Home Gatti Salute dei Gatti Come sentire il polso, il battito cardiaco del gatto e i suoi...

Come sentire il polso, il battito cardiaco del gatto e i suoi segni vitali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16
CONDIVIDI

Imparare a sentire il battito cardiaco del nostro gatto può essere fondamentale in momenti di emergenza o per verificare lo stato di salute del micio.

sentire battito cardiaco del gatto
Impariamo a sentire il battito cardiaco e i segni vitali del gatto (Foto Pixabay)

Come si fa a dire che un gatto è sano? Se i suoi segni vitali sono nella norma, solitamente non c’è da preoccuparsi. E non necessariamente dobbiamo rivolgerci a un veterinario, anzi spesso dobbiamo intervenire da soli per verificare che il nostro micio stia bene, magari in un momento di emergenza. E allora, è necessario imparare a sentire il battito cardiaco, misurare la temperatura e conoscere il respiro del nostro gatto, così da poter intervenire tempestivamente.

Potrebbe interessarti anche: Gatto avvelenato: tutto quello che c’è da fare in caso di emergenza

Come fare a sentire il battito cardiaco del gatto

I gatti possono avere mal di testa
Possiamo capire così se il gatto ha un problema di salute. (Foto AdobeStock)

Per percepire il polso ed il battito cardiaco del gatto, c’è un modo molto semplice che sfrutta l’arteria femorale del nostro amico a quattro zampe.

Ecco come procedere, contando sulla collaborazione del gatto:

  • Appoggiamo la mano destra nell’interno della coscia del micio, con tre dita (indice, medio e anulare). Dobbiamo posizionarla all’altezza dell’inguine.
  • Scorriamo le dita, ma non facciamo pressione.
  • Noteremo a un certo punto sotto le dita l’arteria femorale. Al tatto sembrerà una sorta di corda.
  • Facciamo una lieve pressione, sentiremo così le pulsazioni.
  • Posizioniamo l’animale sdraiato su un fianco. Spostiamo in avanti la sua zampa anteriore.
  • Appoggiamo la mano con il palmo sul suo torace, subito dietro al gomito.
  • Una volta che troviamo il battito, possiamo misurarlo.
  • Un buon metodo è misurare per 20 secondi il battito, e poi moltiplicandolo per 3 avremo il numero di battiti al minuto.

Certo, come si può capire il problema principale sarà che il gatto potrebbe non avere nessuna intenzione di permetterci tutto questo, se troppo nervoso.

Altrettanto importante, prima di continuare, è sapere quali sono i valori vitali di un gatto che possiamo considerare “normali”, come riferimento:

  • Frequenza cardiaca: 100 – 170 battiti al minuto
  • Frequenza respiratoria: 10 – 40 al minuto
  • Temperatura rettale: 38,5-39°C

Come misurare la temperatura a un gatto

sintomi della febbre nel gatto
Come misurare la febbre al nostro gatto? (Foto AdobeStock)

Consideriamo che la temperatura corporea di un gatto in salute dovrebbe normalmente essere compresa tra i 38,5 e i 39,2 °C.

Una temperatura che sia al di sotto dei 38,5 °C o superiore ai 39,5 °C dovrebbe allarmarci e richiedere una visita dal veterinario.

Ovviamente se il gatto è in un momento di stress (come nell’ambulatorio del veterinario) la sua temperatura potrebbe temporaneamente più alta del normale.

Alcune persone si affidano all’umidità del naso del micio per conoscere la sua temperatura corporea. Ma non è un metodo preciso.

Spesso se le orecchie di un gatto sono calde, allora il nostro amico a quattro zampe ha la febbre. Ma anche in questo caso, non possiamo fare affidamento.

L’unico metodo realmente affidabile e preciso per misurare la temperatura del nostro micio è usare un termometro rettale.

Potrebbe interessarti anche: Pronto soccorso animali: come risolvere le emergenze per cani e gatti

Come misurare il respiro del gatto

gatto
Se il gatto non respira regolarmente, quando preoccuparsi? (Foto AdobeStock)

Un gatto che respira normalmente dovrebbe avere una frequenza tra i 16 e i 30 respiri al minuto, da valutare ovviamente quando il micio si trova a riposo.

Per contare la sua frequenza respiratoria, mentre il micio è seduto o sdraiato, osserviamo il movimento della sua gabbia toracica.

Anche in questo caso, come per il battito cardiaco, contiamo per 30 secondi quanti movimenti vediamo, e moltiplichiamo poi per 2.

Ci sono varie possibili ragioni dell’aumento della frequenza respiratoria: se il gatto soffre di problemi cardiaci o respiratori, colpo di calore, stress.

Valutiamo quindi la situazione generale e le condizioni del nostro gatto, per capire se dobbiamo preoccuparci davvero.

Se notiamo che il gatto respira con la bocca aperta, in ogni caso, è importante portarlo immediatamente dal veterinario.

Come succede all’uomo, i gatti possono soffrire di infezioni alle vie respiratorie superiori o allergie dell’apparato respiratorio. Anche in questi casi, ci sono variazioni nel suo respiro.

F. B.