Home Gatti Salute dei Gatti Gatto dimagrito: le cause della perdita di peso e come agire

Gatto dimagrito: le cause della perdita di peso e come agire

CONDIVIDI

Le cause del dimagrimento del felino sono diverse, ma cosa fare quando il gatto perde peso? Ecco tutto quello che c’è da sapere

gatto dimagrito
Un gatto dimagrito (Foto fonte iStock)

Se hai notato che il tuo gatto ha perso peso oppure mangia meno del solito o ancora non ha cambiato nulla nella sua alimentazione ma continua a dimagrire devi necessariamente agire senza perdere altro tempo. Le cause del dimagrimento del felino sono tantissime; dovrai quindi portarlo dal veterinario per una diagnosi e fargli seguire una dieta che gli permetta di riprendere il peso perso.

Vediamo quindi quali sono le possibili cause della perdita di peso del gatto e le soluzioni per aiutarlo a stare meglio.

Perché il gatto è dimagrito?

gatto dimagrito
Gatto e dimagrimento: cosa c’è da sapere (Foto fonte Pixabay)

Le cause del dimagrimento di un gatto sono tantissime, nell’elenco che segue troverai quelle più comuni ma sappi che l’unico che può fare una diagnosi corretta a Micio è il medico veterinario quindi niente fai da te, mi raccomando!

Parassita della digestione: i vermi digestivi sottraggono razioni di cibo al gatto provocando carenze. Micio segue una dieta corretta, mangia regolarmente le quantità previste ma non smette di dimagrire. Sarà necessario somministrargli un vermifugo secondo quanto prescritto dal veterinario.

Disturbo digestivo: anche i gatti hanno allergie alimentari, ad esempio al glutine o al lattosio. Queste possono causare diarrea cronica, perdita di peso e anche tumori all’apparato digerente. Se hai il sospetto che il tuo gatto sia allergico a un alimento o a parte di esso dovrai consultate un veterinario.

Stomatiti: si tratta di dolorose lesioni ulcerose della bocca che rendono difficoltoso mangiare. Il gatto quindi smette di mangiare perché sente dolore e pian piano dimagrisce.

Ipertiroidismo: a causa di un’eccessiva secrezione di ormoni tiroidei dalle ghiandole della tiroide il sintomo più comune è la perdita di peso.

Depressione: quando un felino è depresso o sta attraversando una fase di tristezza cronica può smettere di mangiare o mangiare poco. Quali le cause della depressione nel gatto? Una casa poco stimolante, un trasloco, un nuovo arrivo in famiglia (un nuovo animale o un bebè), allontanamento o lutti, traumi e operazioni.

Come far riprendere peso al gatto dimagrito

Dopo aver sentito il veterinario e seguito tutte le indicazione terapeutiche prescritte e i consigli per gestire la patologia riscontrata nel gatto dovrai cercare di far riprendere il peso a Micio. Ovviamente questo è un processo graduale e delicato: non devi ingozzare Micio con quantità industriali di cibo né tanto meno fargli mangiare di tutto. Deve riprendere peso sì, ma nella maniera corretta, quindi segui questi utili consigli.

Stimola l’ appetito: potrai riscaldare leggermente il cibo (l’odore rilasciato dal cibo caldo renderà più appetibile la pietanza) oppure aggiungere alla dieta frutta e verdura. Queste ultime oltre a essere saporite sono ricche di vitamine e minerali, ma attenzione, il gatto non può mangiare tutta la frutta e la verdura esistente. Chiedi al veterinario cosa potrai offrire al tuo amato pelosetto.

Fraziona le quantità: quantità più ridotte di cibo frazionate bene durante la giornata permetteranno un miglior assorbimento da parte dell’apparato digerente.

Acqua sempre a disposizione: l’idratazione è fondamentale per il benessere del gatto. Posiziona ciotole di acqua in diverse parti della casa e in giardino in modo tale da invogliare il felino a bere.

Ambienti sani e piacevoli: il gatto deve vivere in contesti puliti, tranquilli e piacevoli. Riserva uno spazio dove Micio possa mangiare e riposare in tranquillità, non deve essere disturbato.

Benessere: cerca tutte le soluzioni che possano favorire il benessere del gatto. Qualche idea? Trascorri più tempo con lui, gioca di più, fagli sentire il tuo affetto.

Altre informazioni utili su gatto e peso

Stabilire se un gatto è magro non è semplice poiché non esiste, come per l’uomo, l’IMC (indice di massa corporea). Diciamo che il gatto magro ha costole visibili e numerabili a occhio nudo senza che sia necessario tastarle, ha la coda sottile, il ventre magro, collo fine e lo sterno visibile. In media un gatto adulto pesa tra i 3,5 e i 5 kg, ma il peso cambia a seconda dell’età, della razza e del sesso.

Potrebbe interessarti anche >>>

S.C.

Amoreaquattrozampe è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI