Home Gatti Gatto stitico? Ecco i sintomi, cause e rimedi

Gatto stitico? Ecco i sintomi, cause e rimedi

CONDIVIDI

Il tuo gatto è stitico? scopri le cause della sua stitichezza, i sintomi e come prevenire con semplici rimedi. 

Hai un gatto in casa? di sicuro vorrai sentirlo un vero Re! Uno degli aspetti fondamentali per la sua vita è favorire una corretta alimentazione e stare attenti ai problemi “addominali.”

Perché il gatto non fa la cacca?

Come molti altri animali, anche il gatto può soffrire di stitichezza e avere quindi difficoltà a evacuare le feci.

La stitichezza diventa preoccupante se ostruisce il colon intero, perché implica che il gatto non fa la cacca da troppi giorni e ha accumulato residui che il corpo ha bisogno di espellere.

Un consiglio: quando rimuovi le feci dalla lettiera, controllale sempre: se sono dure e secche, per esempio, è chiaro che era qualche giorno che non faceva la cacca, o che provava a farla senza riuscirci. È un chiaro segnale che indica che il gatto soffre di stitichezza ed è bene capire da cosa sia stato causato il problema.

Se ti stai chiedendo quante volte un gatto fa la cacca, la risposta è tutti i giorni, per cui possiamo parlare di gatto stitico se sta dai 2 ai 4 giorni senza fare la cacca e se passano più giorni la situazione è ancora più grave.

Ti consigliamo di portare il gatto dal veterinario se sono passati due o più giorni dall’ultima volta che ha fatto i suoi bisogni. Se un gatto trattiene a lungo le feci è bene capire cosa stia succedendo  perché potrebbe anche trattarsi di un problema secondario dovuto da altre malattia. In ogni caso è molto importante identificare tale causa al più presto.

Gatto stitico: cause principali

Le cause per le quali il gatto non fa la cacca possono essere diverse, ma di seguito ti indichiamo le principali:

  1. La dieta è la prima delle cause per le quali un gatto è stitico. Assicurati che non sia povera di fibre!
  2. La mancanza di acqua può essere un altro fattore importante per determinare perché il gatto ha difficoltà a defecare. L’idratazione del corpo è fondamentale per l’apparato digerente!
  3. L’obesità è un altro fattore per il quale il gatto non riesce a fare la cacca come sempre.
  4. Il dolore nella parte bassa della schiena o problemi alle anche impediscono al micio di acquisire la postura corretta per defecare.
  5. È possibile anche che il gatto abbia ingoiato un oggetto non commestibile come un pezzo di un gioco, stoffa, fili, ossi, ecc. e che causano tale ostruzione e, di conseguenza, la stitichezza.
  6. L’infiammazione dell’apparato digerente è un’altra delle condizioni che causa problemi di evacuazione delle feci.
  7. Nei casi più gravi, la stitichezza nel gatto può essere causata da problemi neurologici. È per questo che è fondamentale portare subito il gatto dal veterinario.

Stitichezza nel gatto: sintomi

 

I sintomi della stitichezza nei gatti possono essere vari e spesso solo finché non ci si accorge che il gatto non fa i bisogni non si nota alcun sintomo particolare. Oltre che per questioni di igiene, quindi, controlla sempre la lettiera del micio!

Ecco quali sono i sintomi più comuni della stitichezza nel gatto:

  1. Passa molto tempo nella lettiera
  2. Cerca di defecare fuori dalla lettiera
  3. Paura o rifiuto della lettiera
  4. Dolore addominale e disagio
  5. Irritabilità
  6. Mancanza di attenzione nei confronti dell’igiene personale, non si lecca più
  7. Perdita dell’appetito
  8. Vomito
  9. Perdita di peso
  10. Feci piccole, dure e secche
  11. Sangue o muco nelle feci

    Possibili cure per la stitichezza nei gatti

    La cura della stitichezza nei gatti dipende dalla causa del problema. È molto importante non dare medicinali al gatto senza aver consultato il veterinario. In alcuni casi non è necessario ricorrere a medicinali.

    Ecco le cure “naturali”

    1. Apportare modifiche alla dieta. il veterinario indicherà una dieta più ricca di fibre e di acqua. Piano piano, vedrai che la stitichezza sparirà e il gatto potrà defecare senza problemi.
    2. Se il gatto ha i boli di pelo che hanno intasato il suo apparato digerente, dovrai dargli della pasta al malto per gatti.
    3. La paura o il rifiuto della lettiera si può risolvere cambiando il tipo di lettiera o il tipo di sabbietta e facendogli recuperare la fiducia verso quest’oggetto con il rinforzo positivo.

    Tuttavia ci sono anche dei casi più complicati in cui la stitichezza è un sintomo più che un problema in sé per sé ed è necessario ricorrere a farmaci o a un intervento chirurgico.

    1. Se il gatto ingerisce un oggetto non commestibile, è possibile che abbia un o provocarle un’ostruzione intestinale.
    2. Se è qualcosa di grande di sicuro te ne accorgerai prima ancora che il gatto soffra di stitichezza. Se invece l’oggetto ingerito è piccolo o di pezzetti che si accumulano poco a poco, noterai che il gatto mostra dei sintomi di malessere e stitichezza. Il veterinario dovrà realizzare prove come ecografie o radiografie perché a seconda della situazione potrebbe essere necessario un medicinale specifico per favorire l’espulsione dell’oggetto oppure ricorrere a un intervento chirurgico.
    3. Se il gatto non fa la cacca perché ha un’infezione all’apparato digerente, una lesione all’anca, dolore nella parte bassa della schiena o anche problemi neurologici, è fondamentale rivolgersi al veterinario non appena si notano sintomi strani e anomalie.

    Prevenire la stitichezza nei gatti

    Man mano che il gatto cresce, la stitichezza può diventare più frequente. Per questo motivo di seguito ti diamo alcuni consigli per prevenire un problema così invalidante in alcuni casi.

    1. La dieta del gatto deve essere equilibrata, contenere le sostanze nutritive necessarie alle sue esigenze e la giusta quantità di fibre e acqua.
    2. Inoltre tale dieta dovrà includere pesce azzurro,come tonno o sardine, poiché contiene grassi ottimi che aiutano il transito intestinale e aiuta a evitare l’accumulo delle feci.
    3. Il gatto deve avere sempre a disposizione abbondante acqua fresca.
    4. Assicurati di pulire con frequenza la lettiera.
    5. Controlla il peso e l’attività fisica svolta dal gatto.
    6. Spazzola il gatto tutti i giorni, tagliagli il pelo quando necessario e assicurati che espella le palle di pelo regolarmente, altrimenti dagli della pasta al malto per gatti per aiutarlo.

    Speriamo che questi ultimi consigli siano utili per la salute del tuo gatto!

    Ti potrebbe interessare anche: Il gatto non ha fame: cause e rimedi per l’inappetenza nei gatti

    Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI

    B.P