Home Gatti No, il gatto non ci ignora quando gli parliamo: cosa ha svelato...

No, il gatto non ci ignora quando gli parliamo: cosa ha svelato la scienza

Sembra che il gatto non ci consideri affatto quando gli parliamo, ma non è così: la scienza ha svelato che non ci ignora.

micio proprietario
Comunicazione umano-felino (Foto Canva – Amoreaquattrozampe.it

Per un infondato pregiudizio i mici sono stati a lungo considerati opportunisti e menefreghisti. In realtà, però, non è così: non dovremmo mai antropomorfizzare il nostro amico a quattro zampe. Ci sono dei comportamenti felini che andrebbero esaminati alla luce delle loro peculiarità di specie. Uno di questi è quello basato sull’idea che il gatto ci ignora quando gli parliamo: la scienza ha dimostrato che non è vero.

Il gatto non ci ignora quando gli parliamo

Parlare con il gatto
Il gatto non ci ignora quando gli parliamo (Foto Canva – Amoreaquattrozampe.it)

Se avete la sensazione che il micio non presti attenzione quando gli parlate, sappiate che vi sbagliate di grosso.

A sostenerlo è la scienza: non è vero che il gatto ci ignora quando gli parliamo. Al contrario, nella maggior parte dei casi – se non in tutti – ci ascolta ed è estremamente interessato a ciò che diciamo.

Un gruppo di di etologi dell’Université Paris Nanterre lo ha svelato grazie a un esperimento durante il quale sono state fatte ascoltare ad alcuni felini delle voci umane. Il alcuni casi si trattava della voce del loro proprietario; in altri, invece, di persone estranee.

Potrebbe interessarti anche: Anche il gatto chiede scusa: lo fa così, ma non ti illudere che si senta in colpa

I mici sono stati filmati in modo che gli scienziati avessero la possibilità di visionare le loro reazioni dal vivo e in un successivo momento, con maggiore calma.

Sebbene sulle prime i ricercatori non abbiano individuato alcun segnale che lasciasse intendere che i felini stavano prestando attenzione agli umani, riguardano i video dell’esperimento hanno fatto una scoperta sorprendente.

Quando a parlare era il loro proprietario, i quattro zampe mostravano impercettibili segni di apprezzamento, come il movimento delle orecchie, la rotazione della testa e persino la sospensione dell’attività che stavano compiendo in quel momento.

Potrebbe interessarti anche: Parlare con il cane o il gatto influenza il cervello: la scienza conferma

Un legame indissolubile

Insomma, si tratta dell’ennesima prova che dimostra che i mici sono tutt’altro che egoisti e disinteressati.

Al contrario, secondo gli scienziati la relazione che i felini sono in grado di instaurare con l’essere umano è così profonda che risulta molto simile al legame tra mamma gatta e cuccioli.

La fiducia e l’amore che i piccoli provano nei confronti della mamma, quindi, sarebbe in qualche modo trasferita al proprietario in età adulta.

SEGUICI ANCHE SU: FACEBOOK | TIKTOK | INSTAGRAM | YOUTUBE | TWITTER

Non a caso, gli studi hanno dimostrato che i gatti preferiscono le interazioni con il loro umano di riferimento, anziché le ricompense basate sul cibo, come fanno i cani.

Non c’è dubbio: si tratta di una prova d’amore a dir poco straordinaria, in grado di contrastare quelle false credenze sui felini, spesso frutto dell’incapacità di noi esseri umani di comprendere il linguaggio di queste magiche creature.