Home Gatti Il gatto non usa il tiragraffi in casa: cosa è importante sapere

Il gatto non usa il tiragraffi in casa: cosa è importante sapere

Il gatto non usa il tiragraffi in casa e il suo rifiuto è per noi inspiegabile? Vediamo di capire cosa allontana micio da questo strumento insieme a dei consigli utili e pratici su come risolvere.

Il gatto non usa il tiragraffi in casa
(Foto Pixabay)

Avere un gatto con noi in casa è gioia e dolore insieme. L’affetto che proviamo per l’affascinante felino si scontra con l’attenzione che abbiamo per la nostra casa, spesso vittima di gesti dannosi e comportamenti fastidiosi da parte dell’animale. Divani, mobili, tende e anche i muri possono essere presi di mira da micio, il quale ha bisogno di sfogare il suo istinto. Una soluzione conosciuta da tutti è il tiragraffi, ma che fare se micio ne resta indifferente? Vediamo perché il gatto non usa il tiragraffi in casa e come rimediare.

Il gatto non usa il tiragraffi in casa: i motivi del rifiuto

Quando adottiamo un micio ci aspettiamo che risponda positivamente alle soluzioni che gli offriamo, per rendere la convivenza armoniosa il più possibile. L’utilizzo del tiragraffi rappresenta un comfort utile sia per il peloso che per il suo padrone. Ma cosa significa quando micio si rifiuta di usarlo in casa? Scopriamolo insieme qui nell’articolo.

Il felino non usa il suo tiragraffi
(Foto Pixabay)

Il micio domestico è un grande compagno silenzioso, osservatore attento e amico di avventure. Vivere insieme al felino, però, comporta qualche sacrificio per quanto riguarda il mantenere l’ambiente pulito, in ordine e al sicuro.

Ogni padrone di un gatto è, comunque, disposto a tollerare alcuni comportamenti stravaganti e fastidiosi dell’animale, in cambio della sua affettuosa presenza. Ma anche la pazienza ha un limite e, a lungo andare, la tolleranza può diminuire.

Ad esempio, non è raro che il gatto decida di non usare il tiragraffi in casa, procurato apposta per lui e per permettergli di liberare il suo lato istintivo. I motivi per cui ne rifiuta l’utilizzo possono essere vari. Vediamoli insieme.

La prima cosa di cui tenere conto è la posizione del tiragraffi in casa: se lo strumento è stato posizionato accanto alla sua lettiera, micio potrebbe non apprezzare il fatto di doversi rilassare e riposare nello stesso posto dove fa i suoi bisognini.

Anche forti correnti d’aria provenienti da una finestra possono scoraggiarlo. Sistemare in un luogo strategico il tiragraffi è fondamentale per consentirne l’uso da parte del gatto.

Altri motivi per cui micio non usa il tiragraffi in casa

É vero che il gatto ama la sua indipendenza e il suo spirito avventuriero e senza troppe regole, ma un motivo per cui rifiuta di usare il tiragraffi è l’affetto che prova per il suo padrone umano.

Diversamente da quanto si pensi, micio ama stare in compagnia della sua famiglia e, forse, non apprezza usare questo strumento in una zona della casa lontana e buia. Il felino vuole la presenza di chi si prende cura di lui, anche mentre gioca o riposa.

Dare al felino il giusto spazio in cui potersi muovere in libertà è altrettanto importante. Troppi mobili o piante intorno possono bloccare i suoi movimenti e farlo sentire a disagio, scoraggiandolo dall’utilizzare il tiragraffi.

Potrebbe interessarti anche: Come scegliere il tiragraffi per il gatto: tutti i consigli per fare un buon acquisto

Il felino e il tiragraffi: consigli su come convincerlo

Se il tiragraffi si trova nel posto giusto in casa ma non riesce a conquistare l’attenzione del gatto, bisogna riuscire a convincere il peloso ad usarlo. Educare il felino all’uso del tiragraffi è possibile, nonostante il suo carattere un po’ ribelle. Vediamo come fare qui nell’articolo.

Il comportamento del felino
(Foto Pexels)

Sapere insegnare al gatto a usare il tiragraffi è facile e può rivoluzionare la convivenza con lui, rendendola più serena ed evitando danni o catastrofi in casa. Per fare in modo che il felino smetta di farsi le unghie sui vari mobili del salotto o per evitare che il gatto gratti il muro ogni tanto, è opportuno rendere poco attraenti quei posti per lui.

Si può optare per l’uso di spray dall’odore neutro e sgradevole per il gatto. Allo stesso tempo, si può abbellire un po’ il suo tiragraffi, strofinandoci sopra della valeriana in polvere o dell’erba gatta, facilmente reperibili in erboristeria.

Potrebbe capitare che micio smetta di utilizzarlo da un momento all’altro, potrebbe essere presente in lui un disturbo fisico; un problema alle zampe o una debolezza generale sono segnali importanti per cui si consiglia una visita immediata dal veterinario di fiducia.

In un primo momento, sarà difficile convincerlo ad utilizzarlo ogni giorno. Pazienza e costanza, però, sono strumenti essenziali per abituare il gatto ad usare il tiragraffi.

Inoltre, se si ha del tempo a disposizione, ci si può divertire a costruire un tiragraffi per gatti fai da te in modo semplice e veloce e offrire al peloso abitudini e spazi tutti suoi, insieme al luogo per riposarsi bene. Premiarlo con degli snack o bocconcini adatti a lui, ogni volta che lo usa è un altro modo efficace perché entri a far parte della sua routine.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Ilaria G