Home Gatti Salute dei Gatti Artrosi nel gatto: tutto quello che c’è da sapere su questa malattia

Artrosi nel gatto: tutto quello che c’è da sapere su questa malattia

L’artrosi è una patologia che può colpire anche il gatto, specialmente se anziano: vediamo cos’è, quali conseguenze provoca e come trattarla.

artrosi gatto
(Foto Adobe Stock)

Così come gli esseri umani, anche il gatto può soffrire di artrosi. Si tratta di una malattia che colpisce le articolazioni del micio, e può compromettere la qualità della sua vita, essendo molto dolorosa. Sfortunatamente, questa patologia è incurabile; tuttavia, può essere adeguatamente trattata per migliorare il più possibile il benessere del nostro amico a quattro zampe.

Artrosi nel gatto: cos’è e quali sono le cause

Contrariamente all’artrite, l’artrosi nel gatto non provoca dolore a causa dell’infiammazione articolare in sé. Il suo sviluppo, infatti, è direttamente correlato a fattori come l’alimentazione, la predisposizione genetica e la postura dell’animale.

L’insorgenza di questa malattia provoca un danno alla cartilagine delle articolazioni. Questo tessuto elastico ricopre l’estremità delle ossa e serve a ridurre l’attrito durante il movimento. Quando lo strato cartilagineo inizia a consumarsi, le articolazioni cominciano ad infiammarsi. Ciò dà avvio a un processo degenerativo cronico. Quali sono i principali fattori che determinano la comparsa dell’artrosi nel gatto?

  • Età avanzata;
  • Fratture e lesioni ai legamenti;
  • Malformazioni articolari;
  • Patologie infiammatorie come malattia di Lyme ed Ehrlichiosi.

Segni clinici della patologia: come riconoscerla

gestione gatto
(Foto Adobe Stock)

Come si manifesta l’artrosi nel gatto? Trattandosi di una patologia che provoca dolore nel micio, il primo e più evidente sintomo dell’insorgenza di questa malattia è rappresentato da cambiamenti comportamentali dell’animale. Il gatto, ad esempio, potrebbe adottare uno stile di vita eccessivamente sedentario, con tendenza ad evitare salti e corse. Tra gli altri segni clinici che permettono di individuare l’artrosi ci sono:

  • Stress;
  • Autolesionismo;
  • Mancanza di appetito e dimagrimento nel gatto;
  • Atteggiamenti di paura o aggressività;
  • Indebolimento del sistema immunitario.

Se il tuo micio presenta uno o più sintomi, non esitare a rivolgerti al veterinario. Il professionista sarà in grado di confermare la diagnosi di artrosi tramite un’accurata visita, seguita da radiografia, risonanza magnetica e tomografia computerizzata per individuare le lesioni e la loro gravità.

Potrebbe interessarti anche: Il gatto anziano non riesce più a correre: quali i veri motivi?

Cura, prevenzione e prognosi dell’artrosi nel gatto

gatto
(Foto Adobe Stock)

Come abbiamo anticipato, sfortunatamente non è possibile curare in via definitiva l’artrosi nel gatto. Tuttavia, ci sono una serie di misure che puoi adottare per tentare di migliorare la qualità della vita del tuo amico a quattro zampe:

L’artrosi non è una patologia che compromette la durata della vita del gatto. Tuttavia, essendo fonte di notevole disagio, sarebbe bene intervenire preventivamente per ridurre la possibilità che essa colpisca l’animale. Tra gli accorgimenti da adottare per scongiurare l’insorgenza di questa malattia ci sono un’alimentazione sana ed equilibrata e uno stile di vita attivo.

Se hai deciso di acquistare un gatto di razza, informati sulle condizioni di salute dei genitori dell’esemplare scelto, per accertarti che non presenti predisposizioni di natura genetica. Per questo, è fondamentale rivolgersi ad un allevatore serio e professionale, oltre che sottoporre il micio a un’accurata visita veterinaria per verificarne le condizioni di salute.

Potrebbe interessarti anche: Displasia dell’anca nel gatto: cos’è, quali sono i sintomi, come si cura

Laura Bellucci