Home Gatti Salute dei Gatti Pressione alta nel gatto: i sintomi e i rimedi all’ipertensione del micio

Pressione alta nel gatto: i sintomi e i rimedi all’ipertensione del micio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:46
CONDIVIDI

Il micio soffre di ipertensione? Come riconoscere i sintomi della pressione alta nel gatto e tenerla sotto controllo con cure e rimedi.

Pressione alta nel gatto
Pressione alta nel gatto: cause e rimedi (Foto AdobeStock)

Tenere la pressione sotto controllo è molto importante non solo per la nostra salute ma anche per quella dei nostri amici a quattro zampe. Ma siamo sicuri di saper riconoscere i segnali della pressione alta nel gatto? Come si fa a misurarla e quali sono i metodi migliori per far sì che non si alzi troppo? Infatti le conseguenze della ipertensione nei gatti possono essere devastanti sulla sua salute. Ecco tutto quello che c’è da sapere per non farci trovare impreparati.

Potrebbe interessarti anche: Tromboembolismo arterioso del gatto: cause, sintomi, diagnosi e terapie

Pressione alta nel gatto: cosa significa

Veterinario
Veterinario visita il cucciolo (Foto Pixabay)

Solitamente chi pensa a problemi di pressione alta li associa automaticamente a problemi di stress e tensione. E sembra ancora più difficile associare questo tipo di stress ad un animale così pacato ed abitudinario come il nostro gatto domestico, eppure anche lui può soffrire di ipertensione. E non è un problema da prendere sottogamba: infatti esso può causare gravi problemi al sistema cardio-vascolare, renale, all’apparato visivo e nervoso.

La pressione sistemica arteriosa è quella che esercita il sangue sui vasi sanguigni e che fa arrivare il sangue ai vari organi del corpo. E’ il cuore a pompare il sangue, grazie a movimenti di contrazione e decontrazione. Ci sono diversi fattori che determinano la pressione arteriosa, ovvero:

  • contrazioni del cuore,
  • frequenza delle contrazioni,
  • volume del sangue e diametro dei vasi sanguigni,
  • grado di elasticità delle arterie.

La massima è la pressione esercitata dal cuore nella contrazione e non deve essere superiore ai 160 mm Hg. La minima invece non deve mai scendere al di sotto dei 70-80 mm Hg.

Sintomi dell’ipertensione del micio

Come accorgerci se il gatto soffre di pressione alta? Ci sono dei segnali da valutare nel complesso e basterà osservare attentamente il micio, che di sicuro ci apparirà diverso dal solito. Ecco di cosa potrebbe soffrire il gatto che ha la pressione alta:

  • problemi all’apparato visivo (pupille dilatate, distacco della retina, oscillazione involontaria degli occhi, emorragia dell’occhio, cecità);
  • tracce di sangue (nelle urine, dal naso);
  • episodi di convulsioni,
  • soffio al cuore,
  • debolezza negli arti,
  • disorientamento,
  • tiroide palpabile.

Cosa provoca la pressione alta nel gatto: tutte le cause

Pressione alta nel gatto
Pressione alta nel gatto: i motivi principali (Foto AdobeStock)

Quando si parla di pressione alta nel micio, ci si riferisce sempre ad un problema dovuto a malattie che possono sopraggiungere nel gatto bel corso della sua vita. Quindi per l’80% delle volte l’ipertensione è un effetto di altre malattie e solo nel 20% dei casi non ha una vera e propria causa scatenante.

Solitamente sono le malattie renali a creare problemi con la pressione, insieme a alterazioni ormonali e ipertiroidismo. Anche la malattia di Cushing (Leggi qui: Morbo di Cushing nel gatto: sintomi, cause e rimedi) quindi è tra le cause principali e il tumore delle ghiandole surrenali. Più raro è il caso del diabete che porta problemi di questo tipo, ma non è impossibile che questo accada (Leggi qui: Segnali di diabete nel gatto: come capire se micio è diabetico), così come tra le cause ci sono l’obesità del gatto e gli ‘acciacchi’ dovuti all’età che avanza.

Potrebbe interessarti anche: Cambiamenti nel naso del gatto che dobbiamo tenere d’occhio

Diagnosi e cura per l’ipertensione felina

La Società Internazionale di Medicina felina consiglia di misurare la pressione al micio almeno due volte all’anno quando supera i 15 anni. Trattandosi di un esame assolutamente indolore, dovremo solo cercare di tenere ben fermo il gatto che però non dovrebbe avere particolari problemi a farsi misurare i valori. Si consiglia di fare il test in una stanza tranquilla, senza persone o animali estranei, lasciarlo ambientare per un quarto d’ora prima di procedere e magari utilizzare dei feromoni per calmarlo (Leggi qui: Feromoni per gatti: cosa sono e come vengono recepiti). I metodi di misurazione sono due: con doppler e con metodo oscillometrico.

Come si cura la pressione alta nel gatto

Micio
Micio (Foto Pixabay)

Una volta diagnosticata un problema di pressione alta nel gatto, cosa possiamo fare per risolvere il problema? E’ bene chiarire che non esistono farmaci specifici per l’ipertensione nei felini, e di certo quelli prescritti dai medici per gli umani non sono assolutamente adatti al nostro amico a quattro zampe. I rimedi farmaceutici che esistono in commercio sono da dosare e da prescrivere.

Francesca Ciardiello