Home Gatti Salute dei Gatti Astenia cutanea nel gatto: cos’è la sindrome di Ehlers-Danlos nel felino

Astenia cutanea nel gatto: cos’è la sindrome di Ehlers-Danlos nel felino

Astenia cutanea nel gatto: una malattia ereditaria che può colpire tutte le razze di felino. Ecco quali sono i sintomi da non sottovalutare.

astenia cutanea gatto
(Foto Adobe Stock)

Adottare un felino significa prendersi cura di lui. Purtroppo, esistono molte patologie che possono colpire i nostri amici a quattro zampe e alcune di esse sono rare e spesso ereditarie.

Come per esempio l’astenia cutanea felina, una patologia congenita che rende la pelle del micio fragile. Ma vediamo insieme quali sono le cause, i sintomi e il trattamento dell’astenia cutanea nel gatto.

Astenia cutanea nel gatto: cause e sintomi

La pelle del gatto è sana se presenta tali caratteristiche: ottima elasticità, durezza e forza.

Il gattino si arrabbia se lo tocco
(Foto Pixabay)

Questa caratteristiche sono possibili grazie ad un buon funzionamento del collagene. Nel momento in cui vi è una mancanza di collagene nel gatto, si ha la presenza dell’astenia cutanea felina detta anche sindrome di Ehlers-Danlos.

Ci sono due forme di astenia cutanea nel micio:

  • Autosomica recessiva;
  • Autosomica dominante.

Tale patologia indebolisce la pelle del micio, rendendola meno elastica. Esteticamente il gattino, anche di pochi mesi, sembra più anziano.

Tuttavia tale malattia non comporta solo problemi estetici ma anche varie problematiche che rendono fragile la salute del felino.

Infatti oltre alla fragilità della pelle e di conseguenza alla presenza di ferite che ci mettono tempo a risanarsi, si possono manifestare anche problemi interni come l’ernia del perineo e l’ernia diaframmatica nel gatto.

I principali sintomi dell’astenia cutanea nel felino sono:

  • Pelle dell’addome floscia;
  • Iperestensibilità della pelle;
  • Ulcere cutanee;
  • Articolazioni fragili;
  • Ossa fragili;
  • Ferite sul corpo.

Potrebbe interessarti anche: Astenia cutanea nel cane: cos’è la sindrome della pelle anelastica nel cane

Astenia cutanea nel gatto: diagnosi e trattamento

Per diagnosticare l’astenia cutanea nel gatto, il veterinario inizierà ad effettuare una visita clinica con esame istologico.

gatto veterinario amore dottore
(Foto Pexels)

Lo specialista potrebbe effettuare anche il test dell’estensibilità cutanea, ossia sollevare la pelle del micio per evidenziare il massimo livello di estensione.

Inoltre potrebbero esserci anche delle diagnosi differenziali, la principale è la sindrome da fragilità cutanea acquisita che è causata da varie patologie come:

Potrebbe interessarti anche: Steatosi epatica nel gatto: cos’è, cause, sintomi, cura

Trattamento

Essendo una patologia genetica, l’astenia cutanea del gatto non può essere trattata. Tuttavia viene consigliato da alcuni veterinario l’assunzione di vitamina C per migliorare clinicamente la situazione medica del felino.

È molto importante che i gatti affetti da questa patologia non siano a contatto con altri animali o con oggetti che possano provocare ferite al micio. Inoltre è necessario tagliare le unghie al felino per evitare che grattandosi possa provocarsi lesioni.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Marianna Durante