Home Gatti Salute dei Gatti Sindrome della Cauda Equina nel gatto: tutto ciò che c’è da sapere

Sindrome della Cauda Equina nel gatto: tutto ciò che c’è da sapere

La Sindrome della Cauda Equina nel gatto, è una patologia che può colpire i nostri amici pelosi. Vediamo insieme di cosa si tratta.

sindrome della cauda equina nel gatto
(Foto Pexels)

Esistono molte patologie che colpiscono i nostri amati felini, ed è nostro compito prenderci cura di loro e capire il prima possibile quando è necessario portare il Micio dal veterinario.

Una delle malattie che possiamo riscontrare nel gatto è la Sindrome della Cauda Equina. In questo articolo vedremo insieme di cosa si tratta e quali sono i sintomi a cui fare attenzione.

Sindrome della Cauda Equina nel gatto: cos’è e quali sono i sintomi

La Sindrome della Cauda Equina, conosciuta anche come Stenosi Degenerativa Lombosacrale, è una patologia di carattere neurologico.

gatto malato
(Foto Adobe Stock)

Tale malattia, consiste nel restringimento del canale vertebrale il quale provoca la compressione dei nervi presenti tra la settima vertebra lombare e la prima sacrale.

Tali nervi rendono possibile il movimento delle articolazioni posteriori del Micio e della sua coda. Inoltre rendono capace la funzionalità degli organi addominali del nostro amico a quattro zampe.

Un gatto che presenta tale patologia, che può essere sia congenita che acquisita, presenta molti sintomi, come:

  • Difficoltà motorie;
  • Dolore alla coda;
  • Mal di schiena;
  • Dolore agli arti posteriori;
  • Zoppia nel gatto;
  • Incontinenza.

Potrebbe interessarti anche: Malattie da accumulo lisosomiale nel gatto: cause, sintomi e cura

Stenosi Degenerativa Lombosacrale nel gatto: diagnosi e trattamento

Per diagnosticare la Stenosi Degenerativa Lombosacrale nel gatto, il veterinario dovrà effettuare un esame fisico completo.

gatto malato
(Foto Adobe Stock)

Lo specialista toccherà delicatamente la colonna vertebrale del Micio, e muoverà gli arti posteriori del felino. Dopodiché il veterinario potrà effettuare anche altri esami, come:

  • Radiografia;
  • Risonanza magnetica;
  • Tac.

A seconda della gravità dei sintomi, ci sono trattamenti diversi. Se a causa di tale Sindrome il felino è incontinente, potrebbe essere ricoverato con un catetere urinario, finché non riprenderà la corretta funzione vescicale.

In caso di dolore, il veterinario potrebbe prescrivere antinfiammatori e analgesici al Micio, il quale deve limitare i movimenti, soprattutto non deve correre o saltare.

Se il gatto non riesce a muoversi più e presenta un dolore intenso, il veterinario potrebbe optare per un’operazione chirurgica. Qualsiasi sia la terapia adatta al vostro Micio, è opportuno che quest’ultimo eviti qualsiasi esercizio faticoso.

Potrebbe interessarti anche: Albinismo nel gatto: i tratti caratteristici, le malattie a cui espone il felino

Inoltre nel caso in cui il gatto sia in sovrappeso, un programma di perdita di peso potrebbe essere utile, affinché il nostro amico a quattro zampe possa sentire meno il dolore.

Per restare sempre aggiornato su news, storie, consigli e tanto altro sul mondo degli animali continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram. Se invece vuoi dare un’occhiata ai nostri video, puoi visitare il nostro canale YouTube.

Marianna Durante