Home Gatti Salute dei Gatti Cura del Korat: spazzolatura del manto, pulizia e toelettatura

Cura del Korat: spazzolatura del manto, pulizia e toelettatura

Ecco i consigli da mettere in pratica per prendersi cura del gatto Korat: dai suggerimenti per il suo benessere ai trucchi di bellezza.

korat cura
(Foto Adobe Stock)

Sguardo ammaliante, manto soffice, aspetto suadente: il Korat, anche noto come Si-Sawat, è un micio davvero affascinante. Ogni quanto è opportuno spazzolarlo? Occorre fargli il bagnetto? Bisogna tagliargli le unghie? Scopriamo insieme le risposte a queste domande e tutte le informazioni da conoscere sulla cura del Korat.

Cura del Korat: spazzolatura e bagnetto

Ti stai chiedendo come prenderti cura al meglio del pelo del Korat? Ecco tutti i consigli a proposito.

gatto korat
(Foto Adobe Stock)

Trattandosi di un gatto quasi totalmente sprovvisto di sottopelo, il Si-sawat tende a perdere poco pelo anche durante il periodo di muta.

Per questo, è sufficiente spazzolarlo una volta a settimana, in modo da evitare la formazione di nodi e boli di pelo. Inoltre, si tratta di un’operazione fondamentale per ispezionare la pelliccia del micio ed individuare la presenza di eventuali parassiti.

Quale strumento scegliere per dedicarsi a questa operazione? Le alternative tra cui optare sono diverse. La scelta più classica potrebbe ricadere su una spazzola dalle setole corte e morbide.

In alternativa, si potrà acquistare un guanto da toilette con cui accarezzare il felino domestico e contemporaneamente spazzolare il suo mantello, rendendolo setoso e lucente.

Naturalmente, per fare in modo che il pelo del tuo micio sia sano e forte, cura adeguatamente la sua dieta. Per scoprire quello che c’è da sapere sull’alimentazione ideale del Korat, consulta questo articolo.

Fare il bagno al gatto sì o no? Tendenzialmente, la risposta è no: come ogni altro esemplare della sua specie, anche il gatto Si-Sawat è estremamente attento alla propria igiene personale e non ha bisogno di essere lavato.

Senza contare che questo micio risulta predisposto all’insorgenza di malattie dell’apparato respiratorio a causa della sensibilità alle basse temperature e all’umidità.

Potrebbe interessarti anche: Guanto per spazzolare il gatto: consigli per la toelettatura

Cura del Si-Sawat: pulizia di occhi, unghie, orecchie e denti

Infine, per prenderci cura del Korat è fondamentale sapere tutto sull’igiene di occhi, unghie, orecchie e denti.

micio thai
(Foto Adobe Stock)

Si consiglia di ispezionare regolarmente gli occhi e le orecchie del micio, per rimuovere eventuali secrezioni in eccesso prima che possano incrostarsi e causare l’insorgenza di infezioni.

Per eliminarle, sarà sufficiente avvalersi di una garza sterile inumidita in acqua tiepida. Tagliare le unghie al gatto sì o no? In realtà la risposta dipende dal proprio amico a quattro zampe.

Per gli esemplari giovani e attivi non è necessario: provvederanno da soli ad affilarsi gli artigli.

Potrebbe interessarti anche: Come tagliare le unghie al gatto: passaggi da seguire e consigli

Nel caso di mici anziani e sedentari, invece, potremmo dover intervenire per accorciare le unghie eccessivamente lunghe.

Se così fosse, sarà sufficiente utilizzare un apposito tagliaunghie, avendo cura di rimuovere solo la parte bianca e superficiale dell’artiglio, che risulta non vascolarizzata.

Infine, come prendersi cura dell’igiene orale del Korat? Per evitare l’accumulo di placca e tartaro, si consiglia di lavare regolarmente i denti al gatto, con appositi dentifrici e spazzolini formulati per i felini domestici.

In alternativa, si potrà ricorrere a creme igienizzanti da distribuire sulla dentatura del micio.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Laura Bellucci