Home Gatti Salute dei Gatti Ipercapnia nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Ipercapnia nel gatto: le cause, i sintomi e il trattamento

Ipercapnia nel gatto, ossia l’eccesso di anidride carbonica nel sangue dell’animale. Vediamo quali le cause, i sintomi e il trattamento.

gatto dal veterinario
(Foto AdobeStock)

L’ipercapnia nel gatto è l’ipoventilazione o anche chiamata inadeguata inalazione di aria, generata dall’incapacità delle cellule d’aria nei polmoni di assorbire quantità adeguate di ossigeno pulito.

Tuttavia, potrebbe anche essere causata da malattie polmonari o condizioni ambientali che provocano un aumento dei livelli di anidride carbonica nell’aria respirabile.

Vediamo quali sono le cause, i sintomi e il trattamento dell’ipercapnia nel gatto.

Cause dell’ipercapnia nel gatto

L’ipercapnia nel gatto è caratterizzata da un aumento della pressione parziale di anidride carbonica nel sangue arterioso.

gatto dal veterinario
(Foto Pinterest)

L’anidride carbonica viene costantemente aggiunta e rimossa dalle cellule d’aria nei polmoni.

Tuttavia, un eccesso di quest’ultima nel sangue può portare a una condizione anormale nell’organismo dell’animale, fino a causarne sintomi importanti e la morte del gatto.

La causa più comune, di ipercapnia nel gatto si verifica quanto nella macchina per anestesia un assorbente facente parte di quest’ultima, si consuma.

La respirazione incapace di fornire una quantità di ossigeno sufficiente ai polmoni e altrettanto impossibilitata ad espellere quantitativi sufficienti di anidride carbonica, tutto questo può essere causato da:

  • anestesia, a causa dell’aumento del biossido di carbonio inalato, come quello che si verifica dai gas di respirazione che erano stati espirati;
  • aria o fluido nello spazio pleurico;
  • limitazione del movimento della gabbia toracica;
  • ostruzione delle vie aeree superiori;
  • paralisi muscolare nel gatto;
  • ernia diaframmatica;
  • malattia del parenchima polmonare (malattia del tessuto polmonare);
  • malattia del sistema nervoso centrale;
  • somministrazione di bicarbonato di sodio che si dissocia in anidride carbonica quando c’è una ventilazione inadeguata. Il bicarbonato di sodio è presente in alcuni alimenti e farmaci, specialmente in alcuni medicinali usati per il trattamento dell’acidosi).

Sintomi

Quando si verifica questo eccesso di anidride carbonica nel sangue ossia l’ipercapnia nel gatto, è il cervello dell’animale quello maggiormente colpito da questa condizione.

Per tale motivo i sintomi includono:

  • condizioni gravi possono portare a rallentamento del battito cardiaco nel gatto e respiro lento;
  • debolezza;
  • ipoventilazione dovuta a debolezza muscolare o neuropatia;
  • liquido addominale in eccesso;
  • malattia del parenchima polmonare (cellule interne dei polmoni);
  • ostruzione delle vie aeree superiori;
  • schema respiratorio anormale.

 Potrebbe interessarti anche: Difficoltà respiratorie nel gatto: cause, sintomi, cura e prevenzione

Diagnosi e trattamento dell’ipercapnia nel gatto

Per poter eseguire una valutazione, il veterinario dovrà procedere con una diagnosi differenziale, poiché sono diverse le cause che possono portare a tale condizione.

Ragion per cui, il medico valuterà ogni sintomi e procederà con l’esclusione delle cause più comuni man mano, fino ad arrivare a capire il disturbo corretto e trattarlo poi con la terapia opportuna.

I test che il veterinario eseguirà per il controllo, sono:

Se nel caso il gatto non fosse cosciente o anestetizzato, il veterinario controllerà l’ipossiemia ovvero la mancanza di ossigeno.

Tuttavia, laddove fosse necessario, il veterinario eseguirà un’endoscopia delle vie aeree superiori per escludere una massa laringea o una paralisi della laringe.

Stabilita la diagnosi, il veterinario procederà con l’adeguato trattamento, ovvero inizierà fornendo un’adeguata ventilazione nelle cellule d’aria dei polmoni.

Eseguirà la ventilazione manuale o meccanica con un ventilatore per anestesia.

Se il gatto, invece, non dovesse essere anestetizzato, ma con grave malattia polmonare o del sistema nervoso centrale, può essere trattato con ventilazione meccanica (con un ventilatore per terapia intensiva), ma in questo caso dovrà essere sedato.