Home Gatti Salute dei Gatti Salute del Selkirk Rex: le malattie comuni della razza

Salute del Selkirk Rex: le malattie comuni della razza

Ecco tutte le informazioni da conoscere sulla salute del Selkirk Rex: quali sono le malattie comuni della razza e come riconoscerle.

malattie-comuni-selkirk-rex_optimized
(Foto Adobe Stock)

Prendersi cura del benessere del proprio amico a quattro zampe è fondamentale per garantirgli una vita sana, lunga e felice. Per questo, è indispensabile conoscere tutto sullo stato di salute del nostro pelosetto. Scopriamo insieme quali sono le malattie comuni nel Selkirk Rex, come si manifestano e cosa fare per intervenire correttamente e tempestivamente.

Malattie comuni del Selkirk Rex: l’elenco completo

Gli esemplari di questa razza sono di robusta costituzione e tendono a godere di buona salute.

Selkirk Rex Longhair
(Foto AdobeStock)

La durata media della loro vita è compresa tra i 12 e i 20 anni. Tuttavia, ci sono delle malattie comuni nel Selkirk Rex, che si trasmettono geneticamente da una generazione all’altra.

Per questo, è fondamentale sottoporre i mici a rischio a test genetici che possano individuare precocemente la patologia, in modo da impedire loro di riprodursi per diffonderla ulteriormente.

Nell’elenco delle malattie frequenti negli esemplari di questa razza ci sono:

  • Malattia del rene policistico;
  • Cardiomiopatia ipertrofica.

Oltre a queste patologie di natura ereditaria, gli esemplari di questa razza possono contrarre i comuni disturbi che insorgono in tutti gli altri felini domestici.

Tra questi, ad esempio, rientrano allergie, infezioni, malattie dovute alle infestazioni parassitarie.

Per questo, è importante prendersi cura al meglio dell’igiene del Selkirk Rex. Per scoprire tutto a riguardo, consulta il nostro articolo completo.

Potrebbe interessarti anche: La cardiomiopatia ipertrofica nel gatto: cause e sintomi della malattia

Malattia del rene policistico

Tra le malattie comuni nel Selkirk Rex c’è il rene policistico.

adottare-selkirk-rex-(1)_optimized
(Foto Adobe Stock)

Questa patologia causa la comparsa di cisti su uno o entrambi i reni dell’animale.

Nei primi stadi della malattia, trattandosi di neoformazioni di dimensioni ridotte, il gatto non manifesta alcun sintomo.

L’aumentare delle dimensioni delle cisti, però, causa delle alterazioni nella corretta funzionalità renale. A questo punto, iniziano a verificarsi segnali come:

  • Alito cattivo;
  • Dimagrimento;
  • Minzione frequente;
  • Aumento della sete;
  • Disidratazione;
  • Nausea.

Sfortunatamente, ad oggi non esiste una cura risolutiva per questa malattia.

L’unica modalità di intervento consiste nel trattare i sintomi per ridurre i dolori del felino e monitorare periodicamente la salute del micio, verificando l’avanzamento della patologia con ecografie regolari.

Potrebbe interessarti anche: Rene policistico nel gatto: cos’è, come si manifesta, quali sono le cure

Cardiomiopatia ipertrofica

Infine, la cardiomiopatia ipertrofica chiude l’elenco delle malattie comuni nel Selkirk Rex.

Selkirk Rex Longhair
(Foto AdobeStock)

Si tratta di una patologia cardiaca, che colpisce il ventricolo sinistro del cuore del gatto.

Le pareti ventricolari diventano più spesse. Di conseguenza, il lume ventricolare è in grado di contenere una ridotta quantità di sangue.

Questo, quindi, si ripercuote sulla normale circolazione sanguigna.

La malattia può restare asintomatica, manifestandosi improvvisamente con una insufficienza cardiaca congestizia, oppure causare la comparsa di segnali come:

  • Soffio cardiaco;
  • Aritmia;
  • Debolezza;
  • Apatia;
  • Difficoltà di respirazione.

Sfortunatamente, ad oggi non esiste un trattamento definitivo per la patologia.

La prognosi dipende dal momento in cui la cardiomiopatia ipertrofica è stata diagnosticata: qualora la diagnosi sia avvenuta durante un regolare controllo dal veterinario, le probabilità di sopravvivenza del micio saranno molto più alte.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.