Home Curiosita Perché il gatto ha paura del ventilatore? Quali sono i motivi e...

Perché il gatto ha paura del ventilatore? Quali sono i motivi e che strategie adottare per risolvere il problema

Il gatto ha paura del ventilatore? Scopriamo quali sono le migliori strategie per aggirare il problema e godersi il fresco insieme al proprio amico a quattro zampe.

Perché il gatto ha paura del ventilatore?
(Foto Adobe Stock)

Il gatto è un animale estremamente sensibile a novità e… rumori. Gli elettrodomestici che compriamo al fine di migliorare il nostro ed il loro comfort potrebbero turbare la serenità del nostro amico a quattro zampe proprio per questi motivi. Ad esempio il gatto potrebbe avere paura del ventilatore; come abituarlo alla presenza del dispositivo?

Perché il gatto ha paura del ventilatore?

Premettiamo che si tratta di un disagio eventuale; il gatto può avere paura del ventilatore, così come può godersi gli effetti benefici del dispositivo senza alcun timore.

gatto e ventilatore
(Foto Adobe Stock)

Molto spesso l’atteggiamento del felino dipende da come è stato abituato ed al rapporto che ha verso gli elettrodomestici ed in generale i dispositivi rumorosi.

È il rumore, di norma, il principale nemico del nostro piccolo amico a quattro zampe. D’altronde l’udito del gatto è decisamente più sviluppato del nostro, ed è superiore anche a quello del cane; basti pensare che il felino è in grado di percepire circa 100.000 hertz al secondo. 

Pertanto non ama i rumori molto forti. Dunque un’eventuale paura del ventilatore non è legata al dispositivo in sé, quanto al rumore ed al movimento che esso produce; e potrebbe essere lo stesso timore che il felino prova verso elettrodomestici simili, come ad esempio il phon.

Potrebbe interessarti anche: Come tenere il gatto attivo questa estate e al fresco: tante idee

Le strategie da adottare

Con il sopraggiungere delle alte temperature, soprattutto durante le ore più calde della giornata, diviene fondamentale trovare refrigerio, per sé e per i propri animali.

ventilatore
(Foto Pixabay)

Se in casa abbiamo un ventilatore per proteggerci dal caldo, ma il gatto ne ha paura, potrebbero crearsi diversi disagi.

Il felino potrebbe nascondersi in vari angoli della casa, e ne risentirebbe in termini di stress, dato anche la lunghezza non breve del periodo estivo; non accendendo il ventilatore, al contrario, ci troveremmo a soffrire eccessivamente il caldo, specie se non abbiamo una soluzione alternativa.

Abituare il gatto fin da cucciolo al ventilatore è la migliore delle soluzioni possibili. Se il dispositivo diviene familiare al piccolo felino, non dovrebbero registrarsi particolari ostacoli.

La difficoltà potrebbe nascere dal fatto che si tratta di un elettrodomestico stagionale, che utilizziamo soltanto durante il periodo estivo; se questo coincide con i primi mesi di vita del gattino, ne trarremo vantaggio.

Abituare un gatto adulto alla presenza e all’utilizzo del ventilatore potrebbe essere più complicato; se il felino mostra segni di paura è bene procedere per gradi.

Il migliore approccio è quello di accendere il dispositivo, per la prima volta alla presenza del felino, in una stanza molto ampia; in questo modo l’animale può scrutare da lontano, ad una “distanza di sicurezza”, il “nuovo arrivato”.

Potrebbe interessarti anche: Tappetino refrigerante per gatti: cosa sapere su questo accessorio estivo

Per l’occasione è bene impostare il ventilatore al livello minimo, in modo tale da diminuire il rumore; allo stesso fine è consigliabile accendere altri elettrodomestici con cui il gatto abbia familiarità, come ad esempio la televisione. Monitorate la reazione del felino, e decidete il da farsi.

Se il gatto ha paura, la migliore strategia è quella di fargli associare al dispositivo un ricordo positivo; questa è l’ora di sfoderare la leccornia preferita del nostro amico a quattro zampe, in modo tale che ricolleghi l’accensione del ventilatore ad uno spuntino prelibato.

Ricordiamo di munirci di estrema pazienza; non si tratta di un percorso dall’esito scontato, e potrebbe occorrere più tempo del previsto, così come potremmo fallire nel nostro intento.

In questo caso si può ricorrere ad un veterinario comportamentalista, oppure ad uno strumento diverso dal ventilatore; non solo per noi, ma anche rinfrescare il gatto dal caldo torrido.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

A. S.