voglia ricorrere al cimitero di animali, vuoi per i costi vuoi per la mancanza di strutture nelle vicinanze, rimane un’unica soluzione: la cremazione del gatto.

A chi rivolgersi? Le alternative sono due. La prima, più economica è più semplice da adottare, è quello di contattare il vostro veterinario di fiducia, che in ogni caso dovrà rilasciarvi il certificato di morte dell’animale. La seconda è quella di prendere contatto diretto con un centro di cremazione. Ovviamente i costi sono piuttosto elevati.

Obblighi e divieti

gatto triste
Gatto (Foto Pixabay)

La morte del gatto, improvvisa o meno, rimane un momento duro da affrontare. Ma occorre mantenere la lucidità per le cose da fare. Come già in parte spiegato, avete potuto vedere come seppellire il proprio gatto richieda il rispetto di determinate norme di legge.

Quindi non prendete libere iniziative sui luoghi di sepoltura: la legge non consente il seppellimento in luoghi diversi da quelli indicati.E’ assolutamente vietato di servirsi per lo scopo di terreni di proprietà pubblica. Detto questo, anche nell’inumazione nel proprio terreno, vanno seguite delle norme igienico-sanitarie.

La buca dovrà essere piuttosto profonda, per far si che l’odore del gatto non sia percepibile da animali selvatici. In ogni caso bene usare la calce, per evitare che possano arrivare al corpo dell’animale, pur avendolo fiutato.

Antonio Scaramozza