Home Gatti Il nostro gatto vomita boli di pelo dovuti alla muta. Cosa fare?

Il nostro gatto vomita boli di pelo dovuti alla muta. Cosa fare?

CONDIVIDI

Con l’arrivo dell’estate i problemi ai nostri animali aumentano, sia dal punto di vista dell’alimentazione che dal punto di vista salutistico. Infatti con il caldo sopratutto, i gatti e i cani, hanno meno appetito e dovremo prediligere per loro un’alimentazione molto più umida e ricca di sali minerali e omega 3/6. Oltre al fatto che in estate gli animali compiono la muta, il ricambio del pelo invernale, per sostituirlo con quello estivo. I cani perdono moltissimo pelo, senza però potersi leccare, mentre i gatti, purtroppo per istinto e abitudine tendono a leccarsi per ripulirsi, e in questo modo ingurgitano moltissimo pelo superfluo. Così si creano i boli di pelo.

Come aggiriamo il problema del vomito?

Come dicevamo i boli si formano in seguito alla regolare pulizia del gatto. Quando il gatto lecca il proprio pelo, piccole strutture simili ad uncini presenti sulla sua lingua intrappolano i peli morti, che vengono poi ingoiati. La maggior parte di essi transita attraverso il tratto digerente senza problemi, altri invece rimangono nel tratto gastro-esofageo creando dei veri e propri intoppi. Il gatto, in seguito, provvederà ad espellerlo grazie al vomito. Poiché i boli di pelo per fuoriuscire transitano attraverso lo stretto esofago, spesso appaiono sottili e caratterizzati da una forma tubulare, piuttosto che rotonda.

La formazione dei boli di pelo è più probabile nelle razze a pelo lungo, come il Maine coon, Persiano, Norvegese, Siberiano. Anche i gatti che tendono a perdere molto pelo o che si leccano in modo compulsivo presentano maggiori probabilità di sviluppare boli di pelo, a seguito della maggiore ingestione di pelo. Possiamo notare come nei gattini questa cosa non avviene vista l’inesperienza nelle pulizie, infatti questo problema è ricorrente nei gatti adulti molto più esperti.

Quali sono le sintomatologie frequenti prevede il vomito?

Un sintomo spiacevole è quello di sentire il gatto sforzarsi e tossire per espellere il bolo di pelo. Alle volte il gatto può anche avere difficoltà nell’espellerlo. Se dovessimo riscontrare uno dei sintomi sotto elencati, dovremo contattare immediatamente il veterinario per scongiurare il peggio.

  1. vomito costante
  2. conati di vomito
  3. colpi di tosse senza la produzione di un bolo di pelo
  4. inappetenza
  5. letargia
  6. costipazione
  7. diarrea

Non possiamo in alcun modo evitare che i boli si formino perchè fanno parte della naturale e fisiologica pulizia del gatto, ma potremo evitarne l’aumento e le dimensioni.

Semplici rimedi casalinghi

  • Spazzolare il gatto regolarmente: Più pelo rimuoverete spazzolando il gatto, minore sarà la quantità ingerita che finirà nel suo stomaco. Pettinare o spazzolare il gatto su base giornaliera può essere un modo perfetto per diminuire i boli di pelo. Oltre che essere piacevole per lui, avrete modo di legare con lui più di prima.
  • Dare al gatto cibo specifico atto a contrastare lo sviluppo dei boli di pelo: Molti produttori di alimenti per animali domestici ora producono cibi per gatti in grado di ridurre la formazione di boli di pelo. Queste formulazioni ricche di fibre sono ideate per migliorare la salute del mantello del gatto.
  • Utilizzare la pasta di malto: Esistono moltissimi prodotti in commercio che favoriscono la regolare mobilità intestinale, alcuni sono lassativi altri invece sono su base di glicerina e favoriscono il transito dei peli tramite le feci.
  • Aiutare il nostro gatto: Se sospettate che i boli di pelo siano la conseguenza di una pulizia compulsiva, provate ad addestrare il gatto a svolgere un’attività diversa ma piacevole, distogliendo quindi la sua attenzione dalla routine compulsiva di igiene. Dategli uno stimolo nuovo, o un cibo umido ogni volta che tenderà a leccarsi, vedrete cambiare completamente il micio.

B.M